LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Chiese aperte ai turisti: ecco come
Avvenire, 27/10/2005

Il direttore risponde

Caro Direttore, si moltiplicano le iniziative di valorizzazione del patrimonio sacro, anche su benemerito impulso di istituzioni civili. Questa fioritura è sicuramente positiva, poiché contribuisce a far crescere una sensibilità volta al rispetto, alla conoscenza e alla conservazione dei cosiddett: «beni culturali». Capita però, talvolta, che i municipi o le agenzie di settore operanti sul territorio promuovano visite guidate a chiese sussidiarie-consacrate, officiate almeno una volta la settimana e di proprietà ecclesiastica - la domenica mattina, nell'ora in cui in quelle chiese si celebra la Santa Messa festiva principale, quella che un tempo si chiamava «Messa alta». In questi casi il parroco difficilmente può opporsi, pena diventare bersaglio di critiche o passare per persona riluttante a collaborare con gli enti locali. Non vi pare che la natura del luogo di culto debba avere la preminenza sui contenuti, sia pur importanti, del luogo d'arte? Considero questo argomento fondamentale, affinchè non si trasformi in solo fenomeno artistico quello che è stato (e continua a essere) un patrimonio dello spirito, genuinamente popolare.
Oliviero Franzoni, Ossimo Inferiore (Bs)


Più volte, da queste colonne, abbiamo avuto modo di ribadire che chiese, santuari, abbazie e monasteri - per quanto monumenti e documenti di civiltà, spesso meravigliosi - non sono né possono essere considerati in prima istanza dei musei o delle gallerie. Una chiesa è, primariamente, luogo di culto e di preghiera, a cui s'addice un'atmosfera di silenzio e raccoglimento. Questo clima elettivo non esclude affatto - anzi in un certo modo prevede e sollecita, per le loro valenze potenzialmente istruttive - l'ammirazione e la visita per puro diletto estetico, purché disciplinate da qualche semplice accorgimento e da nitidi accordi con l'autorità ecclesiastica (nel caso specifico con gli uffici diocesani per i Beni culturali e per la Pastorale del turismo) nonché con gli enti e le famiglie religiose: cioè con coloro che sono i «proprietari», o piuttosto i custodi, degli edifici in questione. Si può dire che ormai le chiese storiche principali, quelle oggetto dei maggiori flussi turistici e di pellegrinaggio, dispongano di strumenti e di accortezze tecniche atte a mantenere quel clima e quel dato essenziale di educazione: pressoché tutte, infatti, mettono a disposizione comode audioguide, che il visitatore può ascoltare da sé in silenzio; inoltre, nel caso di visite di gruppo - comitive turistiche e/o scolaresche - le informazioni vengono generalmente fornite prima dell'ingresso nel tempio, così da evitare vocii e salvaguardare la pace del luogo. Ma aldilà di queste considerazioni empiriche, ciò che ci preme sottolineare è, in via generale, lo spirito di esemplare, efficace collaborazione invalso, ormai da tempo, fra le istituzioni turistiche territoriali (Apt, Pro Loco, assessorati al Turismo e alla Cultura) e le Chiese locali; spirito a cui non sono estranee anche entità della società civile come il Fai, Italia Nostra e altre Associazioni, che svolgono un meritorio lavoro di divulgazione, conoscenza e apertura al pubblico di tanti monumenti, chiese comprese. Questi accordi hanno di fatto ridotto al minimo il fenomeno della sovrapposizione tra la fruizione turistica e quella cultuale, facendo sì che gli orari delle visite non coincidano con quelli delle celebrazioni liturgiche. Accordi in cui - ovviamente - anche parroci e comunità sono stati coinvolti e responsabilizzati. Certo, può accadere che in singole situazioni - come quelle dai lei evocate - qualcosa debba ancora essere messo a registro, ma il quadro di riferimento, entro cui risolvere eventuali problemi, è ormai tracciato. Per chiarire definitivamente la materia e illuminare residui dubbi, corre l'obbligo ricordare che proprio recentemente ha visto la luce un contributo importantissimo: il volume della giurista Valentina Maria Sessa inerente proprio «La disciplina dei beni culturali di interesse religioso», edito da Electa col patrocinio dell'Ufficio Beni culturali ecclesiastici della Cei. L'ottimo volume, a cui rimandiamo tutti gli interessati all'argomento - clero e laici - reca, tra i vari contributi,
testi di mons. Giancarlo Santi e del prof. Mario Serio, «storico» dirigente del ministero Beni culturali.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news