LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PUGLIA: Stanziati 42,5 milioni per biblioteche,musei e archivi
Titti Tummino
LA REPUBBLICA, BARI, GIOVEDÌ 27 OTTOBRE 2005




MUSEI, archivi, biblioteche — strutture che racchiudono inestimabili patrimoni — da vent'anni non ricevevano risorse e finanziamenti pubblici, nonostante costituiscano la spina dorsale della cultura pugliese. La svolta che si annuncia con l'iniziativa intrapresa dall'assessore regionale ai Beni culturali, Paola Balducci, è dunque di quelle che potrebbero lasciare il segno.

Per comprendere la riforma annunciata è necessario partire dall'accordo di programma quadro sottoscritto trai ministeri per i Beni culturali e dell'Economia e la Regione Puglia nel 2003 con successiva integrazione a fine 2004. L'accordo è articolato in otto aree tematiche di program-mazione che consentono di ridefinire, sostenere e promuovere l'offerta integrata dei beni culturali pugliesi, ampliando così il quadro delle risorse finanziarie disponibili per la poli-tica regionale in materia.
Nell'ambito di questo accordo ora sono pronte le graduatorie per musei, biblioteche e archivi, praticamente tre delle otto aree individuate. In termini economici, significa che per gli archivi storici sono disponibili finanziamenti pari a cinque milioni di euro, mentre per le biblioteche la cifra sale a 18 milioni e per i musei si arriva a 19,5 milioni. Si tratta di fondi che, per quanto cospicui, non arrivano a coprire tutte le richieste di finanziamento, ma Paola Balducci si dice fiduciosa e conta sulla possibilità di reperire a breve altre risorse.
«A questo punto però — precisa l'assessore — scatta una vera e propria corsa contro il tempo. I bandi per il finanziamento di progetti relativi ai tre sistemi, pubblicati sul "Bollettino" della Regione nell'aprile scorso, prevedono infatti, secondo quanto stabilisce una delibera Cipe, che entro il 31 dicembre prossimo siano stipulate le convenzioni operative, pena la perdita delle risorse».

Un treno dunque da non perdere, in nome di "una competitività della Puglia anche a livello europeo" che si concretizzerà con il varo di diverse iniziative organizzate con il coinvolgimento degli Istituti italiani di cultura all'estero: prima tappa a Berlino.

Nelle graduatorie dei progetti ammessi a finanziamento figurano importanti strutture culturali. Per quanto riguarda gli archivi storici, una corsia preferenziale — il 35 per cento del budget disponibile — è prevista per quelli appartenenti agli enti ecclesiastici, «a condizione — precisa la Balducci — che l'immenso patrimonio della Chiesa sia reso fruibile a tutti». E così in elenco ci sono gli archivi delle arcidiocesi di Bari-Bitonto, Otranto, Lecce, Brindisi-Ostuni; delle diocesi di San Severo, Altamura-Gravina-Acquaviva, Barletta, Bisceglie e Trani; per finire con la Basilica di San Nicola e la parrocchia di Pog-giardo. Circai musei, i progetti ammessi in graduatoria sono praticamente tutti quelli avanzati da un'idea innovativa qual è quella dei Comuni consorziati., che privilegia qualità del progetto e circuito di cooperazione. Nell'elenco figurano dunque gli enti capofila: i Comuni di Ostuni, Troia, Rutigliano, Bitonto, Barletta e Canosa; le Province di Lecce, Brindisi e Foggia, ma anche le diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano, Trani-Barletta-Bi-sceglie e Conversano-Monopoli.

La Regione, nell'ottica di un "sistema museale", mira quindi a promuovere interventi tesi a sviluppare una rete fra le diverse istituzioni, sia in termini di accoglienza, informazione e divulgazione della conoscenza, sia in termini di sviluppo e consolidamento dei processi di cooperazione. «La "rete" dei musei — spiega la Balducci — sarà incentrata sui sistemi territoriali che, per le loro connotazioni e vocazioni, possono essere intesi in termini di grande "museo diffuso", al centro di percorsi di valorizzazione improntati al rispetto
dello sviluppo sostenibile e compatibile del territorio nel suo complesso».
Riguardo alle biblioteche, infine, anche qui viene privilegiata la gestione associata. In elenco compaiono la provinciale di Brindisi, la Magna Capitanata di Foggia, Santa Teresa dei Maschi a Bari, la Bernardini di Lecce, le comunali di Latiano, Mesagne e Tricase, la Acclavio di Taranto, la Fondazione "Paolo Grassi" di Martina Franca, fino alla biblioteca arcivescovile di Taranto e a quelle diocesane di Trani, Barletta e Bisceglie.
«I criteri di scelta — spiega l'assessore ai Beni culturali — si sono ispirati a una politica attiva di valorizzazione del territorio in cui gli interventi e le azioni, oltre a tendere al recupero, alla tutela e alla conservazione dei beni culturali e delle aree di pregio, siano finalizzati alla realizzazione di sistemi innovativi di gestione del patrimonio: si intende, in pratica, privilegiare forme associative che favoriscano la creazione di reti e di circuiti territoriali con lo scopo di ottimizzare i servizi, realizzare attività culturali e di formazione specialistica, alimentare processi di diffusione e di integrazione di competenze e conoscenze».
La "rivoluzione annunciata" dall'assessore Balducci piace a Raffaele Licinio, medievalista e docente universitario, che però preferisce parlare di "riforma": «II primo dato positivo — commenta— è che finalmente la cultura, nei suoi vari segmenti e nei suoi rapporti con il territorio, trova posto nella politica economica regionale. In prospettiva, credo sia opportuno dare voce agli operatori del settore, quelli che meglio conoscono le esigenze di musei, archivi e biblioteche, strutture spesso abbandonate nel più assoluto degrado. Da intellettuale gramsciano, ho il pessimismo della ragione, ma anche l'ottimismo della volontà e politici che hanno una certa formazione culturale mi danno garanzie».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news