LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GAETA: Beni culturali, la Curia chiede il rispetto degli accordi
www.iltempo.it, martedì 1 novembre 2005




GAETA - In attesa che venga ufficialmente convocato il Consiglio Comunale di Gaeta per discutere il ventilato trasferimento dei beni storico-artistici, così come richiesto dall’Arcidiocesi di Gaeta, al costituendo Museo Diocesano all’interno di Palazzo De Vio, la Curia di Gaeta interviene per la prima volta sulla questione che tanto nelle ultime settimane ha fatto discutere. In una nota ufficiale il documento dell’Arcidiocesi di Gaeta chiarisce i termini della vicenda, chiaramente dal suo punto di vista ed affermando sostanzialmente che il tanto clamore sollevato appare inutile ed è dimostrato che ciò che si è chiesto appartiene, in definitiva, a Santa Romana Chiesa. «In merito alle opere artistiche ed ai dipinti attualmente custoditi presso il Centro Storico Culturale si fa presente che questa Curia Arcivescovile e le Chiese interessate, che da tempo immemorabile, in precedenza, li hanno custoditi, ben volentieri hanno consentito nel corso degli ultimi decenni, ovvero dal 1976 ad oggi - si legge preliminarmente nella nota ufficiale della Chiesa gaetana - con l’autorizzazione della Soprintendenza Artistica del Lazio, che fossero temporaneamente trasferiti presso il Centro Storico». «Lo scopo di tale momentaneo trasferimento, a giudizio dell’Arcidiocesi, era quello di consentire lo svolgimento di mostre ed esposizioni e di custodirli in attesa di rendere più idonee alla loro conservazione e fruizione le sedi originarie». Per la Chiesa gaetana «esistono dei verbali di consegna e soprattutto esiste l’attestazione che i firmatari si impegnavano a restituirli dopo le suddette iniziative di carattere culturale, dunque direbbero i latini «pacta sunt servanda», ovvero i patti ed i verbali firmati vanno rispettati. In merito poi alle critiche piovute addosso alla Soprintendenza che di fatto ha avallato la richiesta della Curia quest’ultima chiarisce che «in riferimento ai quei patti la Soprintendenza ha disposto il trasferimento delle opere dal Centro Storico al Museo Diocesano di Palazzo De Vio come sede idonea alla loro accoglienza ed esposizione». La proprietà dei beni allora a chi appartiene ? La Curia afferma che «è un fatto nuovo che subentra oppure che viene artatamente suscitato al presente in vista del costituendo Museo Civico ma ciò che non era nei patti iniziali, che per giustizia andrebbero rispettati comunque e dunque con il massimo rispetto di ogni diritto e di ogni persona ed ente, senza alcuna animosità, si rinnova la propria volontà di niente chiedere e di niente esigere che non sia seconda verità e giustizia». La presa della Curia è netta e precisa, bisognerà ora vedere dove sfocerà il dibattito politico e quindi l’esito dell’atteso svolgimento del massimo consesso civico della città.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news