LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Ponte inciampa sulla Ue: «Violate le norme europee»
di Maria Zegarelli
L'Unità, 25/10/2005

È un gigante dai piedi d’argilla. Un progetto faraonico voluto da Berlusconi e Lunardi, il più grande appalto mai visto in Italia, ma il ponte sullo Stretto di Messina si blocca prima ancora di partire davanti a norme comunitarie che il Belpaese non ha rispettato.
La notizia è che la Commissione Europea ha messo in mora la Repubblica italiana per non aver rispettato le direttive comunitarie che tutelano l’habitat e i flussi migratori.



FONDI BLOCCATI.
Il ponte sullo Stretto continua a restare un fantasma. La Commissione europea ha messo in mora l’Italia per il deterioramento dell’habitat.


SOTTO ACCUSA anche la valutazione di impatto ambientale prevista dalla direttiva Cee 83/337.

A presentare un reclamo erano stati nel 2003 il Wwf e i Verdi, che ieri hanno cercato, ognuno dalla propria postazione, di attribuirsi il merito (di entrambi) di aver acceso i riflettori della Ue sul contestatissimo progetto.

Il ponte che dovrebbe collegare definitivamente via strada la Sicilia al Continente di fatto distrugge un’autostrada esistente da decine e decine di anni: quella che gli uccelli hanno tracciato per le loro migrazioni verso l’Europa centrale e settentrionale.

Stiamo parlando di 312 specie di volatili, tra cui 32 tipi di rapaci.

Le direttive di cui l’Italia non ha tenuto conto sono quella «habitat» 92/43/CEE e quella «uccelli » 79/409/CEE.


In realtà, a non considerare le due direttive sono stati anche il Tar e il Consiglio di Stato che hanno respinto i ricorsi presentati da Wwf e Verdi a livello nazionale.

Il rischio, adesso, è che se l’Italia entro 60 giorni non prenderà provvedimenti, i fondi dell’Ue previsti per il progetto non arrivino più.

La perdita si aggirerebbe intorno al 10-20% della cifra totale che è pari a sei miliardi di euro.

La conferma dell’avvio della procedura d’infrazione è arrivata anche da Bruxelles, attraverso la portavoce all'Ambiente, Barbara Helferich.

Come ha spiegato Helferich, lo studio di impatto ambientale presentato dal paese e richiesto dall' Ue per ogni infrastruttura in zona protetta «non è stato realizzato nella maniera adeguata e quindi per questo motivo la Commissione ha chiesto più informazioni».

Se allo scadere dei due mesi il governo non provvederà a sciogliere i dubbi, la Commissione può procedere all'invio di una seconda lettera in cui mette nero su bianco la violazione delle regole ambientale da parte del paese.

Ieri i Verdi hanno chiesto alla società Stretto di Messina spa di non firmare il contratto definitivo con l’Impregilo, la ditta che si è aggiudicata l’appalto. «Ci sono troppe incognite sul futuro di questa opera - ha detto la senatriceAnna Donati - per firmare un contratto». Secondo il segretario Alfonso Pecoraro Scanio si deve «evitare che si causino danni alle casse dello Stato. Impregilo vuole guadagnare senza fare l'opera e intascando le penali. Altrimenti come si spiegherebbe perché tutte le cordate internazionali interessate alla realizzazione del ponte si sono pian piano ritirate ». I verdi hanno annunciato una diffida alla Stretto di Messina spa, la quale ieri ha replicato che l'apertura di una procedura di infrazione non significa l'accertamento di una violazione e pertanto non può essere interpretata come sentenza o addirittura comeuna «bocciatura del progetto». Nel frattempo, in attesa di conoscere i «dettagli fornirà alle competenti autorità tutte le informazioni occorrenti ». Per il governo ha parlato invece il ministro per l’Ambiente, Altero Matteoli, grande sostenitore dell’opera: «Leggeremo lemotivazioni e risponderemo ma la scelta politica resta quella di realizzare il ponte». Claudio Fava, eurodeputato Ds, commenta: «La Commissione Barroso l’ha confermato: stanno progettando il Ponte senza rispettare le procedure sull’impatto ambientale. E l’Europa è pronta a togliere anche quel minimo di finanziamenti per un’opera faraonica, nient’affatto prioritaria per l'Italia e per il Mezzogiorno».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news