LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Ue processa il Ponte sullo Stretto - Accolte le tesi del Wwf: danni all’ ambiente e alla fauna
GIORGIO LONARDI
MARTEDÌ 25 OTTOBRE 2005 LA REPUBBLICA




La Commissione avvia la procedure di infrazione e mette in mora l'Italia, che ora ha 60 giorni per esporre le sue ragioni


MILANO — Bruxelles ha «messo in mora» il governo italiano sul Ponte di Messina. Lo ha scritto venerdì scorso Julio Garcia Burgués, responsabile infrazioni della Direzione Generale Ambiente della Ue, al presidente del Wwf Italia Fulco Pratesi accogliendo così un reclamo dello stesso Wwf.

Si tratta, dunque, dell'inizio di una procedura d'infrazione in cui la Commissione ha contestato all'Italia di «non aver adottato misure idonee a prevenire il deterioramento degli habitat e le perturbazioni dannose agli uccelli». Eh si, secondo Bruxelles il Bel Paese si sarebbe disinteressato delle 312 specie di uccelli (fra cui 32 tipi diversi di rapaci) che utilizzano lo Stretto come una sorta di Autostrada del cielo per le loro migrazioni verso l'Europa Centrale e Settentrionale. È il caso della Sula che nidifica in Gran Bretagna. O dell'Albanella Pallida che preferisce la Russia mentre il Falco Pescatore mette su famiglia in Svezia, Ungheria e Germania.
In realtà, siamo di fronte ad un vero e proprio siluro nei confronti del Ponte: la prima procedura d'infrazione contro una grande opera in Italia. A questo punto la palla passa al nostro governo che dovrebbe inviare a Bruxelles le proprie ragioni nel giro di un paio di mesi. Qualora la risposta tardasse oppure non fosse ritenuta convincente dalla Ue seguirebbe un parere motivato della Commissione che, in assenza di
controdeduzioni soddisfacenti, potrebbe portare Bruxelles a deferire l'Italia alla Corte Europea. Quest'ultimo passo comporterebbe, oltre al rischio di una sanzione piuttosto salata, anche la sospensione di qualsiasi contributo europeo al Ponte stesso.
Insomma, la mossa compiuta da Burguès è maledettamente seria. Così come è insidiosa la strategia adottata dal Wwf che cerca in ogni modo di bloccare la costruzione del Ponte dei primati: 6 miliardi di costo complessivo, 3.300 metri di campata centrale,4 torrida382,60 metri. Accogliendo le tesi di Pratesi la Commissione mette in mora l'Italia per due questioni specifiche. La prima è di non essersi occupata dei riflessi che potrà avere la costruzione del Ponte sulle due Important Bird Area (IBA) dei Monti Peloritani in Sicilia e della Costa Viola in Calabria. L'Italia, infatti, è stata accusata di non aver rispettato la cosiddetta «Direttiva Uccelli» che impone agli stati membri di adottare tutte le misure ne-cessarie a proteggere i volatili nelle IBA. Il nostro Paese è stato inoltre ammonito dalla Commissione per «non aver
correttamente eseguito la valutazione d'incidenza del progetto» su altre due aree come previsto dalla Direttiva Habitat. Si tratta di Capo Peloro e dei Laghi di Ganzirri in Sicilia e della Dorsale di Curcuraci in Calabria. Perché a parere di Bruxelles la valutazione d'incidenza presentata dalla società «Stretto di Messina Spa» non corrisponderebbe alla Direttiva Habitat. E adesso?
Secondo il Wwf l'unica via di uscita sarebbe di riaprire la procedura di impatto ambientale con tanto di valutazione d'incidenza. Tempi biblici, quindi, che rischiano di creare qualche incertezza anche ad Impregilo, il gruppo che ha appena vintola gara per diventare general contractor del Ponte sullo Stretto.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news