LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BOLOGNA: Meno tasse ai privati che investono in cultura
22/10/2005, L'Unit, Bologna

DEFISCALIZZAZIONE dei privati. su questo punto che vuole battersi la regione, per rispondere, almeno in parte, alle difficolt in cui versa in Italia il mondo della cultura e dello spettacolo, in questi giorni martoriato, pi del passato, dai tagli del Fus (Fondo unico per lo spettacolo), risultati dalla Finanziaria. A comunicare lintento della Regione lassessore Alberto Ronchi.

Qualisonoi suoi progetti nello specifico?

Abbiamo avuto una riunione due giorni fa. Lidea, cos come aveva sottolineato il presidente Vasco Errani in occasione del suo insediamento, quella di proporre alla conferenza delle regioni, entro fine anno, la bozza a cui stiamo lavorando per un serio piano di defiscalizzazione dei privati che investono sulla cultura: fatto banale, comune in tutti i paesi pi civili del nostro.

Di cosasi tratta? I privati non riescono ad investire davvero in cultura. assurdo che una ditta che acquista unauto possa scaricarla dalle tasse, e sia impossibilitata a fare la stessa operazione se lo fa in cultura. Ci che proponiamo - con la speranza che gli effetti si sentano nella prossima Finanziaria - incentivare i privati ad investire nella cultura, sia che si tratti di beni o di attivit.

un iter complesso? La formula, come ho detto, banale, visto che in Francia, in Germania, negli Stati Uniti, una metodologia utilizzata da tempo. La materia pi complessa perch comporta un controllo sugli investimenti: operazione che gli enti locali, e non il governo centrale sarebbero in grado di fare.
Perch fino ad ora non stato fatto? Perch in questo paese c un problema di scarsissima considerazione della cultura. In Francia, sia che governi la destra o la sinistra, la cultura viene considerata al pari del welfare. Intendiamoci: chiaro che non si deve chiudere un asilo per sostenere un teatro, ma in Italia la cultura sentita come una spesa, e non uno strumento di sviluppo economico (sostenibile), di coesione sociale. In Francia questanno, nonostante i tagli, il governo ha investito il 10% in pi nella cultura. Da noi impensabile, perch, nonostante i nostri prodotti culturali siano celebrati nel mondo, continuiamo a comportarci con unarretratezza vergognosa. E mi chiedo: questo governo continua a citare gli Stati Uniti come esempio da seguire, e non sa che l la defiscalizzazione una normalit. Perch dobbiamo copiare dallAmerica solo la tv - inguardabile - e non gli esempi di civilt? Questo un problema anche della sinistra, per, perch, a parte le iniziative personali (vedi Walter Veltroni), la cultura non viene considerata come parte di un tutto, ma un settore a s. Se ci si pensa, anche per le Primarie, nessuno ne ha parlato. Tornando al Fus, bisognerebbe riflettere su come organizzato. possibile che la danza non sia praticamente citata e gli enti lirici stiano a fianco del circo?

Come vi comporterete con i tagli? La Finanziaria colpisce terribilmente gli enti locali. Sarebbe interessante, per, se i sindaci non pensassero solo a tagliare la cultura. Bologna in questo senso mi pare muoversi in unottica di sostegno. Noi ci riuniremo in giunta luned e, nonostante i ridimensionamenti, riusciremo ad aumentare il numero di soggetti convenzionati, a lasciare invariate le quote per le province e a dare alcuni segnali positivi ai gi convenzionati.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news