LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Betori: «La Chiesa non è estranea al Paese»
Giovanni Gazzaneo
Avvenire, 04/11/2005

«La Chiesa non è né si sente estranea al Paese:
chi volesse ignorare questo dato di fatto, con ciò stesso rinnegherebbe una componente imprescindibile dell'identità nazionale, un fattore essenziale delle sue radici che, per quanto ci riguarda, vogliamo continuare a sviluppare e a mettere al servizio di tutti». Il vescovo Giuseppe Betori, segretario generale della Cei, interviene sul Concordato riflettendo sull'orizzonte storico che segna la vita e la cultura del nostro Paese, senza alcun accenno alle recenti polemiche di radicali e socialisti rispetto agli accordi tra Santa Sede e Repubblica, italiana.
L'occasione è data dal convegno su «Il patrimonio culturale di interesse religioso dopo l'intesa del 26 gennaio 2005» presso la Fondazione Cini di Venezia.
Il bene culturale diventa il simbolo di un rapporto fecondo tra Stato e Chiesa; le chiese, le opere d'arte, i codici miniati, le abbazie sono sì il frutto del genio della fede, ma la bellezza e la verità che esprimono è per tutti e costituiscono la nostra i-dentità di popolo. L'intesa del 2005 deriva da questo riconoscimento: «Si viene a dare forma - continua monsignor Betori -a una precisa consapevolezza da parte dello Stato; il bene artistico e culturale ecclesiastico entra nella sfera di attenzione del legislatore proprio perché l'autorità civile riconosce nell'espressione religiosa un elemento costitutivo dell'identità della società e della nazione. Da parte sua, l'autorità ecclesiastica - osserva ancora il segretario generale della Cei - nel ricercare le modalità più adeguate con cui inserire le peculiarità del bene ecclesiastico nel contesto comune della tutela e della valorizzazione dei beni artistici e culturali da parte dello Stato, riconosce all'opera concepita come espressione della fede e in funzione della fede un più ampio significato sociale, culturale e storico, che la rende anche patrimonio dell'intera società». Le due prospettive non si oppongono: al contrario si integrano, pur manifestandosi come frutto di una comprensione della realtà che resta specifica per ciascuno dei due soggetti, ma che ha per ambedue la medesima finalità di promuovere il bene delle persone e della comunità».
La collaborazione tra Stato e Chiesa nel campo dei beni culturali trova la sua prima affermazione esplicita nel 1984, con il primo comma dell'articolo 12 dell'Accordo di revisione del Concordato lateranense, dove si afferma il principio di collaborazione tra Santa Sede e Repubblica italiana, nel rispettivo ordine, perla tutela del patrimonio storico artistico.
E questo nel quadro più ampio introdotto dall'articolo 1, che impegnava le parti, dopo aver ribadito il principio di indipendenza e di sovranità, «alla reciproca collaborazione per la promozione dell'uomo e il bene del Paese». L'accordo del 1984 è stato possibile, continua il vescovo, a partire dal superamento «di antichi pregiudizi e avvalorando il metodo della collaborazione tra istituzioni usualmente impegnate nella ricerca di soluzioni atte a contemperare gli interessi di parte, a vantaggio del bene comune e della promozione integrale della persona». Una collaborazione, quella tra Stato e Chiesa, che il segretario della Cei fa risalire al Concilio.: «Il principio della sana cooperatio per il bene comune, felicemente compendiato nella ben nota formula del n. 76 della Costituzione Gaudium et spes, sintetizza un modello di relazioni che impegna lo Stato e la Chiesa alla piena promozione della persona umana e del suo vivere sociale, senza peraltro indulgere a confusioni di piani e di ordini. Tale principio richiede di essere tradotto e concretizzato in modalità e contenuti specifici rispetto alle materie di comune interesse, che toccano la dimensione spirituale della persona e in particolare le sue esigenze religiose, nella loro dimensione sia individuale sia comunitaria». «L'intesa si colloca - conclude Betori -nel contesto di quelle modalità di piena cittadinanza della Chiesa nella vita del nostro Paese, che ne contraddistinguono lo stile dei rapporti con la società civile e con le istituzioni. Auspico che questo stile di relazioni possa continuare a dare frutti, perché la legittima distinzione degli ordini non implica separatezza ma, al contrario, costituisce il presupposto di una feconda reciprocità».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news