LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LE MANI SULLA SICILIA: Il parco delle Madonie. Sicilia, blitz sui parchi: pronti cemento e piste da sci
23/10/2005, L'Unit


Ancora non lhanno messa ai voti, ma l, pronta, tra le leggi che lAssemblea regionale siciliana vuole lincenziare prima di andare a nuove elezioni. Se non fosse per le preoccupazioni finanziarie della Regione che hanno rinviato la tabella di marcia dei lavori forse sarebbe cosa gi fatta. Il presidente Tot Cuffaro dovuto salire fino a Roma e minacciare le sue dimissioni per ottenere promesse di fondi da Berlusconi. In Sicilia si vince se si promettono pioggia di euro e appalti.

Ecco perch il disegno di legge sui Poli turistici nei parchi regionali dellisola una priorit.

Sarebbe un colpaccio: piste da sci, seggiovie, campi da golf, alberghi e ristoranti disseminati nei parchi di Etna, Nebrodi e Madonie. Piazzati in zona A e B, pezzi di territorio cio, sottoposti a vincoli assoluti o semiassoluti. Un ostacolo facilmente raggirabile secondo quanto previsto dal disegno di legge: quelle aree verrebbero declassate in zone C dove gli interventi sono possibili e i vincoli presentano maglie molto pi larghe. Nel disegno di legge, firmato da Salvo Flores, deputato di Forza Italia, e Lino Leanza, Udc, anche assessore al comune di Bronte (dove il sindaco Pino Firrarello, senatore di Forza Italia con radici lontane piantate nella vecchia Democrazia Cristiana), si parla di strutture turistico-ricettive, culturali, aree di parcheggio, nonch trasformazioni edilizie.
Quattro le aree individuate: polo turistico Nord-ovest dellEtna che rientra nei parchi di Enta e Nebrodi; polo turistico Sud-est dellEtna; polo turistico Nord-est Nebrodi nellomonimo parco e polo turistico nord-est delle Madonie. Il provvedimento prevede anche la possibilit di cambiare la classificazione delle aree di protezione con un decreto dellassessore regionale per il territorio e lambiente su proposta dei sindaci interessati e previo parere del Comitato esecutivo e del Comitato tecnico scientifico del parco da rendersi perentoriamente entro 30 giorni. Il Parco si pu pronuciare entro 30 giorni, il parere - che non vincolante - se viene rilasciato anche con un solo giorno di ritardo si intende favorevole. Contro questo progetto si sono schierate le associazioni ambientaliste siciliane (Legambiente, Wwf, Cai, Italianostra e Lipu) e circa ottanta docenti universitari di tutto il mondo che lo scorso luglio si sono incontrati a Vienna per il 17 congresso botanico internazionale. Secondo Legambiente il vero obiettivo quello di cementificare e stravolgere, realizzando nuove aree turistiche con impianti sciistici e strutture alberghiere, le aree pi integre dei parchi e in particolare quelle sottostanti Santa Lucia, nel comune di Bronte in zona A del Parco dellEtna. Si tratta di uan zona, il versante nordo ccidentale del vulcano rimasto integro grazie proprio ai vincoli posti dal Parco, per la cui tutela praticamente sorto lo stesso ente regionale. Le piste da sci, la funivia e le relative strutture di contorno interesserebbero le zone delle colate laviche di grande interesse paesistico. Una zona dove, tra laltro - dice Mimmo Fontana di Legambiente - la neve se c dura poco, mentre lattivit effusive del vulcano sono costanti. Chi vuole andare a sciare sullEtna pu gi farlo a Nicolosi e Linguaglossa. Le associazioni ambientaliste si sono organizzate e hanno presentato ricorso al Commissario dello Stato chiedendo il blocco di questa legge sottolineando che si tratta di quelle di maggiore valore naturalistico, e sono state determinate nei decreti istitutivi dei parchi, sulla base di approndite analisi scientifico- naturalistche. La legge per ha anche i suoi sostenitori: Gianfranco Miccich, ad esempio, ministro per lo Sviluppo e la coesione territoriale. Il quale andando in visita lo scorso luglio sul versante Nord-ovest del vulcano, ospite del sindaco di Bronte, ebbe a dire: Sono fortemente a favore di qualsiasi progetto di sviluppo concreto che produca crescita economica e sociale e sono favorevolissimo al terzo polo turistico, dovete solo presentarmi i progetti. nato addirittura un comitato a difesa dei poli turistici. Il presidente Enzo Sgr ha anche avviato una petizione nei comuni di Maletto, Bronte, Randazzo e Maniace. Sgr convinto che la nascita di un terzo polo turistico nel versante Nord Occidentale dell' Etna, non avendo certamente ripercussioni negative sugli attuali due poli esistenti, in considerazione della crescente domanda turistica, permetterebbe una migliore distribuzione del flusso turistico creando una sinergia con i due poli turistici esistenti nei comuni di Linguaglossa e Nicolosi. La natura - ha pi volte sostenuto - deve essere protetta ma non imbalsamata e permettere un uso oculato e controllato non significa volerla distruggere ma farla amare ai cittadini educandoli ad una civile fruizione. Tra i contrari figurano anche lassessore regionale al Turismo, Fabio Granata (An) e il deputato Bartolo Sammartino. Il nostro patrimonio ambientale unico al mondo e bisogna trattarlo in modo adeguato, aumentando la qualit dei servizi ma senza aprire la strada a infrastrutture che ne farebbero venir meno o ne comprometterebbero la valenza paesaggistica . Vale la pena di ricordare che un anno fa si cerc di costruire anche nella zona della riserva dello Zingaro, una delle pi suggestive della Sicilia. Anche allora, come oggi, la motivazione era quella dellincentivo allo sviluppo turistico e economico.



Cuffaro e la sua legge regionale per Etna, Nebrodi e Madonie: le aree protette vengono declassate
l pronto nel cassetto il disegno di legge sui poli turistici: per la destra una priorit daffari e di elezioni



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news