LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Soru: Porter mezza Sardegna a Roma
Augusto Ditel
La Nuova Sardegna 27/10/2005

ROMA. Silvio Berlusconi media, ascolta la Sardegna, e incontrer il governatore Renato Soru nei primi giorni della prossima settimana. Giulio Tremonti, invece, rompe. Un duro match verbale di un quarto d'ora tra il ministro dell'Economia e il presidente della Regione fa da
appendice alla pacata audizione, sui problemi della legge Finanziaria, di alcuni governatori delle regioni (tra cui Soru) di fronte al premier, ai ministri Giulio Tremonti ed Enrico La Loggia e al sottosegretario alla presidenza del consiglio Gianni Letta.
Governo dai due volti, insomma, con il primo ministro che evoca i sani principi del "buon padre di famiglia" per spiegare la natura e il peso dei tagli alle Regioni, e il titolare dell'Economia che conferma la sua linea: di entrate fiscali -secondo Giulio Tremonti - se ne pu parlare in un'unica sede che la conferenza Stato-Regioni. E' un modo per prendere tempo - commenta a caldo Renato Soru, verso le otto di sera, quando esce da Palazzo Chigi con un diavolo per capello -, il classico comportamento dei debitori in stato prefallimentare che rinviano pur di non pagare. La riunione, per un verso, andata bene, per un altro ha avuto un esito terribile. Colpa di un ministro che detesta la Sardegna, che ci snobba sistematicamente, e non so da cosa derivi questo odio. Io confido molto nel senso di responsabilit del presidente del Consiglio che ha avuto la pazienza di ascoltare le nostre ragioni e il buonsenso d'informarsi sulla nostra vertenza con lo Stato per il riconoscimento di un nostro sacrosanto diritto negato.
Lo scontro Soru-Tremonti. E' avvenuto al termine del confronto con i governatori. Presenti Berlusconi, Tremonti, Soru e La Loggia. Il presidente della Regione scattato quando il ministro padano si detto contrario, a termini di legge, a nuovi incontri in sedi diverse dalla Conferenza Stato-Regioni, dopo aver minimizzato sulla legittimit delle richieste della Sardegna, in termini di Irpef e Iva (900 milioni di euro all'anno per dodici anni). Non cos - ha tuonato Soru con i decibel in crescendo -, la legge non la conosce solo lei, a scuola non c' andato solo lei. Tocca a Berlusconi, a questo punto, prendere per un braccio Soru e invitarlo alla calma. Tentativo naufragato molto presto. Lei nega l'evidenza - incalza Soru -: lo Statuto sardo nato prima della Conferenza cui lei si riferisce. S'informi, prima di parlare. Eccolo, Tremonti.
Lei cerca lo scontro, e non la prima volta. Ora la parte del paciere la fa Enrico La Loggia, mentre Silvio Berlusconi lascia la sala: Di, Giulio, calmati: ragioniamo. La palla (ri)passa a Soru. Io cerco il dialogo e il suo atteggiamento, ministro Tremonti, non corretto: non ci si comporta cos con il rappresentante di una Regione.
La sfida, ora. Le porto mezza Sardegna a Roma - sbotta il presidente della Regione - perch quei soldi sono nostri. Tremonti paonazzo. Sta per lasciare la compagnia. Abbozza un timido "ciao ciao", senza stringere la mano a nessuno, e segnala che un rappresentante delle istituzioni, non pu essere trattato in questo modo. L'ultimo round si chiude con una stoccata soriana. Un ministro non saluta in questo modo un altro rappresentante delle istituzioni.
L'audizione. E' durata un'ora e un quarto, e per questa ragione saltato il previsto colloquio con Romano Prodi. Renato Soru ha preso la parola dopo Agazio Loiero, il governatore della Calabria, e l'assist gliel'avevano fornito poco prima il presidente dell'Emilia Errani e quello della Ligura Burlando. Occorre trasparenza, e rispetto degli impegni, anche nella politica del rigore che comprendiamo - avevano osservato -: comunque il collega della Sardegna sar pi chiaro.
Renato Soru ha cominciato a parlare alle sei e mezzo, sintetizzando le ragioni (e le cifre) del contendere, le stesse illustrate l'altro ieri a Tramatza nell'assemblea con i sindaci e i presidenti delle Province sarde. Si tratta di soldi trattenuti indebitamente dallo Stato che rivendichiamo in base all'articolo 8 dello Statuto, cio di una legge costituzionale. Il mancato introito di queste enormi cifre ha costretto la Regione a indebitarsi fortemente e a sopportare ingenti costi legati a questo indebitamento. Riferendosi alla frase di Berlusconi che poco prima aveva illustrato i criteri seguiti nelle restrizioni agli enti periferici dello Stato, Renato Soru ha trattato anche il caso della Sicilia. Un buon padre di famiglia, caro presidente, deve trattare nella stessa maniera i suoi figli e non pu privilegiarne uno ai danni di un altro. A quel punto, il ministro La Loggia ha chinato la testa. Era visibilmente imbarazzato. Renato Soru, comunque, andr da lui. S - conferma -lo far luned. Ma l'appuntamento che potrebbe essere decisivo quello di marted o, al massimo, mercoled, con Silvio Berlusconi.
Domani - annuncia Soru - parler con il ministro degli interni Beppe Pisanu, e gli chieder se vorr essere presente all'incontro con il premier. Se accettasse, ne sarei lieto. Cos come sarei felice, se Tremonti cambiasse idea e partecipasse anche lui. Ma so che non lo far. Ci odia a tal punto....



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news