LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scala, si apre il confronto sullo statuto. Oggi il Cda del Teatro milanese
Cristina Jucker
Il Sole-24 ore, 02-NOV-2005




Il tempo stringe per il rinnovo del vertice del Teatro alla Scala, ma gli scenari sono ancora tutti aperti. Oggi pomeriggio l'assemblea dei soci fondatori (una ventina circa) è convocata per esprimere un parere sulle modifiche dello statuto: sono cinque o sei, alcune di routine, come il recepimento (peraltro non obbligatorio) della norma che abbassa all'8% per due anni dei fondi pubblici dati alla gestione della fondazione il requisito minimo per nominare un rappresentante nel cda; altre più "singolari", come il fatto di indicare che la Camera di commercio è equiparata ai soci fondatori pubblici. Poco dopo sarà la volta del consiglio di amministrazione, che si riunirà per approvare queste modifiche.
Poi la palla passa al ministero dei Beni culturali: da qui, infatti, deve arrivare il via libera allo statuto. Ma l'ok non è scontato. Anzi. All'interno del ministero non mancano le perplessità, i timori che cambiando alcune regole si vada contro lo spirito della legge che aveva avviato la trasformazione degli enti lirici in fondazioni private. Nello stesso tempo, l'ipotesi di proporre una modifica della legge per aumentare il numero di consiglieri (e quindi far posto a tutti i pretendenti a una poltrona nel cda scaligero) non sembra così facile da percorrere. E non è escluso che, proprio in attesa di verificare questa soluzione, l'assemblea di oggi possa slittare.
Quello che è certo è che il tempo stringe: il 16 novembre il consiglio scade, e una nuova assemblea dovrà nominare i successori (sempre che non si arrivi a prorogare l'attuale vertice, come aveva proposto l'ex sovrintendente Carlo Fontana).
Nel frattempo, la richiesta di Silvio Berlusconi di farsi mandare un "dossier" sulla Scala ha suscitato, com'era inevitabile, vivaci polemiche, in un momento difficile per tutte le fondazioni. Ma i problemi sono altri (a controllare i bilanci delle Fondazioni ci pensa già la Corte dei conti).
La prima emergenza ora è quella di ripristinare le risorse del Fondo unico per lo spettacolo drasticamente tagliate dalla Finanziaria. E anche qui il tempo stringe: la legge impone alle Fondazioni di presentare il bilancio preventivo al cda entro il 31 ottobre. E prevede che il ministro possa sciogliere il vertice e inviare un commissario nel caso in cui il bilancio fosse in rosso. E allo stato attuale, con entrate ridotte del 30-40%, in rosso lo è per tutti. Così il ministero ha deciso di concedere una "licenza" in attesa di conoscere l'evoluzione dei fondi in Finanziaria.
Ma il ripristino del Fus non sarà indolore: entro fine anno dovrebbero arrivare nuove regole, che vanno nel senso di quella razionalizzazione delle fondazioni di cui aveva parlato anche recentemente il ministro Bimiglione I cardini dovrebbero essere la pensione per i ballerini a 42 anni, la decadenza dei contratti integrativi che non rispettano le norme di legge e il blocco di nuove assunzione per un triennio. Se oggi il costo del lavoro, complessivamente, si aggira sui 330 milioni, basterebbe un risparmio del 15% per compensare quei 50 milioni circa che rappresentano il deficit del settore.
E quindi sul contratto di lavoro (che scade a fine anno) che bisogna lavorare: «Il contratto nazionale va rivisto» sostiene Walter Vergnano, presidente dell'Anfols, l'associazione dei sovrintendenti, che una bozze del nuovo accordo è già pronto a metterla sul tavolo al momento opportuno. E Gennaro Di Benedetto, sovrintendente del Carlo Felice di Genova, aggiunge: «Ormai siamo a un punto di non ritorno, bisogna che una serie di nodi vengano sciolti. Se no è come fare una corsa a ostacoli, in cui gli ostacoli si alzano mentre si corre».




news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news