LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Al gran blob del libro: va dove ti porta il mercato
Maria Serena Palieri
L'Unità 22/10/2005

«Ogni film, una volta, era un libro»: è uno tra gli slogan della LVII edizione della Buchmesse. A cosa allude, all'OIiver Twist di Roman Polanski che rinverdisce il romanzo dickensiano? Più in generale al matrimonio, sempre più rodato e pianificato, tra narrativa e grande schermo. Un matrimonio che si è formalizzato qui, negli anni scorsi, con la partnership tra Buchmesse e Festival di Berlino e con la nascita dello spazio apposito, nella appartata ma sempre più strategica «Halle 0», per la trattativa tra produttori cinematografici e televisivi e agenti letterari. Un campo in cui è accreditata come primadonna Su-sanna Lea, l'agente che ha saputo vendere a Spielberg i diritti di un romanzo di Marc Lévy prima che fosse pubblicato. La Buchmesse 2005 certifica che il libro - romanzo, autobiografia, diario - in termini di macrostrategie planetarie è ormai sempre più un anello di una catena che, secondo i punti di vista,
viene chiamata «industria dei contenuti» o «industria dell'intrattenimento». Sicché, in una Fiera del Libro, le vere stelle di spicco sono Wim Wenders (regista che s'è fatto ispirare da scrittori come Patricia Highsmith e Dashiell Hammett), che si aggira nella Halle 0, e il disegnatore Albert Uderzo, papà di Asterix, eroe di carta arrivato felicemente sul grande schermo, che qui presenta il suo ultimo album che racconta una Gallia anti-Bush, appena uscito, tra polemiche, in 27 paesi. Mentre il neo-direttore della Fiera, Juergen Boos, annuncia un altro matrimonio, tra Buchmesse e Nurnberg Toy Fair, in nome dell'alleanza tra libro e giocattolo. Se Francoforte, all'occhio dell'osservatore, costituisce un punto di vista privilegiato sul «dove va il mondo», o meglio, dove il mercato porta il mondo, diciamo che il grosso degli investimenti vanno a creare cibo per un'umanità che anela, infantilmente, a divertirsi, a «essere intrattenuta» nel suo tempo libero. Resta però, in retrovia, un'industria che non disdegna i vantaggi dell'intreccio tra media diversi, ma che ha in mente fruitori adulti anziché consumatori. Operazione Narnia. Il 9 dicembre esce negli Stati Uniti il film della Disney ispirato a una saga fantasy, Le cronache di Narnia di C.S.Lewis, che per il pubblico anglosassone è l'equivalente di quello che per noi è Pinocchio. Nello stand Harper Collins è visibile la filiera, chiamiamola pure il blobbone, in cui un romanzo, nel momento in cui diventa film, oggi può trasformarsi: non la semplice gadgeteria di pupazzetti, sticker e zainetti, quella è chiaro che arriverà, ma gli audio-books per bambini e per adulti-bambini, con le voci recitanti di Kenneth Branagh e Lynn Redgrave, Michael York e Jeremy Northam, così come album Narnia per insegnare a leggere ai piccolini. Insomma, usiamo un'espressione vetero, una classica operazione di «colonizzazione dell'immaginario». Pianificata in due lingue, inglese e spagnolo. Con l'avvertenza di Harper Collins - che detiene pur sempre i diritti della trilogia, uscita nel '49 - «leggete il libro prima di andare a vedere il film» (da noi i diritti dell'operazione sono di Mondadori). La serialità, cioè la promessa che il mondo virtuale in cui siamo entrati non ci abbandonerà costringendoci a tornare a quello reale, è un'altra delle caratteristiche di questo tipo di prodotto: Joseph Delaney, ex maestro, inglese del Lancashire, esordisce sempre per Harper Collins con l'annuncio di una serie - per quanto ne sappiamo il primo debuttante che si affaccia con un'intera enciclopedia in mano - il cui primo titolo è The Last Apprentice. Revenge of the witch. Per ora, come qui avviene, per gli agenti c'è solo il primo capitolo. Ma già confezionato - illustrazione fantasy, carata sul grande schermo - come se fosse un film. E c'è chi, di questa idea di produzione, ne fa un'insegna: la britannica Elastic Editorial Concept nasce per riesumare la saga dello scozzese clan MacLachlan e usarla come un elastico, appunto, per scorazzare su e giù per il Medio-Evo con libri che diventano giochi, figurine che diventano album... Ma, quanto la fiction da vedere, anziché da leggere, sia radicata -come da noi ancora non è - nel profondo della cultura di lingua inglese, lo dimostra forse più un'operazione colta: la raccolta di saggi sulla trilogia cinematografica di Matrix che Oxford
Ùniversity Press ha commissionato a un pool di filosofi accademici di primo piano. Dan Brown, Soldi che fanno gola. Dopo la Rowlings di Harry Pot-ter, chi è lo scrittore più invidiato del pianeta? Brown, naturalmente. Michael Baigent e Richard Leigh, autori di The holy blood, the holy Graal, romanzo uscito nel 1982, hanno denunciato per plagio l'autore del Codice Da Vinci: la prima udienza si terrà la settimana prossima a Londra. È una polemica tutta in casa: sia Brown che i due querelanti pubblicano con Random House. Brown avrebbe copiato l'ipotesi che Gesù si fosse sposato con la Maddalena per dar vita poi a una serie di società segrete prolungatesi nei millenni. Baigent e Leigh vogliono bloccare il romanzo, ma anche il film con Tom Hanks in uscita l'anno prossimo. Il motivo? Lo dicono chiaro: «Noi abbiamo faticato e Brown ha fatto miliardi». E per restare in tema «blobbone», non smette di figliare l'idea di Brown: Eddison Sadd's edita i tarocchi che l'americana Caitlin Matthews ha creato ispirandosi alle macchine volanti di Leonardo e mettendosi in contatto, spiega - poteva essere diversamente? - con l'anima del suddetto. Mentre vi assicuriamo che arriverà nei prossimi mesi al ruolo di star Maria Maddalena: la vedremo protagonista della mistery novel, il genere che quest'anno, dopo la conspiracy novel. il romanzo complottardo che



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news