LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Piazza Navona, il progetto cambia: i marciapiedi non saranno smantellati
Lilli Garrone
CORRIERE DELLA SERA - Cronaca Roma, 02-NOV-2005


L'hanno deciso di comune accordo il sindaco Walter Veltroni e l'assessore all'Urbanistica Roberto Morassut. «Saggia decisione», commenta il professor Adriano La Regina, da sempre contrario alla modifica per il rischio di una invasione dei tavolini dei bar

Contrordine. In piazza Navona resteranno i marciapiedi. La decisione di conservare un aspetto ormai storicizzato, perché risale a 130 anni fa, e abbandonare l'idea del «campo unico», è stata presa all'improvviso e di comune accordo fra il sindaco Walter Veltroni e l'assessore all'Urbanistica Roberto Morassut. «Dopo quasi due anni di confronto - spiega Roberto Morassut - avevamo raggiunto una sostanziale condivisione con le sovrintendenze, sia quella ai Beni architettonici che quella Archeologica, sulla risistemazione di piazza Navona come un "campo unico" con l'eliminazione dei marciapiedi, sia quelli centrali che quelli laterali».
Un accordo, però, lungo e faticoso. Raggiunto appena pochi giorni fa, come riportato dal Corriere della Sera, e adesso rapidamente superato. I motivi li spiegalo stesso assessore all'Urbanistica. «La risistemazione senza i marciapiedi che risalgono al 1878, ha tuttavia in questi anni sollevato obiezioni da più parti. Compresa quella del professor Adriano La Regina - aggiunge Morassut - il quale in verità si è sempre opposto a questa soluzione anche per evitare il rischio di una crescente invasione dei tavolini dei locali».
Un problema perennemente presente nelle discussioni, anche se il progetto con l'eliminazione dei marciapiedi, sul quale si era avuto finalmente il via libera delle sovintendenze, era accompagnato da una limitazione «grafica» e precisa sul terreno tramite una diversa pavimentazione, oltre che con un progetto al centimetro sulla «massima occupabilità» dello spazio. «Ogni progetto di pedonalizzazione e riqualificazione di piazza Navona condotto dall'ufficio Città storica - aggiunge infatti Roberto Morassut - aveva sempre prestato la massima attenzione al problema, delimitando lo spazio e giocando sulla tessitura della pavimentazione, disegnando sul terreno le sagome di massimo ingombro degli spazi commerciali. Tuttavia - ammette - è evidente che troppo spesso questi limiti vengono varcati abusivamente. E nel caso di piazza Navona, dopo l'ordinanza del sindaco, appena tradotta in delibera, non possiamo proprio permetterci questo rischio».
E così si è abbandonata l'ipotesi del «campo unico». Effettivamente «mi sento di condividere totalmente la posizione del professor Adriano La Regina e la decisione del sindaco», afferma Roberto Morassut.
Piazza Navona, però, di qualche intervento di manutenzione, al di là della sparizione del «suk» quotidiano, ha decisamente bisogno. E ne ha bisogno soprattutto la chiesa di Sant'Agnese in Agone perché nell'abside vi sono delle infiltrazioni d'acqua. I soldi che attualmente sono a disposizione sono un milione e mezzo di euro che potrebbero servire per risanare le gallerie dei sottoservizi con un «sistema - racconta Roberto Morassut - che dato il delicato tessuto archeologico prevede un intervento minimamente invasivo con dei robot, secondo un metodo trovato dal direttore dell'ufficio Città storica, l'architetto Gennaro Farina». Fondi che potrebbero essere anche sufficienti per risistemare la pavimentazione nei punti dove è più sconnessa: «Faremo -aggiunge il titolare dell'Urbanistica - interventi puntuali dove c'è più bisogno, anche in concerto con l'applicazione della nuova delibera».
Ridimensionato, dunque, l'intervento previsto su piazza Navona, che invece di avere l'aspetto dei primi anni '800 avrà quello della fine del secolo, i lavori in altri luoghi del centro storico vanno avanti. Piazza di Spagna per 1’8 dicembre, la festa dell'Immacolata, quando il Papa si reca a rendere il suo omaggio alla statua della Vergine, sarà restaurata in tutta la parte centrale, viste anche le prossime festività natalizie. A maggio inizieranno invece i lavori in via Margutta per 500 mila euro, e più o meno nello stesso periodo quelli in piazza Fontanella Borghese.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news