LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Addio preziosi codici miniati
Giulia Maestrni
Nazione - Siena, 27/10/2005

Messo a soqquadro nel 1989 il museo del seminario di Montarioso

SIENA Furti illustri nella nostra provincia ce ne sono stati diversi, ma soprattutto due vengono ricordati anche perch, in un certo senso, legati tra loro. In entrambi i casi furono trafugati antichi codici miniati, in entrambi i casi c'entrava, in qualche modo, l'abbazia di Monte Oliveto Maggiore.
Il primo colpo avvenne proprio nello splendido monastero in localit Chiusure. Era il maggio 1975: vennero sottratti dalla biblioteca 20 codici miniati del 1400, di enorme valore, realizzati dai monaci amanuensi del monastero olivetano di Monte Morcino, in provincia di Perugia. Erano le 4,30 del mattino quando un monaco sent dei rumori in biblioteca e dette l'allarme: i ladri, nella fretta di scappare, si lasciarono dietro due sacchi con dentro quattro di questi codici, intatti racconta l'atttuale padre archivista, don Roberto. Allora era gi a Monte Oliveto, ma solo come studente: l'archivista era don Benedetto, che mor pochi anni dopo. Degli altri sedici codici si persero le tracce. Dopo qualche mese prosegue don Roberto ne furono ritrovati sei, anche se privi delle preziose miniature. Altri ancora ricomparvero, anni dopo, a Londra e qui furono recuperati: in fogli sciolti, privi di miniature, erano stati inseriti in un catalogo per essere battuti all'asta da Sotheby's. Quella volta il patrimonio and in gran parte perduto, mentre ebbero maggior fortuna i codici miniati realizzati proprio dai monaci di Monte Oliveto, custoditi nel Museo della cattedrale di Chiusi. E da qui rubati nel dicembre 1987. Era una bruttissima notte, scura, nebbiosa, proprio la notte ideale per commettere un crimine ricorda Onedo Meacci, allora e ancora oggi direttore del muso. I codici erano esposti a Chiusi da soli tre anni, da quando la sede museale era stata inaugurata nel 1984, ma erano di propriet della cattedrale fin dal 1810, quando Monte Oliveto decise di donarli per sottrarli alle invasioni napoleoniche che stavano saccheggiando i conventi. Il muro esterno della sala in cui erano custoditi prosegue Meacci confinava con il giardino del palazzo vescovile. Qui c'era anche un palco, usato per varie manifestazioni, che probabilmente aiut i ladri, diminuendo l'altezza e permettendo loro di entrare direttamente al secondo piano. Fecero un buco nel muro: sono muri vecchi, basta togliere una pietra e le altre vengono via facilmente. La notte era molto nebbiosa, l vicino c'era anche un cantiere edile, l'allarme non suon perch, a quei tempi, non avevamo ancora avuto il finanziamento richiesto e non avevamo potuto istallarlo: insomma nessuno vide niente. E i ladri, indisturbati, si portarono via 21 codici miniati, realizzati fra il 1450 e il 1480 dai monaci di Monte Oliveto. Che per, fortunatamente, dopo solo un mese tornarono al sicuro nel museo. Furono ritrovati in un cascinale nella zona di Perugia ricorda ancora il direttore imballati e pronti a partire. Si disse che ladri non erano ancora riusciti a portarli fuori dall'Italia. Furono arrestati. I codici, intatti, sono ancora esposti al Museo della cattedrale: ne mancano solo quattro pagine, miniate, mai pi ritrovate. E si arriva al furto al museo del seminario di Montarioso nel luglio del 1989. Ingente il valore dei pezzi trafugati tra cui un reliquario del XIV secolo.



news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news