LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Navona, ambulanti in rivolta
Ilaria Sacchettoni
CORRIERE DELLA SERA Cronaca di Roma, 26-OTT-2005





Oggi in giunta il provvedimento che dispone l'allontanamento delle bancarelle. Contro lo sgombero della piazza: Non ce ne andremo

Minacciano di legarsi alla fontana dei Quattro fiumi ma piazza Navona, giurano, non la lasceranno. Il giorno dopo l'annuncio del sindaco sul provvedimento che dovr restituire decoro a una delle piazze pi famose del mondo, gli ambulanti, gli urtisti, i ritrattisti e perfino gli abusivi fanno sentire la loro voce. Ed una voce dura, di rivolta. Non ci stiamo dice Celeste Astrologo, col banco vicino alla fontana del Bernini . Ci hanno gi spostato, per motivi di sicurezza, da San Pietro. Nove di noi hanno perso il posto. Questa piazza non la abbandoneremo. Ritrattisti e urtisti condividono le preoccupazioni per lo stato della piazza, ma per loro il rimedio uno solo: mandare via gli abusivi e pulire la piazza. Le denunce sulla sua sporcizia le abbiamo presentate noi.


Piazza Navona non la mollano. Piuttosto incatenati ai Quattro Fiumi, giurano pittori e urtisti, chiamati cos dall'epoca in cui, col cesto della merce che oscillava pesante al braccio, finivano per urtare i passanti. Tempi in cui i mercati erano una cosa e le piazze un'altra. Un conto i suk, un altro i monumenti.
Il giorno successivo all'annuncio del sindaco Walter Veltroni di liberare l'antico stadio di Domiziano per restituirgli decoro, sulla piazza, si raduna la protesta. Non ci stiamo - dice Celeste Astrologo, urtista del banco accanto alla fontana del Bernini -abbiamo gi perso nove posti a San Pietro. Cancellati per ragioni
di sicurezza dopo gli attentati dell'11 settembre. Ora ci lavorano gli abusivi. Quelli possono stare dappertutto, per loro la sicurezza non vale mai. Mamma Navona ne ha nutriti tanti: possibile che ora voglia abbandonarli? In piazza non ci credono. Ma preparano una difesa. Il mio banco in regola. Ecco qui: la delibera comunale del '97 dice "tre Urtisti sulla piazza". Perch non mandano via gli abusivi? Perch il tendone con i libri ("Librinfesta" ndr) s e noi no? dice Alberto Pucci davanti ai suoi Colossei e Veneri botticelliane.
Cos' un'altra "terapia d'urto" tipo quella di piazza Spagna? - domanda sarcastico uno dei pittori - l i cavalietti non ci sono pi, vero. Sulla scalinata di Trinit dei Monti, ormai, ci sono solo vendite di borse "taroccate". Proprio come succede qui la sera e la notte: le borse arrivano alla Fontana. Santa Navona. Che stavolta si ribelli davvero?
L'amministrazione promette che far sul serio. Contro tutti.


Banchi, banchetti, palchi, lenzuola, cavalletti, trespoli e sedie. E gli amplificatori che d'estate tuonano fino alle due di notte quelli ci riescono a toglierli? domanda incredula la residente. Dice di s. Sar vero? Possibile? Che spazzino via la fiera notturna? Via gli abusivi di giorno e i tavolini di notte? La maglia di Totti e l'altra di Del Piero? Le bolle di sapone e i frisbee luminosi, i corsi di yoga e le tarantelle? Il flauto di Pn e i best di Frank Sinatra? I tatuaggi all'henne e i prestigiatori. Gli scrivani cinesi e gli artigiani dei Castelli? Sar vero? Sicuri?
Non ci crede il proprietario del banco di souvenir calciatoristici, (che anche ieri aveva in mostra le sue scorte: quattro buste piene di merce dietro al banco) non del tutto almeno. Ma intanto invia un gesto distensivo, attraverso il suo dipendente Singh Jagden, ragazzo indiano che lavora per lui da due anni, (pagato a giornata, ovviamente): Brutto degrado. Una schifezza. Anche noi d'accordo.
Su questo almeno tutti sembrano convinti: Abbiamo denunciato la situazione della piazza con tanto di fotografie alla prefettura e al comune. Se la piazza in queste condizioni anche colpa dell' amministrazione va gi dura Monica Monna, pittrice.
Diffidenza, sarcasmo, amarezza, ironia. Soprattutto timore: Quattro anni fa ci spostarono tra Ponte Sisto e salita dei Giustiniani: non abbiamo venduto un solo quadro ricorda la Morina.
Il sindaco dice che sposter le attivit in altre piazze centrali. Non va bene? Ma non lo sapete che gli affari cambiano da un marciapiede all'altro? dice la Astrologo disposta a gettare sul piatto anche la religione di famiglia: La mia licenza un risarcimento per le leggi razziali: l'attivit di mio nonno fu chiusa dai fascisti. E il pittore Giovanni Battista Manca: Noi per primi vorremmo che la piazza fosse veramente un salotto, abbiamo lavorato per crearlo. E non ce ne andremo. Mai, dicono. E mentre giurano, sul balcone al primo piano dei Tre Scalini, Zorro li guarda. una silouetthe del Cavaliere Mascherato, allestita per promuovere il nuovo film con Catherine Zeta Jones e Antonio Banderas, anche nel Barocco. Mamma Navona: nessuno vuole lasciarla.

La vicenda
IN GIUNTA
Oggi la giunta capitolina esaminer una delibera volta a restituire a piazza Navona il decoro e il prestigio che competono a uno dei luoghi pi belli del mondo, frequentato ogni anno da milioni di visitatori
SPOSTAMENTI
L'obiettivo quello di spostare tutte le occupazioni di suolo pubblico in altre zone che saranno individuate d'accordo con le associazioni di categoria. Saranno comunque luoghi -annuncia il Campidoglio - che avranno lo stesso valore commerciale
CHI SONO
Il provvedimento riguarda circa sessanta pittori e sette urtisti e ambulanti autorizzati. Si far un'eccezione per le bancarelle natalizie dopo l'8 dicembre: resteranno i venditori di Presepi
\



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news