LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cda Scala, Albertini stoppa Penati
Corrado Dragotto
Il Giorno, 3 novembre 2005

MILANO — Si profila lunga e lastricata di sangue gruppo euro la strada che la Provincia, dopo aver conquistato con un casello-casello da record il controllo di Serravalle, intendeva percorrere per arrivare alla meta della rappresentanza nel eda della Fondazione Scala prima del rinnovo per naturale decadenza ( 16 novembre). L'assemblea dei soci convocata ieri pomeriggio s'è, infatti, espressa a maggioranza a favore dell'allargamento, a mezzo revisione dello statuto, da nove a sette dei componenti l'esecutivo (ma solo il Governo, attraverso una modifica della legge sugli ex enti lirici o un collegato alla Finanziaria, può dare il nulla osta definitivo) e del passaggio di Camera di commercio tra i soci
pubblici ma ha imposto una tassa di 10,6 milioni di euro all'ingresso di Palazzo Isimbardi nella stanza dei bottoni piermariniana. Gabriele Albertini, sindaco, presidente del Cda e antagonista principe di Filippo Penati dopo la sconfìtta patita sul fronte della concessionaria di A? e Tangenziali, sembra, dunque, essere riuscito a stoppare l'avvento di Via Vivaio sul ponte di comando della Fondazione Scala. E, ieri sera, s'è gustato a freddo il dolce sapore della «vendetta, tremenda vendetta»
nei confronti dell'ex segretario metropolitano dei Ds. «Macché ritorsione - hanno fatto sapere in serata dal Comune -. Semplicemente, l'assemblea ha chiesto alla Provincia di corrispondere quanto previsto per assicurarsi un posto al sole del eda. E, cioè, un versamento in un'uni-
ca soluzione di due annualità dell'8% del Fondo unico per lo spettacolo, pari ciascuna a 2,7 milioni di euro, oltre a un pregresso di 5,2 milioni di euro per i quattro anni passati dall'istituzione della Fondazione in poi. In totale, sarebbero 10,6 milioni di euro.». Ma la verità è che Albertini ha pilotato le condizioni dettate dai soci attraverso una fitta serie di abboccamenti più o meno informali con i soggetti pubblici e privati chiamati a dare semaforo verde o rosso alla Provincia e a Banca Intesa (1 ' istituto timonato da Corrado Passera, partner finanziario di Penati nell'operazione Serfavalle, non figura più nella top ten di gradimento del sindaco). E il summit-aperitivo dipanatosi a Palazzo Marino prima che incominciasse l'assemblea, poi seguita da una seduta del cda, non è servito a ridurre a più miti consigli il sindaco. Albertini ha, infatti, tranquillamente ignorato che il sovrintendente Stéphane Lissner e il vicepresidente della Fondazione Bruno Ermolli gli ricordassero che pecunia non olet e che i 5,2 milioni teoricamente messi sul banco dal convitato di pietra Penati rappresentassero una boccata d'ossigeno per i conti in rosso della Scala (il cda ha approvato, ieri, il preconsuntivo 2005 con 1,6 milioni di euro di passivo) . «Non intendo concedere corsie preferenziali né sconti a Via Vivaio - avrebbe, secondo i soliti beninformati, chiuso le consultazioni il primo cittadino -. Se la Provincia vuole catapultare un suo uomo nel cda dovrà corrispondere alla Fondazione quanto previsto da statuto e normative vigenti in materia». Una trincea sulla quale, evidentemente, l'assemblea dei soci s'è attestata. Uscendo dal Pier-marini, l'assessore provinciale alla Cultura ha manifestato sconcerto. «È uno sbarramento - ha scandito Daniela Benelli (Ds) - che mostra la mancanza di volontà politica di accogliere la Provincia. Siamo stati sostanzialmente sollecitati a farci carico di quanto non erogato dalla Giunta di Ombretta Colli, che aveva contribuito alla Fondazione per poco più di 100.000 euro l'anno. Braccia aperte, insomma, non ne abbiamo trovate». Ma la prova provata dei cavalli di Frisia allestiti da Albertini è arrivata a conclusione del cda. Ermolli ha, infatti, anticipato che l'assemblea dei soci verrà convocata il 14 novembre con all'ordine del giorno il rinnovo del cda. Come dire che il nuovo esecutivo sarà ancora composto da «magnifici sette» membri. Con buona pace di Penati e di Passera, che dovranno aspettare un'eventuale cooptazione.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news