LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Se il computer non uccide il libro
Giuseppe Laterza
la Repubblica 22/10/2005

Ipaesi in cui si legge di pi sono anche i pi innovativi. Per rendersene conto, basta sfogliare il volumetto "Il mondo in cifre", curato dall'Economist e pubblicato in Italia dalla casa editrice della rivista Internazionale.
Prendiamo l'Europa dell'euro: ai livelli pi alti nel numero di lettori di libri ci sono Svezia (72% della popolazione), Finlandia (66%), Gran Bretagna (63%), Lussemburgo (56%), Danimarca (55%), Olanda (53%), Germania (50%). Ai livelli pi bassi troviamo invece il Portogallo (35%), la Grecia (36%), la Spagna (40%), l'Irlanda (40%) e - ahinoi - l'Italia, con solo il 42 per cento della popolazione che dichiara di aver letto almeno un libro all'anno.
Stessa classifica vale per i lettori di quotidiani. Mentre su mille abitanti, inNorvegia leggono quotidiani in 561, in Finlandia 445, in Svezia 417, nel Regno Unito 297 e in Germania 283, in Italia scendiamo a 110, meno di Ungheria, Slovenia e Bulgaria e in (cattiva) compagnia con Grecia, Portogallo e Spagna.
La somiglianza tra i dati di lettura dei libri e quelli riguardanti i quotidiani potrebbe risultare scontata. Un po' meno quella tra lettura di libri e uso del computer.
Anche in questo caso troviamo invece una perfetta corrispondenza: non vero, come qualcuno temeva, che l'uso del computer riduce la lettura di libri. Al contrario, i paesi in cui si legge di pi sono anche quelli in cui pi diffusi sono i computer e pi ampia la frequentazione di Internet. Passando a indici di innovazione pi sofisticati, l'Economist riporta tre classifiche interessanti: l'indice di creativit economica (una media tra risorse umane, incentivi di mercato e grado di interazione tra imprese e ricerca scientifica) , l'indice di competitivit globale e l'indice dell'ambiente imprenditoriale, che misura il contesto economico e istituzionale pi favorevole alle imprese.
Ebbene, in tutti e tre gli indici ritroviamo ai primi posti i paesi di forti lettori e agli ultimi quelli in cui silegge meno, tra cui il nostro. Certo, la capacit innovativa non solo un fatto economico, c'entra una componente sociale, legata agli stili di vita. Anche su questo la correlazione con la lettura di libri significativa: Svezia, Danimarca, Inghilterra, Germania sono i paesi nei quali la corruzione percepita minore, nei quali c' maggior parit tra uomo e donna e se questo pu essere considerato, un indice di modernit si fa pi largo uso di metodi contraccettivi.
L'Italia sistematicamente agli ultimi posti. Da noi si leggono pochi libri e pochi quotidiani, si usa poco il computer, si investe poco in ricerca, si stimola poco l'attivit imprenditoriale, si tollera la corruzione e si discriminano le donne.
Come interpretare questi dati? Possiamo leggere la correlazione nei due sensi e azzardare la tesi per cui la lettura di libri non solo un prodotto ma anche un fattore di innovazione? E se cos, non risulta ancor pi grave la mancanza di una organica politica pubblica per la promozione della lettura? E gli stessi imprenditori, non dovrebbero loro per primi investire in biblioteche, per assicurare un miglior futuro, anche economico, al nostro paese?
Queste sono le domande che ci porremo al secondo Forum del libro e della promozione della lettura che raccoglier a Bari il 5 e 6 novembre insegnanti, bibliotecari, librai, editori, rappresentanti delle istituzioni locali e del mondo economico, per scambiare esperienze e riflessioni. L'anno scorso Umberto Eco, intervenendo al Forum, era rimasto sorpreso dalle tante piccole iniziative di qualit che "fungheggiano" nel paese, spesso in provincia e nei piccoli centri.
Quest'anno l'associazione dei Presidi del libro che opera mettendo in rete gruppi di lettori in Puglia, Piemonte e altre regioni italiane ha invitato personaggi della vita pubblica italiana che possano testimoniare proprio l'importanza sociale ed economica della lettura: tra gli altri Guido Rossi, il vicepresidente della Confindustria e delegato per l'innovazione Pasquale Pistorio, il presidente dell'Anci Leonardo Domenici, Tullio De Mauro, Giuseppe De Rita, Enzo Cipolletta, il vicepresidente di Microsoft Umberto Paolucci.
Verr anche uno spagnolo, Luis Gonzales a raccontarci cosa fa nel suo paese la Fondazione da lui diretta che si dedica alla promozione della lettura con azioni dimostrative nei settori dei bambini, dei ragazzi e degli adulti, operando insieme a scuole e biblioteche, librerie ed editori. L'altro giorno al telefono, l'amico spagnolo mi diceva che la Fondazione, nata per iniziativa di un editore illuminato, ha l'appoggio convinto sia delle associazioni di categoria sia dei governi, nazionali e locali, anche perch la promozione della lettura in Spagna oggi di moda. Una moda che mi auguro un giorno arrivi anche in Italia.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news