LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALERMO: La bellezza soffocata dallo smog
SERGIO TROISI
26/10/2005, La Repubblica, Palermo





L’allarme lanciato da Legambiente a proposito delle condizioni di degrado in cui versano, a causa dell'inquinamento, i monumenti lungo il Cassaro pone l'accento su due questioni centrali, connesse e sinora irrisolte, relative alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio urbano: la necessità di pensare i singoli interventi di recupero e restauro in un'ottica progettuale unitaria anziché isolatamente per singoli tasselli, e di elaborare una strategia che tenga conto dell'equilibrio non facile tra le esigenze della conservazione dei brani della città antica da un lato e, dall'altro, delle funzioni economiche e residenziali di cui nessuna parte di città può prescindere.
Questioni complesse che hanno alimentato per anni il dibattito sui centri storici, e che a Palermo sono rimaste quasi sempre lettera morta, affidate a iniziative estemporanee senza prevedere un processo di ridisegno graduale e ormai comunque improcrastinabile dei meccanismi di funzionamento della città. Col risultato, sotto gli occhi di tutti, di una rinuncia di fatto a controllare le cause del degrado ambientale, e lasciando alla mercé dei gas di scarico statue, decori, facciate di chiese e palazzi.
Il caso di corso Vittorio Emanuele ma anche di via Maqueda è tanto più eclatante in quanto investe il fulcro monumentale e simbolico della città: la grande croce di strade che segna i confini dei quattro mandamenti del centro antico sulle cui direttrici si è andata sedimentando la sua storia urbana, l'audace piano di riconfigurazione degli antichi quartieri attuato attraverso il doppio prolungamento e la rettifica del Cassaro tra il l567 e il l581, e il taglio della Strada Nuova a partire dal 1600. Una successione di architetture — dalla Cattedrale a piazza Bologna a San Giuseppe dei Teatini, dal complesso di piazze che dispone come un succedersi di quinte teatrali piazza Pretoria, Santa Maria dell'Ammiraglio e San Cataldo ai grandi palazzi aristocratici settecenteschi — che dovrebbe avere per Palermo la stessa centralità che ha per Firenze l'asse che da piazza del Duomo conduce a piazza della Signoria, e che invece rimane pressoché invisibile: occultato dall'incessante fiumana di automobili il magnifico cannocchiale prospettico che conduce da Porta Felice a Porta Nuova, mortificata dalla sporcizia accumulata giorno per giorno la sontuosa cortina architettonica di palazzi nobiliari, occupata dai parcheggi selvaggi la sequenza dei piani rinascimentali e barocchi, lo spazio in cui fu convogliato lo sfarzo della città capitale soffoca e agonizza.
Lo stato in cui versano oggi i Quattro Canti è forse l'esempio più evidente dei danni prodotti dall'assenza di una politica unitaria di tutela: appena pochi ani fa, il restauro aveva restituito la partitura delicata delle cromie della pietra e dei marmi, una variazione di bianchi e ocre oggi nuovamente annerita e bisognosa di un nuovo intervento; anche se, perla materia di cui ogni architettura è composta, ogni restauro rappresenta sempre un piccolo trauma, e le operazioni di pulitura non possono di conseguenza ripetersi
di continuo. Una sorte simile attende, se non interverranno mutamenti capaci di rimuovere le cause del degrado, le statue ancora candide della Fontana Pretoria, la scena dell'Annunciazione e l'albero della vita che ornano il timpano del portico meridionale della Cattedrale, e la facciata dell'Oratorio del Santissimo Salvatore, dove, a restauro quasi ultimato, dalle impalcature occhieggia il ritrovato giallo paglierino della pietra anziché la densa superficie nera che avevamo conosciuto da sempre.
Non vi è dubbio che la situazione è stata aggravata dalle decisione dell'attuale amministrazione di riaprire indiscriminatamente al traffico la via Maqueda, dopo che la relativa isola pedonale con l'apertura ai soli autobus di linea e ai veicoli delle forze dell'ordine e delle ambulanze aveva garantito una riduzione sensibile delle emissioni di gas di scarico delle automobili, le più nocive e corrosive. Una soluzione controversa quella adottata dalla precedente giunta, senza dubbio parziale e imperfetta, ma almeno un primo passo nella direzione giusta; abolita in nome della sicurezza dei pedoni, fu detto, in attesa di un piano traffico annunciato inizialmente tra le priorità e invece subito rimosso, che ha ridotto via Maqueda (ma lo stesso vale per corso Vittorio Emanuele) al collasso: con auto parcheggiate sui marciapiedi e in doppia fila ad ogni ora del giorno, operazioni di scarico delle merci effettuate in barba a qualsiasi ordinanza regolatrice, e i pedoni costretti a uno slalom (questo sì) pericoloso, per non dire di chi è costretto ad avventurarsi per la strada con bambini al seguito o su sedia a rotella. Nella città antica i diritti sono dei fuoristrada, non dei più deboli.
I provvedimenti da prendere sarebbero almeno nel breve periodo impopolari probabilmente per gli automobilisti, certamente peri commercianti, e dovrebbero avere come approdo finale (ma in tempi certi) la pedonalizzazione delle due strade sull'esempio di quanto avviene in molte altre città italiane ed europee in aree della stessa estensione, prevedendo dissuasori a scomparsa per permettere l'accesso ai residenti, parcheggi vicini all'area pedonale, servizi continui di minibus elettrici; senza che il commercio ne soffra, anzi: perché una dimensione urbana diversamente ordinata e vivibile è al contrario la premessa per la riqualificazione commerciale dell'intera zona. Altrimenti, rassegniamoci alla progressiva e implacabile rovina dei monumenti simbolo della nostra storia.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news