LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Navona, ambulanti in rivolta
Ilaria Sacchettoni
CORRIERE DELLA SERA – Cronaca di Roma, 26-OTT-2005





Oggi in giunta il provvedimento che dispone l'allontanamento delle bancarelle. Contro lo sgombero della piazza: «Non ce ne andremo»

Minacciano di legarsi alla fontana dei Quattro fiumi ma piazza Navona, giurano, non la lasceranno. Il giorno dopo l'annuncio del sindaco sul provvedimento che dovrà restituire decoro a una delle piazze più famose del mondo, gli ambulanti, gli «urtisti», i ritrattisti e perfino gli abusivi fanno sentire la loro voce. Ed è una voce dura, di rivolta. «Non ci stiamo — dice Celeste Astrologo, col banco vicino alla fontana del Bernini —. Ci hanno già spostato, per motivi di sicurezza, da San Pietro. Nove di noi hanno perso il posto. Questa piazza non la abbandoneremo». Ritrattisti e «urtisti» condividono le preoccupazioni per lo stato della piazza, ma per loro il rimedio è uno solo: mandare via gli abusivi e pulire la piazza. «Le denunce sulla sua sporcizia le abbiamo presentate noi».


Piazza Navona non la mollano. Piuttosto incatenati ai Quattro Fiumi, giurano pittori e urtisti, chiamati così dall'epoca in cui, col cesto della merce che oscillava pesante al braccio, finivano per urtare i passanti. Tempi in cui i mercati erano una cosa e le piazze un'altra. Un conto i suk, un altro i monumenti.
Il giorno successivo all'annuncio del sindaco Walter Veltroni di liberare l'antico stadio di Domiziano per restituirgli decoro, sulla piazza, si raduna la protesta. «Non ci stiamo - dice Celeste Astrologo, urtista del banco accanto alla fontana del Bernini -abbiamo già perso nove posti a San Pietro. Cancellati per ragioni
di sicurezza dopo gli attentati dell'11 settembre. Ora ci lavorano gli abusivi. Quelli possono stare dappertutto, per loro la sicurezza non vale mai». Mamma Navona ne ha nutriti tanti: possibile che ora voglia abbandonarli? In piazza non ci credono. Ma preparano una difesa. «Il mio banco è in regola. Ecco qui: la delibera comunale del '97 dice "tre Urtisti sulla piazza". Perché non mandano via gli abusivi? Perché il tendone con i libri ("Librinfesta" ndr) sì e noi no?» dice Alberto Pucci davanti ai suoi Colossei e Veneri botticelliane.
«Cos'è un'altra "terapia d'urto" tipo quella di piazza Spagna? - domanda sarcastico uno dei pittori - lì i cavalietti non ci sono più, è vero. Sulla scalinata di Trinità dei Monti, ormai, ci sono solo vendite di borse "taroccate". Proprio come succede qui la sera e la notte: le borse arrivano alla Fontana». «Santa Navona». Che stavolta si ribelli davvero?
L'amministrazione promette che farà sul serio. Contro tutti.


Banchi, banchetti, palchi, lenzuola, cavalletti, trespoli e sedie. «E gli amplificatori che d'estate tuonano fino alle due di notte quelli ci riescono a toglierli?» domanda incredula la residente. Dice di sì. Sarà vero? Possibile? Che spazzino via la fiera notturna? Via gli abusivi di giorno e i tavolini di notte? La maglia di Totti e l'altra di Del Piero? Le bolle di sapone e i frisbee luminosi, i corsi di yoga e le tarantelle? Il flauto di Pàn e i «best» di Frank Sinatra? I tatuaggi all'henne e i prestigiatori. Gli scrivani cinesi e gli artigiani dei Castelli? Sarà vero? Sicuri?
Non ci crede il proprietario del banco di souvenir calciatoristici, (che anche ieri aveva in mostra le sue scorte: quattro buste piene di merce dietro al banco) non del tutto almeno. Ma intanto invia un gesto distensivo, attraverso il suo dipendente Singh Jagden, ragazzo indiano che lavora per lui da due anni, (pagato a giornata, ovviamente): «Brutto degrado. Una schifezza. Anche noi d'accordo».
Su questo almeno tutti sembrano convinti: «Abbiamo denunciato la situazione della piazza con tanto di fotografie alla prefettura e al comune. Se la piazza è in queste condizioni è anche colpa dell' amministrazione» va giù dura Monica Monna, pittrice.
Diffidenza, sarcasmo, amarezza, ironia. Soprattutto timore: «Quattro anni fa ci spostarono tra Ponte Sisto e salita dei Giustiniani: non abbiamo venduto un solo quadro» ricorda la Morina.
Il sindaco dice che sposterà le attività in altre piazze centrali. Non va bene? «Ma non lo sapete che gli affari cambiano da un marciapiede all'altro?» dice la Astrologo disposta a gettare sul piatto anche la religione di famiglia: «La mia licenza è un risarcimento per le leggi razziali: l'attività di mio nonno fu chiusa dai fascisti». E il pittore Giovanni Battista Manca: «Noi per primi vorremmo che la piazza fosse veramente un salotto, abbiamo lavorato per crearlo. E non ce ne andremo». Mai, dicono. E mentre giurano, sul balcone al primo piano dei Tre Scalini, Zorro li guarda. É una silouetthe del Cavaliere Mascherato, allestita per promuovere il nuovo film con Catherine Zeta Jones e Antonio Banderas, anche nel Barocco. Mamma Navona: nessuno vuole lasciarla.

La vicenda
•IN GIUNTA
Oggi la giunta capitolina esaminerà una delibera «volta a restituire a piazza Navona il decoro e il prestigio che competono a uno dei luoghi più belli del mondo, frequentato ogni anno da milioni di visitatori»
•SPOSTAMENTI
L'obiettivo è quello di spostare tutte le occupazioni di suolo pubblico in altre zone che saranno individuate d'accordo con le associazioni di categoria. «Saranno comunque luoghi -annuncia il Campidoglio - che avranno lo stesso valore commerciale»
•CHI SONO
Il provvedimento riguarda circa sessanta pittori e sette urtisti e ambulanti autorizzati. Si farà un'eccezione per le bancarelle natalizie dopo l'8 dicembre: resteranno i venditori di Presepi
\



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news