LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Per il Lisippo si muove la diplomazia
Massimo Foghetti
Corriere Adriatico, 27/10/2005

La delegazione ottiene rassicurazioni dai funzionari dell'ambasciata americana

Per la restituzione prima si dovrà accertare la presenza della statua al "Getty", poi si coinvolgerà il consolato italiano a Los Angeles

FANO - Accertare l'effettiva presenza della statua greca di Lisippo, recuperata a Fano negli anni sessanta, nei locali del Museo Getty in California; coinvolgere il Consolato italiano a Los Angeles affinchè l'opera sia restituita all'Italia. Questo il percorso concordato ieri a Roma nella sede dell'ambasciata Usa, in via Veneto, in una riunione tra una delegazione di parlamentari delle Marche, amministratori regionali, comunali e l'addetto culturale dell'ambasciata statunitense nel nostro Paese. Della delegazione facevano parte i parlamentari Renzo Lusetti e Pietro Gasperoni, l'assessore regionale alla cultura Giampiero Solari, i consiglieri regionali Adriana Mollaroli e Giancarlo D'Anna, il vice sindaco di Fano Francesco Cavalieri. I delegati sono stati ricevuti da Mark Smith, addetto culturale dell'ambasciata Usa, e da Stephen C. Andersen, primo segretario dell'ambasciata, i quali hanno ascoltato a lungo le vicende della statua, da quando fu portata a riva dai pescatori fanesi nel 1964 a tutte le peregrinazioni di cui fu fatta oggetto, fino a essere acquistata dal Getty Museum di Malibù in Califomia nel 1977.
La delegazione, fa sapere la Regione Marche, ha riscontrato molto interesse e disponibilità a risolvere una questione che non è
affatto semplice. Nei prossimi giorni le parti si incontreranno nuovamente per valutare insieme gli sviluppi della situazione.
La statua bronzea, attribuita allo scultore greco Lisippo del quarto secolo a.C, raffigura un atleta. L'opera fu ritrovata davanti alle coste di Fano nel lontano 1964 ed esportata illegalmente negli Stati Uniti, presso il Getty Villa di Los Angeles, dove attualmente si troverebbe. E proprio questo dovrà essere oggetto di prima verifica. Infatti, il consigliere regionale Giancarlo D'Anna, durante la sua visita a Malibù non riuscì a vedere la statua, vuoi perché il museo risultava essere in fase di restauro, vuoi perché alla "Villa", nessuno si mostrò disponibile a fornire notizie in merito all'opera d'arte.
"L'esatta collocazione attuale della statua dovrebbe, come è stato concordato - ha evidenziato il vice sindaco di Fano Francesco Cavalieri - essere appurata tramite il Consolato Italiano a Los Angeles. Dopo di che si possono seguire due strade: una che segue il canale della magistratura, attraverso atti di carattere giudiziario, e uno che segue quello della diplomazia attraverso l'ambasciata statunitense in Italia. I diplomatici ci hanno assicurato il massimo sostegno. A loro è stata consegnata tutta la documentazióne necessaria per ricostruire le tappe della vicenda: il Lisippo partito dal suolo italiano e l'esportazione illegalmente per le vie del mercato clandestino". Il consigliere D'Anna ha interessato anche il ministro degli esteri Fini.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news