LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VILLAFRANCA. Gravissimo danno allo storico edificio ottocentesco di proprietà dello Stato ma affittato al Comune
Fiorenza Gallina
Mercoledì 2 Novembre 2005 L'Arena





Crollato il tetto del Tiro a segno
Degrado di anni; adiacente c’è la sede dei podisti che dovranno traslocare


Villafranca. Un sordo boato e il tetto di uno dei monumenti storici di Villafranca, il Tiro a segno, è venuto giù. È successo lunedì sera verso le nove. E meno male che nell’attigua sede del Gruppo podistico villafranchese- che, comunque, non è stata interessata al crollo anche se un sopralluogo, data la giornata festiva di ieri, non è ancora stato fatto-, non c’era nessuno.
Ad accorgersi che nell'ex Tiro a segno (è stato dismesso da anni) era accaduto qualcosa di grave, sono stati Isabella Roveroni, assessore alla Cultura, il marito Luigi Facincani e Fortunato Perina, presidente del Consiglio comunale, che stavano passeggiando nei pressi con altri amici. Nel momento del crollo si trovavano proprio davanti alla palazzina di via Custoza.
«Abbiamo sentito un forte rumore», raccontano, «e abbiamo visto delle tegole cadere sul marciapiede. Ci siamo resi conto subito che il tetto stava crollando. Abbiamo guardato attraverso il cancello che chiude la palazzina e abbiamo visto il tetto completamente rovinato. Abbiamo immediatamente telefonato all'assessore Angiolino Faccioli che è il responsabile della Protezione civile».
Faccioli arrivato sul luogo, ha provveduto con due operai del Comune a recintare la zona. «Una volta sul posto ho visto che tutto il tetto dello stabile, ormai in abbandono da parecchi anni e in uno stato di completo degrado, era crollato. Così ho provveduto a far transennare l'area. Nessuno può entrare nello stabile che è pericolante anche se non sembra che si possano verificare altri cedimenti».
Ma come è possibile che un monumento storico- i Tiri a segni nazionali furono voluti addirittura da Garibaldi per affinare la mira col fucile degli italiani- non abbia mai subito nessun intervento di recupero? Perché si è lasciata andare in totale sfascio? «Purtroppo lo stabile è di proprietà dello Stato. Noi lo abbiamo solo in affitto, anche perché l'area del ex tiro a segno arriva praticamente fino alle scuole di via Luigi Prina. Comprende i giardini e i parcheggi di via Magenta e la zona dell'orto botanico».
Ma se l’avevate in affitto come mai non è stato segnalato, magari alla Soprintendenza, lo stato pericolante del tetto? «Perchè non si sapeva lo stato di gravità. C’è un uomo che cura l’orto retrostante e che ci va quotidianamente. Lui avrebbe dovuto segnarlo, ma non l’ha fatto. Già da anni le varie amministrazioni hanno cercato di acquistare tutta l'area. All'inizio sembrava che lo Stato ce la vedesse per poche lire, poi si è parlato di miliardi. Anche la nostra amministrazione si è attivata per l'acquisto. Adesso il problema più urgente è quello di mettere a sicurezza lo stabile. Faremo immediatamente sopralluoghi per evitare che si verifichino ulteriori crolli».
Il divieto di accedere all'area tocca da vicino il Gruppo Podistico Villafranca (Gpv) che da molti anni ha la sua sede in alcuni locali che fanno parte dello stesso edificio del Tiro a segno. «È sempre stata una sistemazione provvisoria», afferma Ovidio Losigo, presidente del Gpv. «Il nostro gruppo conta 150 iscritti fra chi fa agonismo e chi fa podismo a livello amatoriale. Per il momento ci arrangeremo riunendoci in casa di qualche socio. Poi se la nostra sede sarà dichiarata inagibile chiederemo all'amministrazione di trovarci un altro spazio».




news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news