LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Biblioteche, se a rischiare l'eresia.I tagli alla cultura e la difesa delle infrastrutture del sapere
di PAOLO FALLAI
31 OTT 2005 CORRIERE DELLA SERA cronaca Roma




come risparmiare sul costo di una casa abolendo il cemento armato. Sta per succedere alle biblioteche pubbliche romane come conseguenza dei tagli decisi dal governo alle risorse per la cultura. Significa mettere in pericolo una delle -basi della conoscenza, la struttura fondamentale che consente il libero accesso al sapere. E, in fondo, attaccare una delle ultime eresie consentite.
La biblioteca pubblica come luogo dove accedere liberamente, e senza pagare denaro, ai libri che la comunit decide di acquistare per tutti di per s un concetto eretico. Basterebbe citare, a questo proposito, lo scontro - tuttora vivo ma latente, come una brace dimenticata - sull'opportunit di far pagare una cifra per il prestito bibliotecario. Chi la osteggia si schiera a difesa di una trincea, l'ultima, dove non sia lo scambio di denaro a regolare i rapporti. Chi la sostiene sventola la bandiera del diritto d'autore, dimenticando che quel libro stato comunque acquistato e quindi la percentuale spettante all'autore regolarmente pagata. E facendo finta di dimenticare che ampliare la base della lettura porta sempre nuovi lettori che di solito poi comprano libri.
Ma non questa l'unica eresia, se guardiamo a cosa sono diventate le nostre biblioteche: a Roma ce ne sono 34 in muratura e una su quattro ruote, il Bibliobus, che viaggia talmente tanto che stanno per comprarne uno nuovo. Parliamo di 700 mila libri per un milione di utenti. Che si fa in questi posti? Si legge, direte voi. Non solo, dicono i bibliotecari. Si parla, ci si incontra, si discute. Gli anziani imparano a navigare su internet, i pi
giovani imparano a non diffidare delle parole e che non esistono solo suoni e immagini. il paese delle meraviglie? Proprio no, sono luoghi dove si rinnova tutti i giorni la fatica di stare insieme, sperimentando uno scambio costante. Sono le nuove piazze. C' qualcosa di pi eretico rispetto a un modello di convivenza che sembra volerci distanti gli uni dagli altri, separati e chiusi in casa, se non per diventare consumatori?
A Roma questa eresia emerge anche a livello politico, con una maggioranza di centrosinistra che sulle biblioteche ha scelto di investire con convinzione crescente, e una opposizione, per esempio An, che ha sostenuto e difeso questa impostazione. Il problema il moltissimo che resta da fare: c' da vincere la scommessa di una sede degna per la Centrale ragazzi, c' da inaugurare la nuova biblioteca di Acilia - la prima che viene pensata in una comunit nello stesso momento in cui si progettano nuove abitazioni e nuovi servizi - c' concludere la ristrutturazione a Marconi, alla Borromeo, all'Orologio. Se mancheranno le risorse sar un colpo durissimo per Roma: siamo troppo fragili per fare a meno del cemento armato.
P.S. Con il prossimo mese di aprile arriver a scadenza, insieme all'amministrazione, anche la presidenza dell'Istituzione biblioteche guidata da Igino Poggiali. Quelli che non lo conoscono potrebbero definirlo un tecnico: ex presidente dell'Associazione italiana biblioteche, un esperto stimato in tutto il mondo. Ma veramente troppo poco per definire una persona competente e appassionata che riuscita a guadagnarsi U rispetto di tutte le forze politiche senza rinunciare alla propria coerenza. Con i tempi difficili che stiamo vivendo, ci mancherebbe solo che il Comune di Roma se lo lasciasse scappare. Cos, oltre al cemento armato, perderemmo anche l'architetto. Francamente non ce lo possiamo permettere.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news