LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Traffico di reperti archeologici tra il Lazio e la Calabria
Arcangelo Battolati
Gazzetta del Sud, 28/10/2005




COSENZA - Mosaici d'immenso valore risalenti al IV secolo avanti Cristo. Smontati, tassello dopo tassello, in antiche ville patrizie calabresi e rimontati con pazienza certosina sulle pareti di un umido magazzino di Capranica (Viterbo). Mosaici riproducenti l'immagine mitologica del dio Nettuno, padrone dei mari e signore dei fiumi.
I carabinieri del Nucleo di tutela del patrimonio culturale sono rimasti senza parole, ritrovandoseli davanti durante le perquisizioni compiute , l'altra mattina in Lazio. Gli uomini del capitano Raffaele
Giovinazzo erano entrati in azione per ordine del procuratore capo di Rossano, Dario Granieri. Nel mirino degli investigatori otto tra imprenditori, dipendenti pubblici e professionisti residenti a Roma, Capranica, Montefiascone, Pescia, Canino e Capodimonte, indagati per ricettazione di beni d'interesse storico. Imilitari si sono mossi seguendo la scia dei colloqui tra "tombaroli" calabresi e ricettatori romani. Colloqui intercettati per mesi su delega della magistratura inquirente ionica. Nella principesca abitazione di un promoter finanziario romano, sono stati rinvenuti pure dipinti falsi. "Croste" di Cascella, Mignego, Schifano e Guidi. Vasta la gamma di reperti archeologici recuperati in casa degli indagati. Si tratta di 54 monete, in argento e bronzo, di epoca ellenistica e romana provenienti dal Crotonese; vasi e inguentari con figure rosse e nere, del III secolo a. C. provenienti da necropoli di Strongoli (Crotone) e Paludi (Cosenza); pugnali e fibule di epoca etrusca. I risultati investigativi - ha detto il capitano Giovinazzo - ci fanno ritenere esistente un vasto mercato clandestino di reperti archeologici attivo tra il Lazio e la Calabria. Un mercato che movimenta ingenti somme di denaro e che crediamo coinvolga anche altri stati dell'Unione europea.
Da intercettazioni emergerebbe, infatti, l'interesse a piazzare addirittura a Parigi uno dei mosaici trafugati in Calabria. Gl'interlocutori - un "mediatore" calabrese e un ricettatore romano - ignari d'essere a-scoltati, parlano dello stato di conservazione del bene e dell'eventuale somma da richiedere agli acquirenti francesi.
Le indagini dei carabinieri si sono estese a tutta la fascia di territorio regionale compresa tra Siba-ri e Isola Capo Rizzuto.
L'interesse degli acquirenti esteri , stato confermato da numerose inchieste condotte negli ultimi anni proprio dagli investigatori dei reparti coordinati dal generale Ugo Zottin. "Pezzi" rubati nelle necropoli calabresi sono stati infatti individuati in musei americani e nelle abitazioni d facoltosi "collezionisti" svizzeri e inglesi.
Con diverse operazioni avviate sul territorio nazionale, i carabinieri hanno a pi riprese individuato organizzazioni di mercanti di reperti capaci di piazzare anfore, vasi, monete e crateri in tutta la Penisola.
L'inchiesta che diede il via alle attivit di contrasto e investigazione in Calabria, scatt nel 2001 e venne battezzata "Pandora". Coinvolse complessivamente settanta persone,
trentotto delle quali finite in manette. L'indagine port al recupero di centinaia di pezzi pregiati, saccheggiati nei siti archeologici di Campania, Puglia, Calabria, Sicilia, Basilicata e Lazio.
Al traffico di reperti - secondo quanto riferito da tre diversi pentiti - sarebbe stata per un periodo interessata pure la 'ndranghe-ta del Pollino. I boss, infatti, imponevano il pagamento d'una somma di denaro ai "tombaroli" che "ripulivano" zone d'interesse storico della Sibaritide e di Castrovillarese.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news