LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Programma Meda: Fondi europei, fiducia alla Calabria


Vertice tra la Commissione e la Regione per verificare le azioni di riordino messe in atto



CATANZARO. La Calabria riacquista la fiducia della Commissione europea sullattuale gestione dei fondi comunitari e passa lesame allincontro annuale con le Regioni dellObiettivo 1, che si tenuto a Bruxelles. quanto si afferma in una nota dellufficio stampa della giunta regionale. Lassise, convocata per discutere - prosegue la nota - del Quadro comunitario di sostegno, stata loccasione anche per un vertice bilaterale tra Commissione europea e Regione Calabria per verificare le azioni di riordino messe in atto, premessa necessaria a recuperare le risorse ancora a disposizione. Per poter utilizzare - ha detto il direttore generale del dipartimento politiche di sviluppo dellArea Mediterranea della Regione, Francesco De Grano - le risorse ancora disponibili per il 2005, nei tempi e nei modi stabiliti dalle normative, la Regione Calabria ha dovuto dimostrare alla Commissione europea di essere anche in grado di tagliare i finanziamenti impropriamente concessi in passato. Il primo esame stato superato. Ancora ci attendono mesi di durissimo lavoro, ma sono ottimista, perch abbiamo ristabilito un positivo rapporto con Bruxelles. La Calabria, il linea - prosegue la nota dellufficio stampa della giunta regionale - con le indicazioni della Commissione, ha svolto un lavoro capillare ed ha purtroppo dovuto eliminare dalle domande di pagamento circa 70 milioni di euro che, seppur ammesse dalla precedente amministrazione, non rispondevano ai criteri imposti dai regolamenti comunitari. Al vertice bilaterale erano presenti per la Commissione europea i responsabili della direzione generale regio (Regioni Obiettivo 1), dei rapporti con la Regione Calabria, del Fondo sociale europeo (Fse) e del Fondo europeo per lorientamento e garanzia in agricoltura (Feoga), mentre la delegazione calabrese era rappresentata dal direttore generale del dipartimento Programmazione nazionale e comunitaria, Francesco De Grano, e dallAutorit di gestione del Por Calabria, Marinella Marino, accompagnati dal direttore generale vicario del dipartimento Agricoltura Toteda e dal dirigente di servizio Antonio Galati. Con chiarezza stata illustrata alle autorit europee la nuova strategia della Regione Calabria, incentrata sia sul riordino della macchina burocratica ferma da troppo tempo, sia sulle operazioni predisposte per spendere i fondi 2005 ancora inutilizzati entro la fine dellanno. Le preoccupazioni della Commissione europea sul rischio di perdita dei finanziamenti per il 2005 si sono affievolite, in quanto stato preso atto che la Regione Calabria sta rispondendo adeguatamente alle richieste di Bruxelles. Infatti, per riacquistare affidabilit e credibilit, essa sta svolgendo un doppio lavoro sia per riverificare e riselezionare le spese dei progetti presentati entro il 2004, al fine di escludere quelle considerate inammissibili a seguito del controllo della Commissione europea tenutosi nel marzo di questanno, sia per predisporre le istruttorie necessarie a non perdere i ancora fondi disponibili nel Por Calabria 2000-2006. A Bruxelles - ha concluso De Grano - hanno capito che stiamo operando per risolvere il problema e hanno apprezzato lattivit svolta e la correttezza per limpegno profuso. stato votato ieri dal Parlamento riunito in seduta plenaria a Strasburgo, in prima lettura, il Progetto di Bilancio Generale dellUnione Europea per il 2006. Leuroparlamentare Gianni Pittella (Ds) ha dichiarato al riguardo che le scelte che abbiamo fatto in sede di approvazione in prima lettura del Bilancio UE permetteranno alla Calabria di onorare gli impegni assunti con le delibere relative al POR. Questo anche perch prevediamo un incremento di 3,7 miliardi di fondi strutturali rispetto alloriginaria proposta della Commissione Europea. Nel contempo - ha aggiunto - stato approvato un emendamento che prevede lassistenza tecnica per preparare le Regioni al prossimo periodo di programmazione. Il Bilancio avr un effetto positivo per la Calabria e le altre regioni del Sud anche perch tutti gli incrementi finanziari che riguardano PMI, giovani, ricerca e ambiente possono essere utilizzati per dare una risposta pi robusta alle esigenze che vengono dal territorio calabrese in questi settori. Tra le novit del bilancio, che potranno rappresentare una chiave di svolta per la Calabria, secondo Pittella, vi lintroduzione per la prima volta di una specifica linea di bilancio dedicata al turismo. Si tratta di 1 milione di euro per il sostegno ad un progetto pilota Destinazioni europee deccellenza che funzioner secondo lo schema gi collaudato delle citt europee della cultura. In assenza di una base giuridica, che consente il finanziamento da parte dellUnione per le attivit turistiche, come previsto dal trattato costituzionale attualmente bloccato, la formula del progetto-pilota diventa uno strumento per dare avvio ad unazione comunitaria di sostegno del settore. Il nuovo Bilancio, ha detto ancora leurodeputato potr essere unoccasione per la Calabria di far crescere il suo ruolo nel Mediterraneo. Infatti la proposta di Bilancio ha aperto per la prima volta la possibilit che una parte delle risorse finanziarie del Programma Meda sia devoluta a progetti di cooperazione delle regioni della sponda Nord e Sud del Mediterraneo.

31/10/2005, www.ilgiornaledicalabria.it


news

16-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news