LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Smantellate le basi militari. Olbia, decisione unanime del consiglio provinciale
Andrea Sini
La Nuova Sardegna 28/10/2005

Sinistra e destra in Gallura sono d'accordo: niente basi militari nell'arcipelago della Maddalena. Lo dice l'ordine del giorno che ieri stato votato all'unanimit dal consiglio provinciale.Tutti gli schieramenti sono concordi: lo sviluppo passa peraltre strade.

Sulle modalit e i tempi di questa "rivoluzione" autoctona ci sar tempo e modo per dibattere. Anche perch le perplessit relative al destino dei civili impiegati nella base restano pressanti. In ogni caso la seduta del consiglio di ieri sera ha chiarito una volta per tutte che la Gallura vuole vuole essere libera di decidere il proprio futuro senza condizionamenti. E soprattutto senza divise e sommergibili stranieri nei paraggi. Nel documento si chiede in maniera chiara che "la marina degli Stati Uniti dismetta il sito e abbandoni in maniera programmata la Maddalena e la Sardegna". Il consiglio chiede inoltre che la Regione ponga la questione come una priorit, studiando le strategie in un tavolo permanente con la Provincia e il comune della Maddalena.
Durante la discussione, soltanto Livio Fideli, leader dell'opposizione, ha messo esplicitamente in dubbio l'opportunit di rispedire gli statunitensi al mittente, ma ha avanzato comunque la proposta per una via alternativa: un referendum. La base Usa garantisce il lavoro a molte persone ha detto , che producono economia in tutte la zona, non solo alla Maddalena. Cancellando la base si rischia di rimanere senza lavoro e senza opportunit: non vorrei che il parco diventasse solo un insieme di limitazioni alla fruibilit di quel le zone. Proprio per questo, oltre un progetto serio, serve anche il consenso delle popolazioni interessate.
Tutti gli altri interventi hanno dato per assodata la scelta di chiedere la chiusura della base. A partire dalla maggioranza, naturalmente, e dal presidente della provincia Pietrina Murrighile: Non vogliamo che la nostra libert economica venga limitata ha sottolineato . Non possiamo consentire che le nostre aspirazioni in campo turistico vengano ribaltate e che ci si prenda gioco di un Parco nazionale. Il territorio ha fatto una scelta: la sua vocazione ambientale
e turistica, punteremo sulla portualit e sulla canitieristica.
Pier Franco Zanchetta, unico consigliere maddalenino, ha rivolto un accorato appello all'unit per dar forza alle rivendicazioni dei galluresi:Le larghe intese sono una necessit. La portata dell'argomento non si pu racchiudere in ambito territoriale. La questione maddalenina interessa la Sardegna e l'Italia. nata una stagione nuova nelle rivendicazioni della nostra regione. Abbiamo detto grazie alla Marina italiana, che prima di andare via non deve scordare di restituirci le chiavi. Diciamo grazie anche agli americani, ma la loro una presenza che non possiamo pi accettare.
Carlo Ferrari ha fugato ogni dubbio sui rischi per la salute:I dati in nostro possesso indicano che i timori sono assolutamente infondati, perci non il caso di creare allarmismi. Resta l'impatto ambientale di una base militare, che in un parco nazionale devastante. Nel contempo Tore Derosas ha sottolineato che "non all'ordine del giorno un'ingiunzione di sfratto. Piuttosto chiediamo un abbandono graduale e programmato. Nessuno parli di antiamericanismo. Per la guerra finita da un pezzo, siamo a pieno titolo nel mondo occidentale e in Europa. Non tollerabile che ci siano ancora nazioni vincitrici e nazioni sconfitte.
Sul fronte dell'opposizione, mentre Marrone (Udc) sottolinea come si possa ambire a "una dismissione graduale, dando garanzie all'occupazione", Graziano Beccu, capogruppo di Forza Italia, e Mario Russu (An) hanno chiesto di eliminare ogni faziosit di tipo politico e ogni strumentalizzazione: Non ci possono essere posizioni dettate da ordini di scuderia ha detto Beccu . La sardit non ha colore: servono per un ampio tavolo di concertazione e un progetto serio, per evitare che le strategie di sviluppo continuino a essere dettate dall'alto.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news