LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ancora tagli: i precari dei musei rimangono senza stipendio
F. San.
26/10/2005, L'Unità

La denuncia arriva dalla Uil. Il ministero smentisce: «Non è vero niente»
Nel provvedimento sarebbero coinvolti 3.200 lavoratori dei beni culturali.

ANCORA LA CULTURA All’infinita serie di tagli inferti dalla legge Finanziaria alla voce “cultura” potrebbe aggiungersi un nuovo triste capitolo: quello degli operatori museali. Per essere più precisi, il provvedimento riguarderebbe ben 3.200 persone. È quello che teme e denuncia il segretario regionale del sindacato Ulibac Giancarlo Cerasoli. Secondo il quale 3.200 lavoratori precari dei beni culturali potrebbero veder tagliati i loro stipendi nell' ambito delle misure urgenti prese per il raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica. Per Cerasoli, se le cesoie tremontiane colpiscono anche il sistema museale «diventa drammatico il taglio effettuato sulla cassa poiché tra le tante voci c'è quella riferita al taglio dei capitoli per pagare gli stipendi di novembre e dicembre più le tredicesime ai lavoratori giubilari, agli assistenti tecnici museali, ai lavoratori delle associazioni temporanee di impresa, ai co.co.co.» I contratti che rischiano maggiormente di non essere rinnovati sono quelli di collaborazione trimestrale e dei lavoratori giubilari, perché più brevi e quindi immediatamente estinguibili. La somma risparmiata dal Governo con questo provvediemento ammonterebbe a circa 14 milioni di euro. In mancanza del rinnovo dei contratti dei precari le ripercusioni sul sistema museale italiano potrebbero essere davvero serie. Soprattutto perché il ruolo svolto all’interno di esso dalle persone che rischiano di rimanere a casa risulta fondamentale. Per ammissione dell’Ufficio Stampa dello stesso Ministero dei Beni Culturali «indispensabile a tenere aperti diversi musei». Ripercussioni talmente serie che «il ministro Buttilgione si sta adoperando perché questi tagli rientrino. E questo non può non accadere perché altrimenti il ministro darebbe le dimissioni». Visti i precedenti, c’è il forte rischio che la buona volontà di Buttiglione possa non bastare. «Licenziato perché era infortunato. E quindi, a loro dire, non produttivo». L’accusa della segretaria fiorentina della Fillea Cgil arriva decisa. Ed ha un obiettivo ben preciso: la Baldassino-Tognozzi-Pontello e, soprattutto, la Edil Gammache ha ricevuto in appalto i lavori della terza corsia. «I lavori siano iniziati da diversi mesi - spiega laCavallini -ma l’azienda non ha ritenuto importante avere con noi un confronto preventivo». La situazione è degenerata lunedì. «Un lavoratore che si è ripresentato al lavoro dopo una settimana di infortunio si è sentito dire che era stato licenziato ». Per questa ragione la Fillea ha annunciato di aver già avviato le pratiche legali per impugnare il licenziamento e portare l’azienda davanti al giudice del lavoro. «Chiediamo alle ditte di rispondere del loro comportamento - conclude la Cavallini - visto che altri lavoratori si sono sentiti negare anche un permesso per tornare a casa dopo un mese di lavoro ininterrotto e turni di 10/12 ore al giorno».

f.san.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news