LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nessun Ponte sullo Stretto solo soldi
CESARE DE SETA
La Repubblica, Napoli, 17/10/2005



II Ponte di Messina stato varato: e poich opera presentata come chiave di volta di una politica a favore del Mezzogiorno, merita considerazione. Se ne parla da trent'anni e pi: lo Stato ha investito oltre centocin-quanta miliardi di vecchie lire in analisi di ogni tipo la cui probit non intendo neppure sfiorare, anche se i nodi che questa monumentale impresa d'ingegneria porta con s non sembrano del tutto risolti. Lo Stretto di Messina tra le aree sismiche a pi alto rischio del Mediterraneo, come una tragica e secolare sequela di terremoti inequivocabilmente dimostra. Per non passare per un arcade nulla dir dell'impatto ambientale e paesistico. Negli ultimi anni si sciolta come neve al sole la favola di un finanziamento tutto coperto da una grande holding giapponese che-forte di grandi esperienze nel settore-si sarebbe accollata tutti gli oneri e i rischidell'impresa. Il che vuoi dire che ci si trova di fronte a un investimento enorme, che inevitabilmente esclude che possano essere affrontati altri impegni non meno trascurabili o forse non affatto dilazionabili. Mi riferisco -per fare degli esempi strettamente legati alla mobilit-all'ammodernamento della rete ferroviaria che da Napoli a Potenza a Bari, da Palermo a Catania, in uno stato comatoso indegno di un paese europeo; mi riferisco ancora alla esangue e dissestata rete marittima per il trasporto di merci e passeggeri nel bacino meridionale del Mediterraneo.
Mi fermo qui, che ben altre e ben numerose sarebbero le priorit da anteporre a un'opera che -una volta risolti tutti i dubbi tecnico-scientifici - dovrebbe concorrere a lenire il drammatico problema dell'occupazione nel Sud d'Italia. evidente che un'impresa infrastrutturale come quella del Ponte sullo Stretto si configura come un'opera ad alto investimento per addetto; incomparabilmente pi alto di una politica ragionata per potenziare il trasporto ferroviario e il cabotaggio, ammodernare la rete autostradale e risanare le aree urbane che sono nello stato in cui sono Napoli, Reggio Calabria, Messina, Catania e Palermo. Il governo intende ignorare questi dati di fatto e pertanto la questione prima ancora che tecnica eminentemente politica: investe cio la responsabilit del governo che ha sempre condotto una serrata critica alla politica che passata alla storia come quella delle "cattedrali nel deserto". Chimica, petrolchimica, siderurgia dove si sono scialate risorse immense con esiti miserevoli per lo sviluppo del Mezzogiorno. Tuttavia sarebbe ingenuo non vedere che i palazzi romani e no, della politica, dell'economia pubblica e privata, hanno l'acquolina in bocca. Poich al centro della questione il pretesto Mezzogiorno, il suo sviluppo, il problema sempre pi drammatico dell'occupazione. persino ovvio pensare che il varo del Ponte sacrifica esigenze primarie al "vello d'oro". Chi ha vinto a mani basse la ditta Impregilo -l'altro e unico contendente si chiaramente defilato - che avr una marea di soldi per la progettazione, poi si vedr. Faccio, arrischiando, una previsione: il Ponte non si costruir, ma attorno all'impresa si muover un mare di danari che verranno spesi o meglio scialati a danno del Mezzogiorno.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news