LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Egizio, il faraone è uno squatter
Maurizio Lupo
Stampa Torino, 3 novembre 2005

L'Accademia delle Scienze aveva chiesto al Museo di pagare di più o di sbaraccare entro il 2004
Una sala del Museo Egizio: l'Accademia delle Scienze vuole aumentare la pigione, ma il Ministero fa orecchie da mercante

II Museo Egizio si scopre moroso, persino «occupatore abusivo» di alcune sue sale, con un padrone di casa - l'Accademia delle Scienze - che vuole ritoccargli l'affitto, che impugna il contratto di locazione, che invia la disdetta a Roma, perché dice che il ministero ai Beni Culturali non paga regolarmente la pigione pattuita: 40 mila euro l'anno.
E' stato un segreto fra addetti ai lavori fino a ieri, quando i] professor Pietro Rossi, presidente dell'Accademia, ha accettate di parlarne, con la pacata determinazione di chi crede nel suo diritto e vuole andare fino in fondo a una questione spinosa, E' una storia di soldi, ma anche di princìpi. Per di più la vicenda è stata seguita da un contenzioso che ha comportato lo smantellamento della nuova biglietteria provvisoria che era già stata allestita la primavera scorsa nell'atrio del Museo, in vista delle Olimpiadi.
Come si è giunti a questa resa dei conti? Tutto incomincia il 19 settembre 1942, quando l'Accademia delle Scienze riceve in concessione dal Demanio delle
Stato un terzo del Palazzo dell'ex Collegio dei Nobili, che da allora condivide con la Soprintendenza ai Beni Artistici e quella alle Antichità Egizie, responsabili rispettivamente del Museo Egizio e della Galleria Sabauda. «Oltre agli ambienti aulici l'Accademia - dice Rossi - siamo titolari di parte dei locali occupati dal Museo Egizio». Sono le sale nuove al piano terra, a sinistra dell'androne d'ingresso, più alcuni ambienti dell'interrato. Accademia e Soprintendenze sono inoltre condomine dei beni comuni, indivisibili: l'atrio e il cortile. «Dagli Anni 8C il Museo Egizio è nostro inquilino» ricorda Rossi. «Paga 40 mila euro l'anno, una cifra che desideriamo ricontrattare». L'Accademia non la considera più adeguata: «Basti pensare - nota - che la Farmacia Masino, altra nostra inquilina nel Palazzo, paga 3C mila euro l'anno, per occupare locali pari a un sesto degli spazi affittati al Museo Egizio».
La vertenza con Roma data ormai da due anni. E' partita con una disdetta del contratto, comunicata dall'Accademia a Roma, il 2 novembre 2003, con la richiesta di ricontrattare la questione. «Non ci hanno nemmeno risposto». Così il 3 settembre l'Accademia delle Scienze ha scritto di nuovo, sollecitando un contatto, precisando che, in mancanza di risposta, «i locali avrebbero dovuto esserci restituiti alla scadenza del 31 dicembre 2004, liberi da qualsiasi arredo e oggetto». Ad oggi sono ancora occupati: «Sì - ribatte Rossi -sono occupati senza titolo, in modo abusivo». Ma il punto di vista dello Stato è diverso: «L'Accademia delle Scienze è titolare di una concessione d'uso, non di una proprietà».
Fra tali tensioni è stata allestita la biglietteria contestata dall'Accademia delle Scienze. E' stata realizzata ad aprile, dalla società Rear, concessionaria dei servizi aggiuntivi del Museo, «su incarico e sotto la supervisione del Ministero», precisa il direttore regionale ai Beni culturali Mario Turetta. «Comunque sia - ribatte Rossi - è stata eretta un'opera orrenda, invasiva dell'atrio di cui siamo condomini e che nascondeva parte del colonnato d'ingresso. Così a giugno abbiamo chiesto alla Rear di rimuoverla. A fronte del suo rifiuto ci siamo rivolti al Tribunale». Il 15 luglio c'è sta la prima udienza. E' finita sul nascere, con un rinvio, chiesto per esaminare una proposta di compromesso, «una biglietteria meno invasiva», suggerita dall'assessore alla Cultura Fiorenzo Alfieri. Il risultato? Nessun accordo. La contesa è così tornata dinanzi ai giudici, il 20 settembre. Ma non si è arrivati a una sentenza, perché i legali della Rear hanno rinunciato alla biglietteria.
«La Rear ha agito su indicazione del ministero - precisa Turetta. - Per il bene del Museo nessuno vuole un disaccordo con l'Accademia delle Scienze. Preso atto che quella biglietteria le dispiaceva, l'abbiamo rimossa. La questione potrà essere risolta con tutto il resto, quando verrà realizzato il nuovo Museo». Il 19 dicembre il ministero consegnerà l'Egizio alla Fondazione delle Antichità Egizie presiduta da Alain Elkann. «Per l'Accademia delle Scienze - dice Rossi - rappresenterà un nuovo interlocutore».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news