LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Valtellina, il paesaggio è un Patrimonio
30/10/2005 La Padania


Al via l’iter per il riconoscimento Unesco del valore storico e naturale dei vigneti terrazzati

I vigneti terrazzati della Valtellina chiedono di essere inclusi nella Lista del Patrimonio Mondiale Unesco quale “paesaggio culturale evolutivo e vivo”. La domanda è stata presentata al Ministero per i Beni culturali, che ha inserito il territorio alpino nella “Tentative List italiana”, la lista di proposte all’Unesco. L’ambizioso obiettivo è stato portato avanti dalla Fondazione ProVinea "Vita alla Vite di Valtellina" onlus, costituita nel 2003 per volontà dei produttori associati al Consorzio di Tutela dei Vini di Valtellina, ente che riunisce tutta la filiera vitivinicola e che vanta tra gli associati oltre 1.000 viticoltori ed il 100% delle cantine valtellinesi, con lo scopo di tutelare, senza fini di lucro, il territorio, il paesaggio e l'ambiente viticolo terrazzato della provincia di Sondrio, dove si sviluppa la più estesa area viticola terrazzata di montagna d’Italia. All’interno di ProVinea si concentrano enti pubblici e privati, istituti di ricerca, associazioni, fondazioni, aziende, viticoltori e produttori di vino, uniti da una stessa, se pur diversificata sensibilità all’insegna della tutela e della valorizzazione del territorio, inteso come bene primario e comune. L’obiettivo di includere i terrazzamenti nel Patrimonio Mondiale Unesco è volto ad ottenere il riconoscimento del valore eccezionale ed universale del paesaggio viticolo valtellinese in base ai criteri di selezione previsti dalla Convenzione Internazionale sulla protezione del Patrimonio Mondiale Culturale e Naturale, uno dei maggiori strumenti legali internazionali per la protezione del patrimonio culturale e naturale. Fondamentale l’appoggio della Provincia di Sondrio che, grazie anche alla partecipazione attiva del Presidente Fiorello Provera, fin dal principio ha condiviso l’iniziativa, assegnando a ProVinea anche il compito di gestire importanti risorse per la manutenzione del terrazzamenti. «La candidatura Unesco è stata incoraggiata e recepita in tutto il suo valore da un numero crescente di sostenitori. - sottolinea il presidente della Fondazione Domenico Triacca - L’importanza dei soggetti che hanno espresso il loro sostegno sono la migliore testimonianza della validità della candidatura stessa».
La costruzione di un’opera colossale come i terrazzamenti, a partire dal XV secolo, fu resa possibile da un particolarissimo contesto sociale e produttivo. Nel contratto di coltivazione più diffuso all’epoca denominato “livello”, la maggiore produttività derivata da un miglioramento fondiario poteva essere interamente goduta dal conduttore, che era quindi fortemente motivato ad intraprendere onerosi lavori, quali la costruzione dei terrazzi, necessari a sfruttare anche le aree più impervie. In caso di cessazione del rapporto, poi, il conduttore vedeva riconosciuto in termini economici l’incremento del valore fondiario derivato dal miglioramento apportato. Il paesaggio vitivinicolo valtellinese è diventato così un’opera d’arte di architettura rurale, monumento del lavoro e dell’intelligenza umana. I 2.500 km di muretti che sostengono i vigneti terrazzati su 60 km di fascia costiera sono un bene antico, risultato della pazienza contadina. Oggi in Valtellina la lavorazione di un ettaro di vigneto terrazzato richiede il 2.500% in più di ore lavorative rispetto alla viticoltura di pianura, senza contare che oltre il 40% dei costi di produzione dell’uva sono attribuibili al continuo lavoro di mantenimento dei terrazzamenti, in un armonioso rapporto tra l’uomo e la natura. Difendere l’agricoltura di montagna è quindi una scelta irrinunciabile per salvare le Alpi.


[Data pubblicazione: 30/10/2005]



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news