LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Soru: se non ci danno i soldi pignoreremo i beni dello Stato
Sara Panarelli
Il Giornale di Sardegna 26/10/2005

Non è solo un fatto di soldi, ma di dignità di un popolo e di rispetto dei suoi diritti. E il governatore Renato Soru, che ieri a Tramatza ha chiamato a raccolta sindaci e presidenti delle province dell'Isola, dice che in nome di quei valori la battaglia va combattuta fino infondo, usando tutte le armi a disposizione.
Il ricorso alla Corte costituzionale, come lui stesso aveva annunciato nei giorni scorsi, ma anche altre due clamorose iniziative in vista di una manifestazione a Roma se domani il consiglio dei ministri non deciderà di restituire almeno una parte di quei 900 milioni all'anno fra Iva e Irpef mai pagati alla Sardegna per quindici anni: la richiesta di un pignoramento dei beni dello Stato nella qualità di "moroso" nei confronti della Regione per il mancato trasferimento di Irpef e Iva, ma soprattutto l'avvio della procedura di applicazione dell'articolo 51 dello Statuto che prevede la non applicazione in Sardegna di leggi che possano danneggiarla, bloccando così la Finanziaria se non dovesse provvedere al pagamento. «Non abbiamo i poteri ricattatori di altre regioni che con 68 parlamentari possono bloccare qualunque legge - ha detto Soru riferendosi alla Sicilia - ma pretendiamo il rispetto dello Statuto. Mi cadono le braccia fin sotto terra se un ministro mi dice di avere altre priorità: credo che la sua priorità debba essere il rispetto della Costituzione, e l'articolo 8 del nostro Statuto è un pezzetto di quella Costituzione che va rispettata. Noi però diventiamo una priorità se si parla di bombe o eolico. Dobbiamo essere uniti in questa battaglia, perché arriverà il momento in cui dovremo andare a Roma a protestare». A sostenere le ragioni del governatore c'erano quasi tutti gli assessori con il titolare del Bilancio Francesco Pigliaru che ha riepilogato situazione e cifre, il presidente della terza commissione Eliseo Secci che ha invitato a cercare soluzioni più che responsabilità, alcuni consiglieri regionali e una settantina fra sindaci e presidenti di Provincia. Grande assente il centrodestra (tranne il sindaco di Gairo Marceddu) anche se Soru - che oggi a Roma incontrerà Berlusconi - ha comunicato l'adesione via fax alla vertenza dei sindaci di Cagliari, Olbia e del presidente dell'Ogliastra. In chiusura è stato approvato un ordine del giorno che impegna parlamentari sardi e rappresentanti nel Governo a impegnarsi per il riconoscimento immediato dei diritti e il conseguente trasferimento delle risorse».

Spissu: uniti per vincere
■■ Il presidente del Consiglio regionale Giacomo Spissu ha scritto ai presidenti delle Province e ai sindaci dell'isola con l'invito a partecipare alla manifestazione promossa per domani a Cagliari da Cgil, Cisl e Uil nell'ambito della vertenza sulle entrate fiscali. «Solo con l'unità di tutte le componenti politiche e istituzionali - scrive Spissu - si potrà pervenire al riconoscimento delle rivendicazioni della nostra comunità e ad un riequilibrio delle entrate regionali, decisivo per le sorti dei bilanci».




news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news