LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PONTE DI MESSINA: Un ponte che non fa bene all'economia
SALVATORE BUTERA
14/10/2005 La Repubblica, Palermo

La vicenda del ponte sullo Stretto di Messina esce in questi giorni dal dibattito culturale ed economico per entrare nel vivo. stato detto mercoled dai responsabili della societ Stretto di Messina ma anche da Andrea Monorchio, amministratore delegato di Infrastrutture Spa, persona peraltro altamente stimabile, che d'ora in avanti (dopo la scelta quale generai contractor di Impregilo, al prezzo di 3,8 miliardi di euro) non sar pi possibile tornare indietro ma sar necessario, nell'ipotesi che il ponte non venga pi costruito, pagare delle pesantissime penali alle societ che hanno vinto la gara. Penali che avranno grosso modo lo stesso prezzo della costruzione del ponte. Circostanza che rende quasi impossibile tornare sui passi gi compiuti. Passi, bisogna pur dire, abbastanza imprudenti. Perch chi li ha compiuti non ha tenuto conto di alcuni dati di fatto che da tempo, nel lunghissimo dibattito sul tema del ponte, hanno contrassegnato le ragioni del pro ma soprattutto quelle del contro.
In primo luogo il ponte dovrebbe fondare le proprie prospettive economiche sulla presunzione di una crescente domanda di trasporto di passeggeri e merci via terra da e per la Sicilia. Esaminando la situazione della Sicilia e della sua economia, anche con uno sguardo al futuro, non pare che si sia in presenza di questa crescente domanda su cui si fonda il ponte. Anzi pare esattamente l'opposto. Si pensi alle autostrade del mare, ma soprattutto all'enorme incremento del trasporto aereo, sia per i passeggeri sia per le merci. Ora in un mondo in cui con un euro si raggiunge dalla Sicilia l'In-ghilterra, con le compagnie low cost, sembra altamente improbabile che schiere di passeggeri traghettino lo Stretto attraverso il ponte se non al pi in un primo momento di curiosit.
E chiaro che per andare a regime il ponte ha bisogno di un forte afflusso di passeggeri che facciano raggiungere il punto di pareggio fra costi e ricavi. Ci awiamo verso un'ennesima cattedrale nel deserto, anche perch qui di deserto veramente si tratta. Se noi consideriamo l'habitat intorno al ponte, sia sulla sponda calabrese sia su quella siciliana, ci rendiamo conto che il ponte viene a situarsi in un terreno che pi povero non potrebbe essere; non solo, ma in un territorio che dai cento piccoli mestieri comunque collegati al traghettamento trae un certo sollievo. Si tratterebbe di perdere immediatamente oltre un migliaio di posti di lavoro. Vero d'altro canto con i lavori del ponte si occuperebbero migliaia di operai, che per non sono stabili. Finiti i lavori, cos come avviene nell'edilizia, si tornerebbe alla disoccupazione e quindi le prospettive sono tutt'altro che rosee.
La lezione che viene dalle ifrastrutture della Sicilia proprio questa:le infrastrutture siciliane (che poi sono molto pi abbondanti di quanto non si dica) sono state mal calcolate e malrealizzate.Sipensiai35 anni che ci sono voluti per completare la Palermo-Messina, che doveva essere la prima autostrada siciliana. Invece si prefer la Palermo-Catania fatta malissimo e che ha provocato vittime fin dai primi anni di funzionamento. Autostrade semideserte, gratuite ma non certo ottimali. A questo si aggiunge la situazione delle Ferrovie dello Stato. Sappiamo tutti di che qualit sono i nostri treni e i ritardi che accumulano.
Un altro argomento pesante quello chele sponde di Scilla e Cariddi, tanto celebrate in molte pagine letterarie, sono uno dei luoghi pi belli della terra: basta gettare uno sguardo fra Bagnara Calabra e Scilla, alle sponde della Calabria per ammirare stupefatti la bellezza di quei luoghi. Il pensare che quel paesaggio mitico debba essere in qualche modo interrotto e frantumato dal ponte unacosache (aldil diposizioni ambientaliste) fa male.

Il ponte fu perfino profetizzato da Giuseppe Antonio Borgese quando nel '33, scrivendo la famosa prefazione alla Guida del Touring se ne usc conia ormai famosa espressione un'isola non abbastanza isola, aggiungendo subito dopo, nell'incipit di quel famoso e bellissimo scritto: effettivamente meno di 4 chilometri separano la sponda calabrese da quella siciliana talch si potrebbe ipotizzare che un ponte le possa unire. L'idea del ponte dunque c'era, ma era un'idea del tutto letteraria che Borgese espone al negativo e che gli serve per far capire la condizione di isolamento della Sicilia.
La pericolosit del passo compiuto ieri va sottolineata in tutta la sua gravita. Sulla Sicilia passano degli schiacciasassi senza che l'opinione pubblica prenda posizione o si assuma le sue responsabilit. Personalmente sono contrario al ponte fin dall'epoca del governo Mattarella, allorquando vi fu in Italia (1978), da parte della Confndustria, della societ Ponte di Messina, dell'Accademia dei Lincei (che promosse un convegno) una vera e propria offensiva mediatica. Allora si era in pieno meridionalismo e si disse che il ponte sarebbe servito a coprire le pi urgenti richieste della Sicilia che invece era (ed ) in condizioni di divario pesantissime. Oggi il meridionalismo non e' pi, la questione meridionale morta e sepolta e il ponte assume in questo deserto una posizione e una valenza addirittura maggiori ma che ancor di pi fanno rilevare quanto esso sia lontano dalle esigenze vere e primarie della Sicilia e di tutto il Mezzogiorno.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news