LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TERRITORIO: Se la Natura devastata da cemento e spazzatura
GIOVANNI VALENTINI
26/10/2005, La Repubblica, Bari



Quel muso aerodinamico dell'Eurostar sospeso nel vuoto della campagna pugliese, rischia di diventare un'icona ostile e iniqua della nostra regione, perennemente in bilico tra passato e futuro; un simbolo del contrasto fra le legittime aspirazioni alla modernit di questa terra e i retaggi di un'arretratezza antica che purtroppo tuttora attuale, drammaticamente attuale e irrisolta.

Ci vorr tempo e fatica per riparare i danni prodotti dal piccolo "tsunami" che ha colpito la Puglia nell'ultimo week-end, mentre nessuno potr restituire la vita alle vittime del nubifragio e neppure lenire il dolore delle loro famiglie. Ma ci vorr ancora pi tempo e pi fatica per ripristinare l'immagine di una regione che affida al richiamo del turismo, del mare e del paesaggio, gran parte delle proprie aspettative di crescita e di sviluppo.
Sar pure vero che eventi del genere - come ha detto in tono consolatorio il responsabile della Protezione civile, Guido Bertolaso - accadono ogni cento anni. E che, nella notte fra venerd e sabato, a sud di Bari sono caduti 150 millimetri di pioggia, quanta ne cade normalmente in quattro mesi.
Ma stato lui stesso a denunciare giustamente l'incuria del territorio: cio la cementificazione selvaggia, l'abusivismo edilizio, la cattiva amministrazione locale e aggiungiamo anche l'incivilt di tanti cittadini che disseminano le carcasse di automobili in mezzo agli uliveti, ostruiscono i canali di scolo con gli scheletri dei televisori o delle lavatrici, scaricano impune-mente in mare rifiuti di ogni tipo.

C' sempre una complicit di fatto tra la mano dell'uomo e la forza della natura in queste calamit, fra l'irresponsabilit dei individui e la violenza degli elementi.

Siamo noi che, a furia di inquinare l'atmosferaconleno-stre emissioni nocive, stiamo provocando l'effetto serra, il surriscaldamento del pianeta e quindi il cambiamento radicale del clima, con buona pace di tanti "ecoscettici".

SIAMO noi che disboschiamo le montagne o e colline, favorendo la forza distruttrice delle acque piovane. E siamo ancora noi che cementifichiamo le coste, condoniamo gli abusi edilizi o trasformiamo l'ambiente in una gigantesca pattumiera. Non c'era bisogno di aspettare le teleprediche di Adriano Celentano, per sapere che la colpa di tutto ci innanzitutto nostra, dei nostri governi, dei nostri politici e dei nostri amministratori pubblici, quegli stessi che noi eleggiamo in attesa magari di un posto o in cambio di un favore: ben vengano, perci, le inchieste della magistratura o del ministero, per accertare e sanzionare le responsabilit.
Per una terra storicamente assetata come la Puglia, un crudele paradosso ritrovarsi sommersa dall'acqua che cade dal cielo, ferita a morte da un nubifragio, prostrata da un mezzo diluvio regionale.
Eppure, sappiamo da sempre che siamo poveri di risorse idriche e che in un prossimo futuro rischiamo addirittura la desertificazione del territorio. Dobbiamo contendere l'acqua alle regioni vicine, per bere, per irrigare i campi e allevare il bestiame, ma quando piove non siamo capaci di controllarla, di gestirla e di conservarla per l'occorrenza. Pi che una maledizione, una sorta di autopunizione che infliggiamo a noi stessi.
Di fronte alle "grandi opere" promesse e vagheggiate dal governo di centrodestra, forse basterebbero in molti casi le "piccole opere" di ordinaria manutenzione, secondo una moderna cultura ambientale: il rispetto della natura, la cura della campagna, la gestione dei rifiuti, la pulizia dei canali.
Prima di costruire il Grande Ponte sullo Stretto, non sarebbe meglio allora controllare e consolidare i piccoli ponti sulle strade e sulle linee ferroviarie di tutto il Sud? E prima di lanciare i treni ad "alta velocit" nelle zone pi ricche del Paese, non sarebbe utile eliminare quelli a "bassa dignit"-sempre lenti, sempre sporchi, sempre in ritardo -nelle zone pi povere e depresse?
Non demagogia meridionalista quella che induce riflessioni cos amare all'indomani del diluvio pugliese. E', piuttosto, la convinzione profonda che il Sud pu essere una grande opportunit per tutta l'Italia, un serbatoio di energie e di risorse, un nuovo "mercato" da scoprire e valorizzare.
Ma per realizzare questo sogno, pi di un malinteso "federalismo fiscale" che distribuisce soldi alle regioni politicamente pi amiche in un'ottica clientelare, occorre uno spirito di solidariet nazionale fondato su un modello di sviluppo alternativo, sulla salvaguardia dell'ambiente e sulla giustizia sociale.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news