LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Polluce, il tesoro dei record
Michela Berti
Nazione Toscana & Liguria, 3 novembre 2005

Impresa di quattro sub al largo di Portoferraio intomo al relitto del piroscafo affondato nel 1841

Venti giorni a 103 metri di profondità per recuperare monili e monete
LIVORNO — II portellone della camera iperbarica è stato aperto alle 16:30 sulla banchina della darsena Neri nel cuore del porto di Livorno, e finalmente i quattro sub della Marine Consulting — Stefano Lunardini, Giorgio Verdura, Fabrizio Cappucci e Roberto Zicche — hanno potuto vedere la luce dopo 20 giorni vissuti nella campana pressurizzafja in fondo al mare alla ricerca del tesoro del Polluce. E' stato l'ultimo atto di un'operazione di archeologia subacquea senza precedenti nel bacino del Mediterraneo per la profondità e la tipologia dell'intervento: il Polluce, affondato il 17 giugno 1841 a sudest dell'isola d'Elba dopo l'abbordo del pitoscafo «Mongibello», giace a 103 metri di profondità. Dal 14 ottobre scorso i subacquei hanno setacciato circa un Sterzo della poppa del Polluce portando alla luce 2000 monete d'argento, colonnati spagnoli, decine di monete d'oro, splendidi gioielli dell’800, pietre preziose, oggetti in avorio e legno, già nellemani dei restauratori della Soprintendenza Archeologica della Toscana che li riporteranno agli antichi splendori.
E’ stata un'esperienza indimenticabile — ha detto Lunardini, il primo sub ad uscire dalla camera iperbarica — anche se in certi momenti faticosa, soprattutto quando dovevamo lavorate nella quasi totale oscurità, a oltre cento metri di profondità. Ci fidavamo solo delle nostre mani. Essere stati i primi a toccare monete e gioielli che risalgono all'800 è stata una vera emozione, come anche trovare oggetti personali dei passeggeri del piroscafo». «L'operazione è stata di .grande importanza scientifica — ha spiegato l'archeologa Pamela Gambogi responsabile nel Nucleo operativo subacqueo della Soprintendenza Archeologica Toscana— per questo stiamo pensando a pubblicare un diario del lavoro svolto». E' un progetto pilota per il recupero dì relitti a grandi profondità; il piroscafo è stato suddiviso in griglie e per ogni recupero è stata fatta una scheda che consentirà, in laboratorio, di studiare meglio anche i reperti. Fondamentale la logìstica con il nuovo pontone «Meloria» della ditta Neri di Livorno che, dotato di quindici cabine doppie una sorta di albergo viaggiante, ha fatto da base per le operazioni di recupero che si sono svolte cinque miglia a largo di Portoazzurro. «Un lavoro difficile — ha detto l'amministratore delegato. Alfredo Neri — reso possibile dalla professionalità degli operatori ma anche dai bel tempo, che ci ha assistito». Affiatato il team composto da archeologi della Soprintendenza, da tecnici della Hds Italia di Ravenna, da specialisti della Marine Consulting e dello studio di archeologia subacquea Tethys, dai tecnici della ditta Neri. «Resta il divieto assoluto nella zona del relitto — ha spiegato la Gambogi — eccetto la momentanea navigazione. L'area viene controllata dalle forze dell'ordine per evitare visite non autorizzate». Risale al 2000 l'incursione piratesca di alcuni inglesi che, con una benna, depredarono parte del relitto portando via 2400 monete e una settantina di gioielli, in parte recuperati; la vicenda ha ancora risvolti giudiziali. I tesori del Polluce appartengono allo Stato: «Secondo la legge il materiale recuperato dovrebbe essere esposto in un museo nazionale — ha precisato la Gambogi — in questo caso a Firenze. Ci so no progetti di alcuni comuni dell'Elba per dare vita ad un museo civico con i reperti del Polluce». Una storia che ha ancora molte pagine da scrivere. Resta ancora nascosta una parte del tesoro: l'imbarcazione, secondo i giornali dell'epoca, trasportava 100mila monete in oro e 70mila in argento oltre ai beni di 46 passeggeri facoltosi quando, in poco meno di quindici minuti, affondò dopo l'abbordaggio con il vapore della compagnia di navigazione napoletana Mongibeilo. Sul Polluce torna il silenzio, protetto dal mare. Ma l'uomo ha iniziato la sua gara: una battaglia di resistenza e tecnologia per la scoperta di nuovi tesori.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news