LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mare nostrum, dieci anni di lavoro per il patrimonio culturale
di Michele Capasso
27-10-2005 Il Denaro






Esattamente dieci anni fa, il 26 e 27 ottobre 1995, la Fondazione riunì a Napoli circa 400 esperti di 32 paesi per dibattere sul tema “Il Mediterraneo e l’Europa: valore e identità del patrimonio culturale”: l’obiettivo, allora, era quello di fornire indicazioni concrete all’Ue da inserire nella Dichiarazione di Barcellona affinché fosse ben definito il ruolo chiave del patrimonio culturale.

Oggi, dieci anni dopo, ci ritroviamo a dibattere sugli stessi temi.
Cosa è stato fatto da allora e cosa resta da fare. Il forum del 1995 produsse un documento - presentato alla Commissione europea e riportato da questo giornale nello speciale “Europa: rotta sul Mediterraneo” curato dall’europarlamentare Claudio Azzolini — contenente raccomandazioni articolate sul tema.

Successivamente, al fine di evitare che le risorse rese disponibili dalla Commissione europea per la valorizzazione dei beni culturali fossero disperse da una burocrazia sterile e senza “visione”, la Fondazione — con il sostegno della Spagna — riunì a Barcellona più di mille esperti di beni culturali per tracciare quella che fu definita la “Grande radiografia” del patrimonio culturale euromediterraneo.

Quell’incontro non fu sufficiente. La materia si presentò vasta e complessa. Per questi motivi decidemmo di organizzare un nuovo incontro a Napoli due anni dopo.

E’ nel dicembre 1997 che la Fondazione riunì più di 2000 esperti per dibattere, tra l’altro, sul patrimonio culturale del Mediterraneo: 50 sessioni di lavoro in parallelo, 64 progetti proposti, un volume di 500 pagine contenente raccomandazioni e proposte operative. Lo ha ricordato ieri l’egiziano Gaballa Ali Gaballa, allora direttore delle antichità dell’Egitto e tra i coordinatori del forum, oggi consigliere del ministro egiziano della cultura Farouk Hosni: “Il forum di Napoli del 1997 — ha ribadito — è stato un appuntamento importante ed irripetibile che ha gettato le basi per azioni concrete sviluppatesi negli anni successivi: la Biblioteca Alessandrina, il Museo virtuale egizio ed altri progetti concreti hanno trovato buon esito grazie all’impegno della Fondazione Mediterraneo”.

Quell’evento del 1997 produsse raccomandazioni e progetti di due tipi:
a) Programmi pluriennali da svolgere in 15 anni (quali la catalogazione del patrimonio culturale al fine di trasformarlo in offerta economica e occupazionale);
b) La creazione di uno strumento strutturale d’informazione sistemico, con appositi spazi su giornali, media ed agenzie di stampa dedicati alle varie aree del patrimonio culturale.
La Fondazione Mediterraneo, in dieci anni di impegno ed in collaborazione con organismi internazionali — quali il Consiglio d’Europa — ha elaborato una imponente banca dati omogenea e suddivisa in molteplici macroaree e microaree sul patrimonio culturale del Grande Mediterraneo. Questa banca dati costituisce oggi lo strumento principale per far fruttare il patrimonio culturale nella sua interpretazione più ampia che vede il patrimonio immateriale l’elemento portante per il prossimo futuro. Per questo negli interventi di chi scrive e di Matvejevic’ è stata sottolineata la necessità — nel quadro di una condivisione di una visione differenziata del Mediterraneo — di evitare sprechi e duplicazioni. Per questo abbiamo proposto ad Ansamed e ad altri soggetti pubblici e privati di ripartire dal punto in cui siamo giunti senza ripetere tutto da capo solo per cieche logiche di appartenenza o per miopìe politiche.
Ieri abbiamo formulato due proposte concrete:
1. Sostenere il nostro progetto - che insieme al Consiglio d’Europa stiamo portando avanti - e che consiste nella ultimazione di una grande banca dati del patrimonio culturale del Grande Mediterraneo attraverso una piattaforma elettronica sofisticata — 8 anni di lavoro — basata su una struttura flessibile “intelligente” che consente adattamenti massimi ai bisogni delle differenti categorie di patrimonio e degli obiettivi delle collettività locali anche minuscole che possono autonomamente partecipare alla catalogazione, valorizzazione, fruizione ed utilizzazione con lo stesso linguaggio e la stessa dignità.
2. Creare, utilizzando la banca dati e la nostra piattaforma, un'informazione "strutturale" sul patrimonio culturale del Mediterraneo anche con l’inserimento sul portale di Ansamed di una colonna dedicata a questo settore riportante la suddivisione tipologica della nostra piattaforma. Su questo tema la risposta è stata positiva ed il direttore dell’ Ansa — Magnaschi - ha assunto l’impegno di realizzarla entro il 2006 in occasione della ristrutturazione del portale Mediterraneo.






news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news