LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Arriva la biblioteca globale
Aldo Zandi
Secolo d'Italia, 25/10/2005

Fino a qualche decennio fa, il vocabolo "rete" evocava l'intreccio di fili, più o meno spessi e a maglie più o meno larghe, usato dai pescatori per intrappolare le loro prede: di qui, il valore negativo attribuito a espressioni come "essere irretiti" o "finire in rete". Poi, il lessico sportivo cominciò ad entrare nell'uso comune, trascinandosi dietro quanto di buono e di cattivo comportava il mandare in rete una palla di varie dimensioni o qualcosa d'altro, come il disco dell'hockey su ghiaccio: un guaio per il tennis o per la pallavolo, un'occasione da festeggiare per il calcio o per la pallanuoto. "Net", allora, indicò il fallo, l'errore, che, ad esempio, rendeva nullo il colpo iniziale nel tennis, mentre "goal", italianizzato in "gol", pur partendo da significati vicini a un "limite da oltrepassare" - e, quindi, in teoria, adattandosi meglio alle "mete" del rugby - si caricò di messaggi confortanti, ovviamente non per la squadra che avrebbe dovuto impedirne la realizzazione.
Oggi la fitta rete (o net) di comunicazioni, con o senza fili, che ci permette contatti prima d'ora impensabili, pur guardata talvolta con perplessità, è ritenuta un enorme vantaggio: finire in rete, quindi, pur se implica qualche rischio, richiama in genere una conquista piuttosto che un danno, con buona pace per tutti i pesci cui, dopo la cattura, si spalancano le porte delle cucine o per i "martelli" del volley, che non riescono a mandare la palla in campo avversario.
Ora, dunque, è la volta delle biblioteche scolastiche, che, per effetto di un'iniziativa governativa già in atto dalla fine del secolo scorso, saranno, tra breve collegate tra di loro e confluiranno in un grande catalogo nazionale, fruibile da chiunque: poiché la connessione sarà anche con l'esterno, potremmo già affermare che, al posto di un armadietto con pochi libri, ogni alunno disporrà, sia pure virtualmente, di un'immensa biblioteca globale. Risparmiamo agli eventuali lettori la ridda delle sigle e degli acronimi delle istituzioni implicate nell'operazione, così come lo spreco di espressioni inglesi presente in tutti i documenti che la riguardano: forse, basterà sapere che sono coinvolti i ministeri dell'istruzione e quelli dei beni culturali e dell'innovazione tecnologica, insieme all'istituto per il catalogo unico, con tanto di corsi per formare il personale capace di utilizzare e rendere agibile ai ragazzi tale ingente massa di titoli, di autori e di contenuti.
È molto incoraggiante riscontrare che, dopo gli anni dell'antinozionismo e del rifiuto anche delle nozioni, a vantaggio delle chiacchiere a vuoto e dei giudizi infondati, si ripercorra la strada dell'informazione e si recuperi il gusto della lettura, purché, però, la svolta tecnologica non faccia dimenticare lo spirito con cui, anche con scarsi mezzi, venivano costituite delle piccole biblioteche scolastiche. Spesso alloggiate in stanzini angusti, con cataloghi di pochi fogli scritti a mano, tali modeste raccolte di volumi erano integrate da donazioni e da prestiti degli stessi alunni, con lo scopo di far circolare la carta stampata e stimolare, insieme alla solidarietà, la ricerca e l'approfondimento, creando le premesse per un minimo di spirito critico. Sotto tale aspetto, anzi, una pur limitata serie di libri, in cui rintracciare ciò che soddisfa la curiosità di ciascuno, per formulare un giudizio motivato, risulta più utile di tante notizie scaricate direttamente dalla rete informatica, con l'ausilio di un buon motore di ricerca: la fatica, in questo caso, può esser direttamente proporzionale alla crescita personale, perché costruisce un criterio di lavoro, anche quando non ottiene grandi risultati. Sta, in fondo, a ciascuno di noi scegliere tra la pioggia di notizie poco meditate e l'abitudine alla critica; oppure - e sarebbe decisamente meglio - non scegliere e godere, invece, delle opportunità offerte dall'innovazione, senza abbandonare i frutti di precedenti conquiste metodologiche.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news