LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Forti austriaci presto all’asta Legambiente denuncia il pericolo che le strutture militari passino ai privati
di Enrico Santi
Giovedì 3 Novembre 2005 L'Arena




Il Parlamento ha reso più facile la vendita di Santa Sofia, Santa Caterina, Lugagnano e dell’aeroporto militare di Boscomantico

«Fortificazioni che fanno parte del sistema delle mura»






Comprare i forti austriaci messi in vendita dal ministero della Difesa, in quanto «non più utili ai fini istituzionali» sarà più semplice. Il «pericolo» che le strutture militari diventino di proprietà privata riguarda anche alcune strutture costruite dagli austriaci nel Veronese, forte Santa Sofia, forte Santa Caterina e forte Lugagnano, e l’area dell’aeroporto militare di Boscomantico.
«Il Parlamento, nei giorni scorsi», fa sapere il presidente provinciale di Legambiente, Michele Bertucco, «ha ratificato un decreto legge del Governo che semplifica, e quindi accelera, le procedure previste dal precedente decreto del 28 febbraio 2005 che autorizzava la vendita ai privati di 240 immobili in tutta Italia». Questa operazione dovrebbe fruttare alle casse dello Stato circa un miliardo di euro. Per acquistare le tre fortificazioni veronesi non s’è fatto ancora avanti nessuno, ma le preoccupazioni di chi vorrebbe che diventassero patrimonio pubblico, per il loro valore storico e ambientale, si sono acuite. «Lo Stato li ha messi in vendita, ma secondo il cosiddetto codice Urbani dovrebbero, invece, essere dichiarati incedibili», esclama Albino Perolo che si occupa, per conto di Legambiente, delle questioni che riguardano il parco delle Mura. «La città di Verona», continua l’esponente ambientalista, «è stata dichiarata patrimonio dell’umanità e queste fortificazioni sono l’estensione nel territorio di quella particolare architettura militare che caratterizza la struttura architettonica della nostra città. Inoltre, si trovano in zone di collina e lungo l’Adige che si vogliono tutelare e che potrebbero entrare a far parte di un percorso storico-naturalistico. Non si tratta di salvaguardare solo gli edifici ma anche le vaste aree che ci stanno intorno, quindi rinnoviamo il nostro appello a far sì che i cittadini veronesi non perdano questo patrimonio. Speriamo che Comune di Verona e Soprintendenza ai beni architettonici si diano da fare». Aggiunge Bertucco: «Dopo l’approvazione del Pat, il piano d’ambito territoriale, le possibilità di garanzia e di salvaguardia sono aumentate rispetto a qualche mese fa e il Comune potrebbe esercitare un diritto di prelazione su queste strutture».
Diego De Carlo, presidente della Commissione consiliare per la valorizzazione dell’architettura militare, fa sapere che «allo stato, per forte Santa Sofia e le altre due fortificazioni austriache, non è ancora stato fissato il prezzo di base d’asta, né si sono fatti avanti possibili acquirenti». E annuncia: «Ai nostri esperti legali abbiamo chiesto di verificare se il Comune può far valere un diritto di prelazione. Se associazioni o realtà di volontariato ci presentassero dei progetti di utilizzo di questi edifici, potremmo considerare l’opportunità di acquisirli noi come Comune. Ma allo stato attuale si tratta solo di un’ipotesi tutta da valutare e da verificare. Abbiamo chiesto un incontro a Roma con il sottosegretario competente proprio per poter avere il quadro preciso della situazione».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news