LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PONTE DI MESSINA: Un ponte che non fa bene all'economia
SALVATORE BUTERA
14/10/2005 La Repubblica, Palermo

La vicenda del ponte sullo Stretto di Messina esce in questi giorni dal dibattito culturale ed economico per entrare nel vivo. stato detto mercoled dai responsabili della societ Stretto di Messina ma anche da Andrea Monorchio, amministratore delegato di Infrastrutture Spa, persona peraltro altamente stimabile, che d'ora in avanti (dopo la scelta quale generai contractor di Impregilo, al prezzo di 3,8 miliardi di euro) non sar pi possibile tornare indietro ma sar necessario, nell'ipotesi che il ponte non venga pi costruito, pagare delle pesantissime penali alle societ che hanno vinto la gara. Penali che avranno grosso modo lo stesso prezzo della costruzione del ponte. Circostanza che rende quasi impossibile tornare sui passi gi compiuti. Passi, bisogna pur dire, abbastanza imprudenti. Perch chi li ha compiuti non ha tenuto conto di alcuni dati di fatto che da tempo, nel lunghissimo dibattito sul tema del ponte, hanno contrassegnato le ragioni del pro ma soprattutto quelle del contro.
In primo luogo il ponte dovrebbe fondare le proprie prospettive economiche sulla presunzione di una crescente domanda di trasporto di passeggeri e merci via terra da e per la Sicilia. Esaminando la situazione della Sicilia e della sua economia, anche con uno sguardo al futuro, non pare che si sia in presenza di questa crescente domanda su cui si fonda il ponte. Anzi pare esattamente l'opposto. Si pensi alle autostrade del mare, ma soprattutto all'enorme incremento del trasporto aereo, sia per i passeggeri sia per le merci. Ora in un mondo in cui con un euro si raggiunge dalla Sicilia l'In-ghilterra, con le compagnie low cost, sembra altamente improbabile che schiere di passeggeri traghettino lo Stretto attraverso il ponte se non al pi in un primo momento di curiosit.
E chiaro che per andare a regime il ponte ha bisogno di un forte afflusso di passeggeri che facciano raggiungere il punto di pareggio fra costi e ricavi. Ci awiamo verso un'ennesima cattedrale nel deserto, anche perch qui di deserto veramente si tratta. Se noi consideriamo l'habitat intorno al ponte, sia sulla sponda calabrese sia su quella siciliana, ci rendiamo conto che il ponte viene a situarsi in un terreno che pi povero non potrebbe essere; non solo, ma in un territorio che dai cento piccoli mestieri comunque collegati al traghettamento trae un certo sollievo. Si tratterebbe di perdere immediatamente oltre un migliaio di posti di lavoro. Vero d'altro canto con i lavori del ponte si occuperebbero migliaia di operai, che per non sono stabili. Finiti i lavori, cos come avviene nell'edilizia, si tornerebbe alla disoccupazione e quindi le prospettive sono tutt'altro che rosee.
La lezione che viene dalle ifrastrutture della Sicilia proprio questa:le infrastrutture siciliane (che poi sono molto pi abbondanti di quanto non si dica) sono state mal calcolate e malrealizzate.Sipensiai35 anni che ci sono voluti per completare la Palermo-Messina, che doveva essere la prima autostrada siciliana. Invece si prefer la Palermo-Catania fatta malissimo e che ha provocato vittime fin dai primi anni di funzionamento. Autostrade semideserte, gratuite ma non certo ottimali. A questo si aggiunge la situazione delle Ferrovie dello Stato. Sappiamo tutti di che qualit sono i nostri treni e i ritardi che accumulano.
Un altro argomento pesante quello chele sponde di Scilla e Cariddi, tanto celebrate in molte pagine letterarie, sono uno dei luoghi pi belli della terra: basta gettare uno sguardo fra Bagnara Calabra e Scilla, alle sponde della Calabria per ammirare stupefatti la bellezza di quei luoghi. Il pensare che quel paesaggio mitico debba essere in qualche modo interrotto e frantumato dal ponte unacosache (aldil diposizioni ambientaliste) fa male.

Il ponte fu perfino profetizzato da Giuseppe Antonio Borgese quando nel '33, scrivendo la famosa prefazione alla Guida del Touring se ne usc conia ormai famosa espressione un'isola non abbastanza isola, aggiungendo subito dopo, nell'incipit di quel famoso e bellissimo scritto: effettivamente meno di 4 chilometri separano la sponda calabrese da quella siciliana talch si potrebbe ipotizzare che un ponte le possa unire. L'idea del ponte dunque c'era, ma era un'idea del tutto letteraria che Borgese espone al negativo e che gli serve per far capire la condizione di isolamento della Sicilia.
La pericolosit del passo compiuto ieri va sottolineata in tutta la sua gravita. Sulla Sicilia passano degli schiacciasassi senza che l'opinione pubblica prenda posizione o si assuma le sue responsabilit. Personalmente sono contrario al ponte fin dall'epoca del governo Mattarella, allorquando vi fu in Italia (1978), da parte della Confndustria, della societ Ponte di Messina, dell'Accademia dei Lincei (che promosse un convegno) una vera e propria offensiva mediatica. Allora si era in pieno meridionalismo e si disse che il ponte sarebbe servito a coprire le pi urgenti richieste della Sicilia che invece era (ed ) in condizioni di divario pesantissime. Oggi il meridionalismo non e' pi, la questione meridionale morta e sepolta e il ponte assume in questo deserto una posizione e una valenza addirittura maggiori ma che ancor di pi fanno rilevare quanto esso sia lontano dalle esigenze vere e primarie della Sicilia e di tutto il Mezzogiorno.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news