LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA: Piano Domitio, un esempio da seguire
di Maddalena Zinzi
28-10-2005 Il Denaro



Il Piano Domitio nasce dallesigenza di recuperare estese zone degradate del territorio dellalto casertano secondo un progetto di riqualificazione ambientale ed urbanistica.

Esso fonda la qualit ed idoneit della ricerca scientifica su di un intervento di pianificazione integrata secondo il concetto di sviluppo sostenibile e dispone un sistema policentrico territoriale deputato alla valorizzazione del patrimonio ambientale, turistico e culturale.
***

Il piano domitio nasce dallesigenza di recuperare larghe porzioni degradate del territorio.

Viene concepito, infatti, quale ricerca di una nuova pianificazione secondo i principi dello sviluppo sostenibile e della compatibilit ambientale degli interventi antropici.

In tale ottica il territorio domitio considerato uno spazio omologato in grado di offrire risorse economiche specifiche e di valorizzare le identit locali.
Lidea base si rif alle teorie fondamentali della pianificazione ambientale, vale a dire alla pianificazione aecologica, al land use, allassessment ambientale, o meglio allorganizzazione delle informazioni di settore connesse alla trasformazione o alluso del suolo.
Il principio fondamentale a cui il progetto di piano si ispira quello per cui ogni intervento di pianificazione deve fondarsi necessariamente sulla conoscenza approfondita delle caratteristiche geologiche e geografiche del territorio, o meglio del risultato della sua antropizzazione, vale a dire il paesaggio.
Trattasi di uno studio indispensabile al fine di una pianificazione consapevole e della pi efficace interpretazione delle attitudini ecologiche del territorio in oggetto che si presenta come una concentrazione urbana ed industriale frutto di evidenti diseconomie.
Lingovernabilit dellarcipelago urbano formatosi sullasse Napoli Caserta provoca incalcolabili sprechi di risorse umane, naturali ed economiche quali: la dilatazione dei tempi di collegamento, lincremento delle spese sanitarie causate dallambiente insalubre, la riduzione dei redditi frutto di risorse locali e la conseguente crescita di quelle assistenziali. E si in presenza di una strutturazione territoriale di stampo deterministico che nonostante ampiamente superata viene talvolta riproposta dalle amministrazioni locali di turno.
Ci premesso a monte della stesura del piano domitio sono in via di definizione accurati studi sul comprensorio riguardanti sia il contesto fisico dei luoghi che quello socio economico delle popolazione che vi risiedono. La conoscenza approfondita del territorio e lestrapolazione degli avvenimenti che al suo interno si susseguono, rappresentano il presupposto indispensabile per qualsiasi studio che voglia essere considerato sperimentale e le cui conclusioni siano rappresentative di una reale ricerca applicata. Grande importanza hanno, pertanto, le schede informative relative a ciascun Comune; a tal proposito va ricordato che solo dallaccurata compilazione delle stesse si potuto completare il quadro conoscitivo dellarea marcando i punti in comune e le differenze tra le diverse municipalit. Al termine di questa prima fase si giunti alla realizzazione, attraverso una dettagliata cartografia tematica, di un vero e proprio sistema informativo territoriale (Sit), condizione necessaria per giungere allanalisi del comprensorio domitio. Si , poi, passati alla digitalizzazione dei dati attraverso la creazione di un sistema informativo territoriali (Gis) che ha permesso la definizione delle carte di sintesi sulle quali sono stati disegnati i contenuti del piano in termini di realizzazione di nuovi progetti nei tre campi dintervento in cui lo stesso stato suddiviso: ambiente, urbanistica e beni culturali. Per questi tre settori sono state redatte carte tematiche, le linee generali riguardo la fattibilit e gestione degli stessi, e sono stati ipotizzati degli interventi progettuali definiti anche sulla base delle esigenze della popolazione e delle amministrazioni locali.
Notevole attenzione ora rivolta alla definizione di schemi e studi interpretativi che possono fornire contributi utili per una ridefinizione e rilettura del termine e del ruolo nei processi economici e sociali; ci rispetto ad interpretazioni e concezioni sviluppatesi negli anni addietro. Lobiettivo primario del piano domitio , quindi, la realizzazione di uno sviluppo compatibile con le caratteristiche territoriali e rispettoso delle stratificazioni storiche.Questa lassoluta novit del piano.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news