LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SCOPERTE: Un affresco leonardesco alle Grazie. Sotto l'intonaco appare una Madonna col Bambino
CHIARA GATTI
MARTEDÌ 25 OTTOBRE 2005 MILANO LA REPUBBLICA






APPARSA come per miracolo. Una madonna impalpabile, trasparente come una visione. Se ne stava lì, fra intonaci scrostati e vecchi rattoppi di malta, ma nessuno si era mai accorto di lei. Forse perché un grande armadio da sacrestia la nascondeva da anni e solo poche settimane fa qualcuno ha pensato di spostarlo per vedere cose ci fosse sotto. Ed ecco che è emerso il suo volto, tratteggiato dal segno leggero di una matita sanguigna. Il capo è reclinato, ciocche di capelli scivolano fuori del velo e, appoggiata alla spalla, s'intravede la testa del bambino con i suoi riccioli ribelli.
Siamo a Santa Maria delle Grazie e quello su cui si stanno interrogando in questi giorni gli storici è un affresco misterioso. Intanto perché lo stato di conservazione dell'opera rende difficile ricostruirne la storia. E poi perché la collocazione di una maternità nella cosiddetta "piccola sagrestia" (o stanza del campanile) ha stimolato nuove ragioni d'indagine su un angolo finora trascurato della chiesa, strizzato fra il chiostrino e la tribuna bramantesca.
Ad accorgersi della valenza del luogo sono stati i restauratori che, negli ultimi tre anni, impegnati nel ripristino della tribuna e usando la stanza come deposito, hanno notato la bellezza della decorazione muraria. Così, a tribuna finita, i lavori si sono trasferiti sul retro, dando vita a una campagna di studi su un ciclo che contempla, oltre alla Madonna col bambino, le immagini di Santi dell'ordine domenicano incorniciati da splendide grottesche. Curato dalla Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio di Milano, col sostegno di Grandi Stazioni, l'intervento durerà circa un anno nel corso del quale si spera emergano nuovi dettagli sulla vicenda degli affreschi.
A sentire Paola Villa, responsabile dei restauri, «il ciclo può essere datato alla fine del Quattrocento e, a giudicare dallo stile, si direbbe che la Vergine sia di scuola leonardesca». Come a dire che mentre Leonardo, fra il 1495 e il 1498, su commissione di Ludovico il Moro, dipingeva l'Ultima Cena nel refettorio del convento, uno dei suoi sgusciava in un ambiente nascosto, ai piedi della torre campanaria, per lavorare da solo a una madonna che, nella posa, ricorda alcune delle più celebri figure del maestro. «Un'ipotesi interessante-sottolinea Libero Corrieri della Soprintendenza-è quella che al dipinto sia legata l'esistenza di un affresco strappato. Nel caso riuscissimo a trovarlo il mistero potrebbe risolversi». Intanto le ricerche proseguono nel cantiere aperto alle Grazie, dove ieri sono stati inaugurati anche i lavori di ripristino della parete dell'edificio che affaccia su corso Magenta.





news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news