LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GINOSA «Scoperta» la tomba di un bambino d'era greca
Rino Petrosino
22/10/2005, La Gazzetta del Mezzogiorno(Taranto)

Nei pressi della casa comunale dove recentemente un'altra tomba in via Tempio era stata già... ripulita


All'interno il «corredo» funerario composto da otto piccoli vasi tra i quali due «gutti» (come biberon)


GINOSA Questa volta non è stato un flop il rinvenimento di un'altra tomba nello stesso sito, cioè in via Tempio, nelle adiacenze della Casa comunale, in cui ne era stata trovata gorni fa un'altra che però era risulta già ... ripulita, anche delle ossa! Questa volta si è trattato della tomba di un bambino, che alla sua aperturta ha offerto, sia al plaudente pubblico presente che alla dott.ssa Teresa Schojer, funzionario della Sovrintendenza Archeologica di Taranto, e al Direttore del Museo civico, Giambattista Sassi, al sindaco Montanaro e al consigliere delegato alla cultura, Vitantonio Bradascio, la gradita sorpresa di un dovizioso corredo funebre nonchè uno scheletro di un bambino dell'apparente età di circa due-tre anni. Erano ben otto i piccoli vasi depositati all'interno della tomba: un piccolo «cratere» con decorazione lineare, con all'interno una «olletta» per attingere liquidi, due pccoli vasi, uno «skyphos», due «gutti», cioè due vasetti con beccuccio che all'epoca venivano usati come i moderni biberon. La piccola tomba così come rinvenuta sarà collocata nei locali che verranno adibiti a sezione del museo cittadino mentre la tomba più grande è stata estratta ed adagiata ai margini di Piazza Sarno, angolo via Tempio, dove verrà sitemata definitivamente per la pubblica visione, e illustrata mediante fotografie scattate al momento del rinvenimento, corredate della descrizione dei dati storici. In merito a questo nuovo importante ritrovamento, abbiamo chiesto alla dott.ssa Schojer dettagliati particolari. «Quello che abbiamo trovato -ha esordito la dott.ssa Schojer- è la deposizione di un bambino, deposto rannicchiato, in posizione fetale, come tutti i defunti che si trovano nell'area della Peucetia confermata dalla presenza del piccolo vaso nel cratere, l'olletta, che fa parte del rituale caratteristico proprio della Peucetia». Ma a che epoca risalgono? «Da una stima approssimativa può essere il V° sec. a.C., forse la parte finale, siamo cioè nel periodo in cui c'è l'influenza greca in queste zone che si è già avvertita nell'età arcaica e che diventa sempre più preponderante, a mano a mano che trascorre il tempo. Infatti -continua la dott. Schojer- è il momento in cui scompaiono i vasi indigeni a decorazione geometrica che erano presenti nei corredi del VI° sec. a.C.». Qual è l'importanza di questi ritrovamenti? «Ovviamente diciamo che l'importanza è una conferma di quanto già si sapeva della ricchezza del sottosuolo ginosino che ha sempre restituito testimonianze della vita antica però purtroppo mai in condizioni di integrità. Infatti, in questo scavo abbiamo trovato il sarcofago violato di un adulto che è stato completamente ripulito del suo corredo tanto che non si è trovato neanche un frammento. Per la correlazione che c'è con l'altra tomba, potremmo pensare che si tratti di una tomba della stessa epoca». Ha aggiunto ancora «per nostra fortuna, di Ginosa conosciamo qualcosa in più anche dal punto di vista topografico. Ginosa, grazie al cielo e, devo riconoscerlo, anche all'impegno di questa Amministrazione, ci sta fornendo qualche dato per la formazione di una carta archeologica del territorio». Ma la dott.sa Schojer ci ha riferito di altre recenti scoperte di cui ne parleremo in un prossimo servizio descrivendo anche il perchè delle numerose tombe rinvenute quasi tutte violate, e degli altri importanti siti archeologici scoperti e...ricoperti.








news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news