LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Civiltà romana, un museo da salvare
ADRIANO LA REGINA
La Repubblica, Cronaca di Roma, 3 novembre 2005

Contiene un vero e proprio tesoro per lo studio del mondo antico

La raccolta dell'Eur compie 50 anni

Calchi di opere d'arte e di documenti epigrafici l'esposizione delle e plastici di architetture
Vi si vorrebbe trasferire scenografie dell'Opera
Civiltà romana, un museo da salvare
La raccolta dell 'Eur compie 50 anni No allo smantellamento

COMPIE cinquant’anni il Museo della civiltà romana, nato da una straordinaria raccolta documentaria e dall'ordinamento di materiali a cui si è lavorato nella prima metà del Novecento con la generosa partecipazione di istituzioni italiane e straniere. Vengono ora formulate proposte di un suo smantellamento, di cui si è appreso dalla stampa, senza che si abbia una esatta cognizione del suo valore e delle sue potenzialità, per poterne destinare i locali all'esposizione delle scenografie del Teatro dell'Opera.
Si tratta infatti di un museo negletto e mortificato, in buona parte ridotto a magazzino, che ha sempre
trascorso una grama esistenza per il peccato originale della funzione ideologica attribuitagli dal fascismo. Contiene un vero e proprio tesoro di informazioni e di strumentazione didattica per lo studio del mondo antico: calchi di opere d'arte e di documenti epigrafici, plastici di architetture e di impianti urbani, ricostruzioni di macchine, di strumenti e di oggetti d'uso, e persino il grande plastico della città di Roma come possiamo immaginarla in età tardo antica, così frequentemente riprodotto nelle trattazioni divulgative di antichità romane.
Alcune riproduzioni hanno un valore assoluto per lo studio di opere d'arte e di documenti che nel frattempo si sono deteriorati o sono stati distrutti. In molti casi è inoltre possibile esaminare da vicino i calchi di sculture altrimenti inaccessibili, come i rilievi della colonna di Traiano, ordinatamente esposti ad altezza d'uomo.
Tutto questo materiale è distribuito in spazi grandiosi, la cui altezza consente la ricostruzione di edifici per l'altezza di dieci metri. Vi è esposta tra l'altro la riproduzione a grandezza naturale del pronao del tempio di Augusto ad Ankara con il calco del testo delle imprese dell'imperatore inciso sulle pareti, il celebre «monumentum Ancyranum». Le sale ospitano ben 59 sezioni con uno sviluppo parietale di circa tre chilometri. La documentazione è imponente, e il museo costituisce certamente la più importante struttura oggi esistente, non solo in Italia, per rappresentare le nostre conoscenze su tanti aspetti del mondo romano.
Fu inaugurato nella sua sede dell'Eur nel 1955 dopo una lunga storia che ha origine nel 1911 quando, in occasione di una grande mostra archeologica tenuta nelle Terme di Diocleziano per celebrare il cinquantenario del Regno d'Italia, furono riprodotti molti monumenti di località che avevano fatto parte dell'impero romano, dalla Britannia alla Mesopotamia. Questo materiale costituì il primo nucleo del Museo dell'impero romano, che fu ospitato dal 1929 nell'edificio di via dei Cerchi, allora ristrutturato per essere il Palazzo dei musei, ora sede di uffici comunali e dell'anagrafe elettorale, che il Comune ha giustamente deciso di destinare nuovamente a museo. La raccolta si accrébbe di un altro ingente nucleo di preziosissimi documenti in occasione della Mostra augustea della romanità, tenuta nel bimillenario della nascita di Augusto (1937) per celebrare il regime fascista che della romanità si proclamava erede e rinnovatore.
11 Museo dell'impero romano svolse un ruolo importante nell'ideologia della Terza Roma, al punto che nel nuovo quartiere dell'EUR, l'Esposizione universale di Roma prevista per il 1942, fu costruita la sede monumentale che tuttora lo ospita su progetto di Pietro Aschieri e altri (1939).Ilmuseo fu portato a compimento sola-mente dopo la guerra, cinquant'anni fa, secondo l'intento originale e con il nome attuale di Museo della civiltà romana.
L'importanza dei materiali che vi sono custoditi, e l'interesse che tuttora essi riscuotono nel mondo degli studi, ne hanno assicurato la sopravvivenza nonostante i ripetuti tentativi di manomissione o di smantella- Adriano mento che si so- La Regina no succeduti
per svariati motivi, non ultimo quello della appetibilità della sua sede.
Il Museo supererà anche le presenti difficoltà, e il Comune ne saprà certamente garantire il recupero. Se così non fosse, con la separazione dei documenti della ro-manità dall'architettura concepita per ospitarli perderemmo un raffinato esempio di rappresentazione del programma culturale fascista, il cui interesse storico a sessant'anni dalla fine del regime oltrepassa sicuramente quello di qualunque coinvolgimento ideale o politico.
Il Museo della civiltà romana può insomma rinnovarsi pur mantenendo i caratteri originali e adottando nel contempo strumenti che ne possano arricchire la capacità di comunicazione delle conoscenze sul mondo antico. Le nuove tecnologie offrono infatti la possibilità di farne un museo moderno e affascinante, in cui la documentazione tradizionale può essere integrata con l'impiego della realtà virtuale.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news