LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lo spettacolo? È senza qualità
Alessandro De Nicola
Il Sole 24 ore 22/10/2005

"Money for nothing, chicks for free». La generazione che ha amato i Dire Straits non può essersi dimenticata la loro parodia canora dello show business: «Soldi per niente e gallinelle gratis». Ma non ditelo a Roberto Benigni, Nanni Moretti o ai fratelli Guzzanti, sempre sdegnosamente pronti a ridicolizzare tutti e tutto salvo la loro curiosa retorica sul taglio dei fondi allo spettacolo. La Finanziaria di quest'anno ha decurtato i sussidi a cinema, lirica e teatro da 460 a 300 milioni di euro, scatenando le proteste di attori, registi, maestranze e imprenditori).
Questa sforbiciata «taglia i sogni» secondo Benigni, oppure è un attacco di Berlusconi alla sinistra cinematografica a sentire il regista Lizzani o è un colpo all'industria del turismo a parere di Pez-zotta ed Epifani (si veda anche l'articolo di Salvatore Carrubba sul Sole-24
Ore di ieri). Ma è proprio vero che la riduzione delle elargizioni di Stato è così dannosa oppure si tratta di money for nothing'? In primo luogo il concetto stesso di sovvenzione ad opere artistiche è contraddittorio. L'arte è libertà creativa: quale minaccia maggiore di un MinCulPop (il ministero del Ventennio) che insindacabilmente distribuisce soldi discriminando tra buoni e cattivi, raccomandati e indipendenti, apocalittici e integrati? In secondo luogo, lo Stato decide chi è bisognoso con criteri tutti suoi: ad esempio la lirica sarà pure meritevole, ma cos'hanno fatto di male i romanzieri e i saggisti per rimanere a bocca asciutta? Forse è giusto che i cantanti pop debbano mantenersi da soli, ma cosa dire dei filmetti tipo Mutande pazze che ottennero i loro regolari contributi? Terza considerazione: come sempre accade, l'aiutino pubblico diminuisce l'efficienza.
I sussidi sono forse serviti a migliorare la qualità del cinema italiano? O a sconfiggere la concorrenza degli studios americani? Chi conosce la sindacalizza-zione degli enti lirici — ivi compresa la Scala di Milano — sa benissimo che se fossero applicati dei criteri di efficienza in termini di orari e salari l'attuale situa-
zione verrebbe ribaltata. Se i teatri producessero a costi più competitivi, i prezzi diminuirebbero, le rappresentazioni aumenterebbero e così gli spettatori... eppure non si fa.
A ulteriore riprova di ciò si possono guardare delle semplici statistiche che riguardano il cinema. Appare evidente, ad esempio, come non ci sia correlazione tra ammontare di investimenti privati e pubblici (i secondi non influiscono positivamente sui primi), né tra questi ultimi e il numero di presenze in sala per vedere film italiani o coprodotti in Italia. Nell'ultimo quinquennio, il miglior anno per il numero di spettatori di film italiani (il 2002, con il 23% del totale) è stato preceduto da quello con meno contributi statali (il 2001 che è l'anno da considerare visto lo iato temporale tra produzione e uscita del film). Tale non parallelismo si riscontra in tutto il quinquennio. A voler esser sadici si nota anche che il sovvenzionatissimo cinema francese nel 2003 e 2004 è stato visto solo dall'1,5% degli spettatori italiani, crollando rispetto agli anni precedenti. La Mente Pubblica non garantisce qualità, parbleu.
Quarto punto. L'intrattenimento, anche culturale, è una priorità? Dovendo scegliere tra il ridurre la spesa sociale per gli handicappati o gli anziani e quella per Gabriele Muccino, credo che ci siano pochi dubbi su cosa privilegiare. Penultima osservazione: i privati hanno pochi incentivi a sovvenzionare conservatori ed enti lirici se non hanno agevolazioni fiscali e non possono inserirsi nella gestione. Entrambe queste politiche sono però oggi inattuate.
Infine: chi magari si oppone ferocemente alla fiat tax perché la trova iniqua (e non lo è), appoggia invece un sistema di redistribuzione delle risorse altamente regressivo in cui i poveri pagano i divertimenti dei ricchi. I fruitori dello spettacolo appartengono infatti alla classe media e alta. La presenza di qualche loggionista squattrinato non intacca la logica dei grandi numeri: gli abbonati alla Fenice, gli amanti di Mozart e i cinefili hanno redditi superiori alla media. È bene che le tasse servano a sovvenzionare i loro urbani piaceri? Insomma, se proprio gli operatori del settore si sentono di utilizzare al meglio altro denaro oltre a quello a disposizione, è bene che si industrino a trovare forme alternative di finanziamento, magari inventando un nuovo bond, James Bond.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news