LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SCOPERTE: Un affresco leonardesco alle Grazie. Ma per Marani non è Leonardo
LUIGI BOLOGNINI
25/10/2005 La Repubblica, Milano

L'opinione del professor Pietro C. Marani che alle Grazie ha diretto i restauri del Cenacolo:
"Un frammento pieno di misteri ricorda la Vergine delle Rocce"

PIETRO C. Marani, direttore dei restauri del Cenacolo, il frammento ritrovato può essere attribuito a Leonardo?
«Tenderei a escluderlo. Ma per un motivo molto semplice: si tratta, appunto di un frammento, poco più di una macchia di colore sul muro. E per lo stesso motivo, mi pare difficile che si possa dire che sia di scuola leonardesca. Certo, qualche somiglianza con lo stile della Vergine delle rocce si nota».
Ma il fatto che si ritrovino ancora cose dell'epoca può significare che da qualche parte ci siano opere leonardesche da scoprire?
«La speranza non è mai morta. Facendo restauri e studiando fondi dei disegni e collezioni, qualche scoperta si può ancora fare. Non escludo che ci siano sue opere coperte daintonaco e daun armadio, come in questo caso».
Leonardo visse a Milano dal 1482 al 1499 e dal 1507 al 1513, ventitré anninei quali disseminò la città di opere. Cosa rimane?
«A parte il Cenacolo, la cosa meno conosciuta è la sala delle Asse nel Castello Sforzesco, dove ci sono i resti di una decorazione. E soprattutto il Musico all'Ambrosiana, l'unico dipinto maschile su tavola che abbia mai fatto. E poi i manoscritti: il Codice Trivulziano e il Codice Atlantico. Infine, almeno tre disegni: due a Brera e uno al Castello».
Mentre è leggenda metropolitana quella dei Navigli.
«Certo: i Navigli erano già fatti quando lui arrivò. Lui potrebbe aver avuto una piccola parte nel concorso di idee per la Martesana. E anche il canale di Paderno fu fatto diversamente da come lui suggerì. Il luogo comune nasce dall'esistenza ili suoi disegni per
le chiuse del Naviglio Grande, ma lui ne studiò solo la portata per poter far pagare l'acqua per l'irrigazione».
Che rapporti c'erano tra Milano e Leonardo?
«Quelli che hanno lasciato qualche ricordo di lui sono gli umanisti, gli storici, i poeti di corte. Lo paragonavano a Fidia, Scopa, Prassitele, Apelle. I milanesi riconobbero da subito il suo valore».
E lo riconoscono tuttora. Forse anche grazie al Codice da Vinci.
«Vero. L'interesse dei milanesi adesso è fortissimo, manon è mai morto. È uno dei pochi artisti che gode di fama ininterrotta da mezzo millennio. Molto è merito del mito nato in epoca romantica, del genio a tutto tondo, precursore di qualunque cosa, che ha inventato il carro armato, il paracadute, l'elicottero. Un mito che non corrisponde completamente alla realtà».
Ovvero?
«Alcuni luoghi comuni sono stati smontati dagli ultimi studi. Ad esempio, non sapeva fare il calcolo frazionario né le divisioni, non conosceva né il latino né il greco. E molte delle sue invenzioni esistevano già all'epoca. Solo che di lui ci sono arrivate 7mila pagine, di altri matematici e scienziati dell'epoca, nulla. Adesso abbiamo aperto una mostra all'Archivio di Firenze sulla vera immagine di Leonardo».
Anche se resta un caposcuola.
«Certo. Però di una scuola particolare. I suoi discepoli non facevano parte di un'accademia ma erano garzoni di bottega e artisti che lo avevano come punto di riferimento ma che operavano in modo autonomo. Penso a Marco d'Oggiono e a Boltraffio, che Vasari definisce il suo migliore allievo».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news