LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Riemerge il tesoro dell'Elba
Renzo Raffaelli
Il Secolo XIX 29/10/2005

Riemerge il tesoro del Polluce, il piroscafo della compagnia genovese Rubattino inabissatosi al largo dell'isola d'Elba nella notte del 17 giugno 1841. Quel piroscafo portava nelle stive da Napoli a Marsiglia un carico favoloso: 100 mila monete d'oro, 70 mila d'argento, migliaia di pietre preziose, gioielli di grande valore e persino, pare, una carrozza dei Borbone tutta d'oro.Per 164 anni quel tesoro rimasto in mezzo ai pesci sul fondale a 103 metri di profondit e ha resistito agli assalti di avventurieri e predoni d'arte (solo una spedizione inglese riuscita ad arraffare qualcosa) ma anche alla sordit della burocrazia statale italiana che non ne voleva sapere di avviare una operazione di recupero che giudicava rischiosa e costosa. Oggi per la tenacia di Gianluca Mirto ed Enrico Cappelletti, i due esperti subacquei e ricercatori, che sulla affascinante storia del Polluce lo scorso anno avevano scritto il libro "L'oro dell'Elba", stata premiata. Hanno trovato uno sponsor per l'operazione di recupero e al primo rudimentale tentativo, sotto gli occhi vigili di funzionali ministeriali ed emissari della Sovrintendenza, hanno portato alla luce un mare di monete: 4500 d'argento e un centinaio d'oro.
Vivo come in un film non sta pi nella pelle Gianluca Mirto, genovese, e non oso pensare che cosa verr fuori dal fango e dal relitto quando entrer in funzione la sorbona con una griglia a maglia molto fitte. La societ che s' tuffata nell'avventura la Marine Consulting di Ravenna, specializzata nella pulizia dei fondali e nelle piattaforme petrolifere, la quale ha dato credito alla storia raccontata dai due sub, protagonisti di una ricerca minuziosa sul drammatico naufragio. Mirto e Cappelletti avevano consultato verbali e documenti, avevano letto testimonianze dell'epoca e avevano frugato negli archivi storici. E s'erano detti convinti che il tesoro fosse ancora l, in fondo al mare. Suscitando per pi scetticismo che curiosit.
Le prove che quella nave dalla linea aristocratica, orgoglio e vanto della Rubattino, s'era adagiata sul fondale con la pancia piena di ricchezze ai due sub le aveva fomite la polizia inglese. Che nell'ottobre del 2002 aveva restituito alle autorit italiane un bottino in oro e gioielli illegalmente recuperati da una nave affondata al largo dell'isola d'Elba alla met del XIX secolo. Era stato un gruppo di avventurieri inglesi a tentare il recupero di quel tesoro: avevano chiesto e ottenuto l'autorizzazione per riportare in superficie un carico di lingotti d alluminio da un mercantile inglese, il "Glenlogan", affondato durante la prima guerra mondiale. Ma al "Polluce" che gli inglesi puntavano. Riuscirono solo a mettere le mani su una piccolissima porzione del tesoro e il pezzo pi pregiato che riuscirono a trafugare fu una croce con sedici smeraldi. Fin tutto nel caveau di una societ d'aste, ma Scotland Yard, allertata da una telefonata proveniente dall'Italia, sequestr i preziosi prima che fossero battuti.
La notizia della restituzione di oro e gioielli allo Stato italiano fece drizzare le antenne ai due ricercatori subacquei che cercarono allora, inutilmente per, l'elenco dettagliato del carico del Polluce, Gli archivi della Navigazione Italia, succeduta alla Rubattino, erano andati in fumo sotto i bombardamenti di Genova del 1943. Ma ad accreditare la tesi del leggendario carico d'oro c'erano le testimonianze dei naufraghi giunti a Marsiglia e riportate dal giornale locale "II Semaforo" . E poi il comportamento dello stesso armatore che nell'operazione (fallita) di recupero del Polluce aveva investito una somma stratosferica (740 mila lire) mandando la compagnia sul lastrico e che durante i tentativi per issare su il relitto aveva ammiccato al socio parlando dell'"altro carico" che si trovava a bordo. Aspetto buone notizie come il messia aveva detto pi volte un Rubattino trepidante.
Ma a chi era destinato quel carico leggendario? Nel loro libro Mirto e Cappelletti avanzano qualche ipotesi. La pi suggestiva questa: era un sostegno inglese alla Genova Carbonara, dove i patrioti avevano cominciato ad organizzarsi. Ma agli storici del filone risorgimentale che i due autori hanno lanciato un appello perch il naufragio del Polluce, tutt'altro che accidentale (fu speronato da un piroscafo napoletano "II Mongibello" che procedeva a tutta velocit), possa essere inserito in un contesto storico-politico pi preciso.
Oggi l'episodio resta avvolto in un affascinante alone romanzesco. Tanto romanzesco che potrebbe aver ispirato il "Conte di Montecristo" del grande Alexandre Dumas. Lo scrittore francese disponeva di uno staff di collaboratori che giravano l'Europa a caccia di storie da sottoporre al prolifico scrittore e non escluso, visto che il "Conte di Montescristo" fu scritto nel 1844, che il tesoro che Edmondo Dants, su indicazione dell'abate Farla, recupera in una grotta dell'isola di Montecristo, vicino all'Elba, sia frutto proprio del racconto del naufragio del Polluce.



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news