LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Villa Certosa, depositata l'archiviazione. Per la Corte costituzionale è venuta meno la materia del contendere
La Nuova Sardegna 26/10/2005

ROMA. La Corte costituzionale, come già annunciato, ha archiviato, perchè venuta meno la materia del contendere, il caso Villa Certosa, la residenza sarda del premier Berlusconi che lo scorso anno era stata al centro di un contenzioso tra magistratura e governo per presunti abusi edilizi.
Con una ordinanza depositata ieri sera in cancelleria, la Corte - nel prendere atto che ai primi no all'ispezione dell'area è seguito, nel maggio scorso, il nulla osta del presidente del consiglio dei ministri alla «visita» degli ispettori (effettuata alla fine di giugno) - ha dichiarato inammissibile, perchè venuto meno l'oggetto del ricorso, il conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato sollevato dalla Procura di Tempio.Questa sollevò il conflitto nei confronti del ministro dell'Interno dopo l'opposizione (nel maggio 2004) del segreto di Stato sull'area, segreto confermato in dicembre dal sottosegretario alla presidenza del consiglio Letta.
Poi, però, le cose sono cambiate: nel maggio scorso il segreto è stato revocato e il nulla osta all'ispezione concesso. Nelle more del giudizio preliminare sull'ammissibilità del ricorso della magistratura sarda - hanno fatto rilevare i giudici della Consulta nell'ordinanza scritta da Ugo De Siervo - «è intervenuta la nota del ministero dell'Interno del 13 maggio con la quale, rappresentandosi espressamente la volontà del Presidente del Consiglio dei ministri, si è consentito al Procuratore di Tempio di accedere all'area già oggetto del provvedimento di apposizione del segreto di Stato ai fini di procedere all'ispezione richiesta»; «e tale ispezione è stata pienamente effettuata in attuazione del relativo decreto, il 20, 22 e 23 giugno 2005, alla presenza del difensore dell'indagato e di funzionari del Cesis». La Corte ha anche fatto rilevare che «su proposta degli stessi funzionari, l'ispezione si è estesa anche a «siti non menzionati espressa mente» nel secondo decreto adottato dalla Procura: quello del 7 settembre 2004 riguardante le pertinenze della Villa. «Di conseguenza - hanno concluso i giudici costituzionali - il compimento dell'ispezione da parte dell'autorità giudiziaria ricorrente ha rimosso l'ostacolo frapposto all'esercizio del potere di indagine spettante alla stessa autorità giudiziaria, così da far venire meno, allo stato, l'oggetto del conflitto». Ed «essendo venuta meno la materia del contendere, il conflitto deve essere dichiarato inammissibile per difetto del requisito oggettivo».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news