LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

II paesaggio tradito
Leonardo Servadio
Avvenire, 04/11/2005

Una serie di iniziative a cura del Centro San Fedele rilancia la questione del degrado

Le notizie hanno una loro velocità: scorrono sui fogli di giornale e nelle immagini televisive con ritmi orari o giornalieri. Quanto accaduto ieri spesso è già subito dimenticato. Anche a paesaggio si muove, ma con tempi e ritmi diversi. Accelerati beninteso, ma non tanto quanto l'incalzare delle "novità". Forse è per questo che l'opinione pubblica stenta a farsene carico in modo continuativo. Un ciclo di conferenze e una mostra fotografica organizzata dal centro culturale San Fedele di Milano [da domani al 26 novembre i dibattiti, dal 26 novembre al febbraio 2006 la mostra, per informazioni www.sanfedele.net), offrono un'occasione per ripensare all'argomento. Gli incontri affronteranno i «Paesaggi italiani» da diversi punti di vista e la mostra illustrerà il «Paesaggio tradito» dagli interventi dissennati degli ultimi cinquantanni di urbanizzazione spesso selvaggia. Salvatore Settis, direttore della
Scuola Normale Superiore di Pisa, che interverrà sul tema «Patrimonio culturale, identità e memoria» il prossimo 19 novembre, dice: «L'opinione pubblica recepisce i temi su cui insistono i partiti politici, e questi non considerano il paesaggio come una priorità. Di qui la
necessità che questo, sia posto al centro di una battaglia di carattere civile a tutto campo, al di fuori degli interessi di parte». Critico attento e appassionato difensore del patrimonio culturale italiano, egli è stato tra coloro che hanno contribuito a plasmare il Codice dei Beni Culturali varato dal precedente ministro Giuliano Urbani.

È cambiato qualcosa per il paesaggio da quando, poco più di un anno or sono, questa legge è entrata in vigore?
«Il Codice Urbani ha il grande merito di prendere in considerazióne il paesaggio, di definirlo parte integrante dei beni culturali e di proteggerlo. Il problema è che, passati solo quattro mesi dalla sua promulgazione, il governo ha approvato una legge sull'ambiente che depenalizza gli illeciti contro il
paesaggio. In quattro mesi quindi si è affermata la tutela e la si è negata».
«Ho vissuto e insegnato a lungo negli Stati Uniti - specifica Settis -la difesa dei beni culturali lì segue logiche differenti da quelle italiane: privatistiche, non pubbliche. Ma con un notevole grado di efficacia. Basti pensare che non solo le grandi società, ma anche i singoli cittadini possono liberamente sovvenzionare i musei, detraendo iloro versamenti dal carico fiscale. Anche in Italia ci sarebbero leggi che vanno nella stessa direzione. Ma di fatto sono disattese, perché troppo macchinose. Lì è possibile detrarre dalle tasse le donazioni ai musei, mentre l'evasione fiscale è perseguita con efficacia e con costanza. Qui vige invece l'evasione fiscale diffusa mentre paesaggio e beni culturali sono spesso abbandonati. Secondo un calcolo del ministero dell'Economia annualmente l'evasione fiscale ammonterebbe a circa 110 miliardi di euro, mentre secondo stime della Guardia di Finanza raggiungerebbe i 410 miliardi. Cifre enormi che, se intercettate dal fisco, consentirebbero non solo di svolgere una politica di efficace promozione del patrimonio culturale, ma anche di risolvere i problemi del deficit di bilancio». Salvaguardare quella che è da molti considerata la principale ricchezza italiana, il suo patrimonio culturale, è di rilevante importanza sia per l'identità del paese, sia per la sua economia: il turismo culturale è in continua crescita, mentre le altre forme di turismo, quelle che più immediatamente si rivolgono al paesaggio propriamente detto, sono in calo. E' anche questo un effetto del tradimento del paesaggio italiano. «E il tradimento continua - sostiene Massimo Venturi Ferriolo, ordinario di Estetica al Politecnico di Milano - basti pensare all'impatto che potrà avere la costruzione di un'opera quale il ponte sullo Stretto di Messina. Il paesaggio, naturalmente, è frutto dell'azione dell'uomo nella storia. È vivo e cambia in continuazione. Ma gli interventi vanno calibrati e con cautela, valutando gli effetti che hanno anche sulla cultura e sulle persone. E le popolazioni del luogo vanno coinvolte. Lo richiede anche la Convenzione europea sul paesaggio. Qui in Italia si parla spesso di "recupero", bisognerebbe invece passare al concetto di "governo del paesaggio e delle sue modifiche. È un problema etico ed estetico assieme. In questi giorni sta facendo molto rumore il dibattito riguardo al passaggio della nuova linea ferroviaria di alta velocità in Val di Susa. Tuttavia quel genere di infrastruitture può avere un impatto positivo. Per il recupero
dell'identità locale. Per esempio: lungo l'autostrada che va dalla Francia alla Spagna, soprattutto nella zona di Nimes, sono state realizzate piazzole di sosta che sono veri e propri parchi, che consentono sia di apprezzare il paesaggio, sia di mettere in luce le emergenze archeologiche romane tipiche della zona.» Così il paesaggio può essere goduto fisicamente, esperito personalmente. Ma può essere anche conosciuto attraverso i mezzi di comunicazione di massa: in fondo questi possono invogliare il pubblico ad avvicinarvisi. Un argomento al quale si interessa Enrico Menduni, massmediologo dell'Università di Roma 3, che interviene proprio domani inaugurando il ciclo di incontri. «Però c'è un deciso spartiacque - spiega - collocabile attorno al 1976. L'epoca in cui arrivò la televisione commerciale. Prima di quella data, e della concorrenza all'inseguimento dell'audience che ne derivò, l'impostazione didascalica della televisione portava a mostrare paesaggi allo scopo di far conoscere cose nuove, ignote. Dopo quella data, è subentrata la spettacolarizzazione della quotidianità. Questo ha portato sulle scene il paesaggio di tutti i giorni - fisico, urbano, umano. È un approccio diverso, dal quale non si impara nulla. Il paesaggio è rientrato tra gli oggetti di intrattenimento».



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news