LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA: Antropologia burocratica nei musei della Sicilia
MARCELLA CROCE
25/10/2005 La Repubblica, Palermo




Apprendiamo dalla stampa che l'assessorato ai Beni culturali della Regione siciliana ha recentemente effettuato un magnifico «balletto di nomine» tra numerosi suoi alti funzionari. Stavolta si tratta addirittura di una vera e propria contraddanza, che ha sortito risultati del tutto inaspettati. E in molti casi gli interessati sono stati costretti — spesso a propria insaputa— a scambiarsi le poltrone.
Peccato che questi incarichi di alta responsabilità, in un campo così delicato come quello dei beni culturali, non possono essere in ogni caso equiparati alle succulente pietanze che i vicini di casa con tanto affetto talora si scambiano nei paesi siciliani. Come si evince dai documenti di protesta firmati da tanti esponenti della cultura siciliana e non solo, i criteri seguiti dalla Regione nel corso di questa sua ennesima operazione di rimpasto, sono misteriosi e non promettono nulla di buono. Nomine a sorpresa alla guida di prestigiose istituzioni mussali regionali non sono affatto una novità: qualche tempo fa è stata nominata alla guida del nuovo Museo di arte contemporanea di Palermo una persona specialista in altro campo.
La stessa cosa ora potrebbe accadere al Museo archeologico di Palermo, che per la prima volta nella sua storia sarà diretto — a quanto pare — non da un archeologo ma da un architetto. Dopo tanti abbagli presi per stare appresso allo «sviluppo» industriale, che in molti casi hanno prodotto solo inquinamento e sfregi al paesaggio, dopo tanti sprechi perpetrati per nutrire i propri vizi (vedi articolo di Attilio Bolzoni su Repubblica dello scorso 30 settembre), la Regione siciliana, in una delle sue non infrequenti geniali illuminazioni, dimentica che, al di là della retorica di tante vane parole, congressi e documenti da essa stessa generati, indetti e stilati, i beni culturali rimangono l'unica vera risorsa dell'isola.

Un colpo solo della magica bacchetta di Mamma Regione, e risultano così vanificati gli sforzi di tanti onesti professionisti finiti fra i gangli infernali dei suoi meccanismi burocratici e mortificati sull'altare di una non meglio identificata ragion di Stato, che meglio dovremmo definire, se la frase non risultasse quasi impronunciabile, «ragion di Regione».
La meritocrazia in Italia non si sa nemmeno dove stia di casa, non è una novità e non si può neanche dire che sia un male solo siciliano. Negli anni Sessanta l'avvocato Pino Furitano, vecchio amico della mia famiglia, purtroppo scomparso già da molti anni, ricevette un'importante nomina dalla sovrintendenza alle Belle arti di Roma, e uno dei ricordi più belli che ho della mia giovinezza è il periodo che trascorsi dopo la mia licenza liceale nella capitale nel '67, durante il quale, in una serie strepitosa di visite guidate, mi dedicai con passione per la prima volta nella mia vita ad affascinanti peregrinazioni fra i tesori meno conosciuti di musei e gallerie, palazzi e chiese. Incantata ascoltavo e ammiravo tutto quanto e grande fu la mia sorpresa nell'apprendere che la nomina di Furitano alla sovrintendenza non era stata dovuta a una sua competenza, giacché era un puro caso che egli fosse davvero preparato in materia.
Tutte le culture celebrano il passaggio da uno stadio della vita al successivo con dei riti particolari. Come potremmo anche vedere con i nostri occhi, addentrandoci negli angoli più riposti del nostro Bel Pianeta, questo è ciò che avviene nelle società cosiddette primitive. Ma non solo: nella nostra cultura, ad esempio, sono i confetti a caratterizzare tutte le cerimonie che marcano l'arco della vita di un individuo. Nella Regione siciliana ognifa-se politica e amministrativa è annunciata da elaborate coreografie (di solito denominate, con sigla indecifrabile ai più, spoil System), solo che, a differenza di quanto accade in Africa, esse non rivestono alcun valore antropologico.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news