LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Scala cambia le regole per entrare nel Cda
Pierluigi Panza
Corriere della Sera, cronaca Milano, 3 novembre 2005

Ieri il Consiglio d'ammistrazione della Scala potrebbe essere la Provincia, che però ritiene
ha inviato al governo una lettera per chiedere eccessiva la quota di partecipazione richiesta,
una modifica di legge che consenta di 10 milioni di euro. Polemico il centrosinistra
aggiungere due membri nel Cda. Uno con la decisione assunta.
Scala, dieci milioni di euro per entrare nel Cda
Mortificato lo statuto, La Provincia: è un boicottaggio, Ermolli: teatro aperto a tutti nel rispetto della legge

Sì all'avvio delle procedure per l'ingresso della Provincia nel Cda della Scala, ma a un «prezzo» superiore a quello ipotizzato da Palazzo Isimbardi, da 5 a 10 milioni di euro.
E' il risultato della giornata di ieri alla Scala, iniziata con l'Assemblea dei soci fondatori, che ha dato parere favorevole al passaggio della Camera di Commercio a socio pubblico (ha messo 18 milioni di euro dal '99) con diritto di nomina di un membro del Cda, ma ha anche espresso che si avviino le procedure per chiedere una modifica di legge atta a consentire il passaggio da 7 a 9 membri, per far entrare in Cda un rappresentante della Provincia. Come richiesto da Penati al sindaco in una lettera del 26 ottobre, in cui si diceva (dopo aver annunciato di aver stanziato circa 5 milioni di euro per la Scala) di essere pronto «a discutere l'apporto finanziario che la Provincia dovrà assicurare nel tempo alla Scala...»
Ma ieri, quando è stato presentato il conto — ovvero 5,2 milioni di euro come quota per diventare socio permanente (negli anni passati la Provincia versava solo la quota simbolica di 100 mila euro) e 5,4 in due anni come previsto per legge (recepita ieri) per avere il diritto di nomina permanente di un membro nel Oda (la legge prevede che si versi almeno l'8% all'anno di quanto versalo Stato, quindi circa 2,7 milioni) —, all'assessore Daniela Benelli si sono rizzati i capelli. «È evidente che non c'è la volontà politica di accogliere la Provincia alla Scala. La novità di oggi è il colpo di mano dell'ultima ora con cui è stato introdotto un ulteriore sbarramento, che ha portato la quota di partecipazione di 5,4 milioni di euro previsti dalla legge a 10,6 milioni di euro. Anche alla nostra richiesta di ingresso nel Cda come membro di diritto è stato opposto un diniego, rinviandolo ad una eventuale modifica di legge che allarghi il numero dei soci da 7 a 9. Hanno blindato il governo della Scala». Il Cda, comunque, ottemperando alle richieste dell'assemblea, ha fatto partire una lettera del sindaco al ministero per i Beni culturali con la richiesta di un emendamento alla finanziaria con modifica di legge per passare da 7 a 9 membri nel Cda. Oltre alla Provincia, l'altro membro potrebbe essere Banca Intesa o un rappresentante privato. «Lo spirito della Scala è quello di includere, non di escludere», ha dichiarato all'uscita del Cda il vicepresidente Bruno Ermolli. Per questo, ha lasciato intendere, abbiamo deciso di richiedere al governo la modifica della legge «al fine di poter allargare a nove il numero dei membri del Cda». Aggiungendo che, per rispetto delle regole e di tutti, spera che «la Provincia si allinei con i contributi richiesti dai soci». Quanto ai no-
mi del prossimo Cda si sapranno dopo la riunione del 14.
Mentre i lavoratori hanno espresso ieri sera le loro perplessità per i previsti tagli al Fus leggendo un comunicato sindacale prima della messa in scena del Pelléas et Mélisande di Claude Debussy, la sinistra cittadina ritiene che le decisioni assunte alla Scala siano un blocco e non un'apertura.
Per Nando Dalla Chiesa (Margherita) «bisogna evitare vendette sulla Scala. I rapporti tra le Istituzioni non possono essere condizionati dai rancori personali. Che tutti gli enti locali debbano entrare nel Cda della Scala è un fatto dovuto. Far pagare alla Scala le liti sulla Serravalle significa non avere il riguardo per un ente di tutti».
Per i ds Emanuele Fiano e Marilena Adamo, «con un'interpretazione se non arbitraria quantomeno opinabile, il Sindaco e i Soci della Scala intendono sbarrare alla Provincia l'ingresso nel Cda. Sembra un atteggiamento da azzeccagarbugli che rischia di far perdere il contributo economico della Provincia, la cui presenza rafforza la solidità istituzionale a garanzia del suo futuro». E aggiunge la Adamo: «Sembra una finta questa proposta di allargamento ed è contro la legge considerare la Camera di Commercio un socio fondatore pubblico come Regione e Comune». Daniele Farina e Giovanni Occhi, consiglieri di Rifondazione, si esprimono «contro la politica delle esternalizzazioni dei lavori alla Scala».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news