LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tav, scavo finito e Lunardi fa un comizio elettorale
22/10/2005, L'Unità, Firenze



Il ministro: «Se si faceva a modo mio era partita da due anni». Conti: «È lui che vuole bloccarla»


QUANDO SALE sul piccolo palco ricavato nel cuore di quello che qualche anno fa era solo un ammasso di roccia, attacca. «È con commozione che torno in questa galleria.

Ho ritrovato gli amici minatori e gli amici lavoratori coi quali ho passato ore di grande emozione durante la realizzazione di quest’opera». Detto così vien da pensare a un ministro minatore degno esponente del presidente operaio. Se non fosse che la commozione, per il titolare del dicastero delle Infrastrutture Pietro Lunardi, svanisce in pochi minuti. Il tempo di smettere di parlare “a braccio” e di affidarsi ai fogli che un fido collaboratore gli fa trovare sotto al microfono.
«Sono sicuro - spara - che i cittadini temono che si possa tornare al passato, alla politica del non fare sostenuta nel programma di alcuni esponenti dell’Unione che prevede in modo esplicito il blocco dei lavori del Mose a Venezia, della Torino-Lione, del Corridoio tirrenico e del ponte sullo stretto di Messina ».

Se a questo si aggiunge la rivendicazione di quanto fatto dal governo che «lascia una eredità positiva, concreta e misurabile alla prossima legislatura» ecco servito il comizio elettorale. Un comizio intriso però di contraddizioni pensando a quanto lo stesso Lunardi aveva detto (sempre non “viziato” da appunti) al momento del suo arrivo.


«La tratta Bologna-Firenze dell’Alta velocità non è merito di questa legislatura e di questo governo che l’ha solo condivisa». Perché in effetti l’avvio di questa grandiosa opera (78,5 chilometri di cui 73,4 in galleria) fu avviata sotto il governo Prodi.

L’ultimo diaframma di roccia nella galleria di Vaglia, 19 chilometri che collegano la Valle dell’Arno con la Val di Sieve, è invece caduto ieri portando così a termina anche la variante di Firenze-Castello che completa la tratta Bologna-Firenze e lo scavo dell’intera opera. Ci sono voluti 9 anni di lavori affidati alGeneral Contractor Fiat/Cavet per arrivare a questo punto. Altri tre, invece, ce ne vorranno per completare tutta l’opera. «La linea sarà attiva entro la fine del 2008» dice il presidente e amministratore delegato delle Ferrovie Elio Catania.


Che aggiunge poi come la tabella di marcia relativa al nodo fiorentino procederà spedita. «Entro l’anno - spiega - sarà bandita la gara e assegnato l’appalto, unico ma diviso in due parti, sia per lo scavalco di Castello sia per la nuova stazione della Tav disegnata da Foster che sorgerà nella zona dei Macelli». Un’affermazione recepita positivamente («Bene, vediamo adesso che tipo di bando fanno») dall’assessore fiorentino alle Infrastrutture Gianni Biagi. Tempi accelerati, insomma, per un’opera che alla fine sarà costata oltre 3 miliardi e mezzo di euro e che ha visto l’impegno economico «quintuplicato» (come ammette lo stesso ministro Lunardi) anche alla luce degli ingenti problemi idrogeologici che l’opera ha comportato.
Alla cerimonia sono intervenuti anche il vicepresidente della Regione Toscana, Federico Gelli, il presidente della Provincia Matteo Renzi e il sindaco di Sesto Fiorentino, Gianni Gianassi, sul cui territorio si affaccia la galleria di Vaglia. Proprio Gianassi ha ricordato i 4 operai morti nel cantiere (Pasqualino Costanzo, Pietro Gianpaolo, Pasquale Adano e Giovanni Damiano) e ha ringraziato le migliaia di lavoratori che si sono alternati «la maggioranza dei quali arrivati dal sud». Gelli e Renzi hanno invece sottolineato i meriti nella realizzazione dell’opera di Regione ed enti locali ed hanno polemizzato con le parole di Lunardi. «Se partecipava alle primarie come tanti altri delusi dal centrodestra si sarebbe trovato con quel 75% di persone che hanno votato Prodi e il governo riformista che ha dato il via a questi lavori» ha ironizzato Renzi. Gelli ha invece parlato di «spot elettorale» e di «bufala se pensa che il centrosinistra fermerà le grandi opere».



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news