LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sardegna. Da due miliardi di lire a 500mila euro. L'angolo di paradiso si vende ai saldi
Enrico Carta
La Nuova Sardegna 25/10/2005

CABRAS. Sotto a chi tocca! Ed ecco che dalle retrovie, inattesa, spunta la Regione Sardegna. Evidentemente, a turno, quell'angolo di paradiso attira le attenzioni degli enti pubblici. Prima il Comune, poi il Ministero, ora appunto la Regione.
L'unico fattore che non cambia in tutte queste operazioni di compravendita, finora rimaste senza esito, lui. Un signore inglese. Pardon, Sir Rex Miller,che si pu anche vantare del titolo di Lord del Regno Unito. l'uomo che su quell'angolo di paradiso, a poche miglia da Capo Mannu, di fronte alla penisola del Sinis, pu fare il bello e il cattivo tempo, perch ne il proprietario.
La sua famiglia infatti ha acquistato l'isolotto, per 80 milioni, nel1972 dagli eredi dei genovesi Casaretto Mosetti. Da quel momento, a pi riprese, ha tentato di disfarsene, dopo aver capito ben presto che il sogno di realizzarvi delle ville da favola era destinato a rimanere chiuso in un cassetto. Difficile da aprire. Anzi, pressoch impossibile visto che prima ci sarebbe tutta una serie di vincoli legislativi che proteggono quell'inestimabile patrimonio naturalistico.
Allora che si fa? Meglio lasciar perdere, trasformando il ritornello di una canzone in voga diversi anni fa. Meglio, perch i denari liquidi piacciono pi di un angolo di "eden" incontaminato. Cos Sir Rex Miller ebbe un'idea, stavolta non tanto originale.
Vendo tutto pens. Per prima cosa si rivolse ad un'agenzia immobiliare, come si fa per qualsiasi altro terreno. E fiss anche il prezzo: nel 1995 si poteva acquistare Mal di Ventre per due miliardi di lire.
Apriti cielo. Se Mal di Ventre al di l degli errori di trascrizione del funzionario piemontese che ne trasform il nome dal sardo Malu Entu nel significato primo vuol dire "vento cattivo", quelli che soffiarono nella primavera di dieci anni fa furono uragani.
La classe politica scaten una tempesta, parlando addirittura di un tentativo di truffa quei vincoli di inedificabilit, mai e poi mai, sarebbero stati abbattuti. Infatti nessun acquirente buss alla porta dell'agenzia immobiliare o, men che meno, a quella di Lord Rex Miller.
Quest'ultimo per, proprio allora, forse inizia a realizzare che potrebbe essere difficile fare un affarone con la vendita di quello scoglio, che ora persino parte integrante dell'Area Marina Protetta chiamata, non certo a caso, Penisola del Sinis-isola di Mal di Ventre. E cos la svalutazione colpisce, oltre che la lira, anche il valore dell'isolotto.
Diversi anni dopo, nel 2002 per l'esattezza, il prezzo che Lord Miller propone al Comune di Cabras, che nel frattempo aveva avanzato l'idea di entrarne in possesso, era rimasto inchiodato sulla medesima cifra. Cosa assai rara per un terreno che, pi passa il tempo, pi acquista valore. Invece no, Mal di Ventre colpita dalla svalutazione, tanto che la cifra si trasform ben presto in un milione di euro, che, a ben guardare, una cifra leggermente inferiore ai due miliardi di lire.
Fu allora che il Comune decise di lanciare un messaggio al Ministero dell'Ambiente, chiedendo al ministro di intervenire per sovvenzionarne l'acquisto. Dapprima il ministro Altiero Matteoli si dimostr possiblista, poi, nel mese di febbraio del 2004, dopo aver valutato con attenzione la vicenda, parl chiaro:Non posso assegnare contributi per l'acquisto di un'isola deserta, perch la legge non me lo consente.
Chiuso il sipario su quest'atto, ecco che se ne apre un altro. Ma Mal di Ventre stavolta costa la met. Lord Miller magnanimo e si accontenta di 500mila euro.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news