LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Monumenti a rischio. Sigilli dei vigili alla villa del Gattopardo
Carla Incorvaia
21/10/2005, La Repubblica, Palermo



VILLA Lampedusa sembra indissolubilmente legata al suo destino gattopardesco. Ma il cambiamento cui si dovr porre rimedio il degrado, il rischio della definitiva distruzione. Da ieri la villa descritta nel romanzo di Tomasi di Lampedusa sotto sequestro per leestreme condizioni di rovina in cui versa il complesso monumentale nella Piana dei Colli. Due gli avvisi di garanzia emessi nei confronti dei proprietari, i fratelli Giuseppe e Francesco Dragotto, imprenditori proprietari della Sicily by Car, societ di autonoleggio.
Un tempo la tenuta era appartenuta al principe Giulio Fabrizio Tornasi di Lampedusa, alias Fabrizio
Salina, il Gattopardo del romanzo nonch prozio di Giuseppe, lo scrittore appunto.
Omissione di esecuzione di interventi per la tutela del monumento e l'eliminazione dello stato di pericolo per la pubblica incolumit. Con questa accusa gli agenti della polizia municipale del nucleo tutela patrimonio artistico hanno posto i sigilli alla villa di via dei Quartieri. Prospetti lesionati, parti di intonaco pronte a cedere, tetti precari e alcuni solai che si sono completamente staccati, spiega l'ispettore del Ntpa, Giuseppe Crucitt. In pericolo anche gli affreschi dell'artista romano Gaspare Fumagalli (attivo a Palermo intorno alla met del XVI II secolo), aggrediti dalle infiltrazioni di acqua. In condizioni ancora pi gravi
sembrano essere l'ala destra del corpo principale, attraversata da una profonda lesione e i balconi con le inferriate a petto d'oca che mostrano le mensole in pessime condizioni. All'ingresso del parco una parte stata adibita a parcheggio per le auto da noleggio, una trentina in tutto. La Procura ha ordinato i primi accertamenti nel 2001 spiega Crucitte l'anno successivo c' stato il primo sequestro. Fino ad oggi non stato fatto nulla per migliorare le condizioni della tenuta.
Villa Lampedusa fu voluta agli inizi del Settecento da Isidoro Terrana che la vende a Giuseppe Alliata principe di Villafranca. Nel 1756 la villa sottoposta a un primo intervento di restauro. Intorno alla met dell'Ottocento il complesso viene ampliato e acquistato dal principe Fabrizio Tomasi di Lampedusa, con l'intenzione di costruirvi una torretta per il suo osservatorio astronomico, proprio quella che viene descritta nel romanzo. una vicenda shakespeariana spiega Francesco Dragotto, il proprietario . La villa stata abbandonata per 20 anni, noi l'abbiamo acquistata nel 2002 per restaurarla. Dopo la morte di Lampedusa, senza eredi, II complesso stato donato all'opera dei Salesiani racconta Dragotto e poi comprato da Francesco Foresta per ospitare eventi. Subito dopo il nostro acquisto, abbiamo richiesto alla Sovrintendenza ai beni culturali l'autorizzazione per il restauro. Il via libera arrivato quest'anno e a novembre inizieranno i lavori. Il progetto prevede l'uso abitativo, ma anche un museo del Gattopardo. Nel casale vogliamo costruire un centro congressi. Il parcheggio provvisorio: sar ripristinato il parco storico, con il giardino all'italiana e quello delle piante officinali, per una spesa di circa mezzo milione di euro.



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news