LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CATALOGAZIONE I beni artistici del territorio pordenonese in 1.200 schede on line
(S.D.Z.)
Venerdì, 21 Ottobre 2005 Il Gazzettino online



Una banca dati dei beni storico-artistici presenti nel territorio provinciale. Circa mille 186 schede a disposizione on line e un lavoro durato due anni. A realizzarlo Serena Marcolin e Matteo Brusadin che in una tesi di laurea hanno trattato il tema I beni storico-culturali nella provincia di Pordenone: linee guida per un progetto integrato di territorio in area vasta. Il lavoro si è basato sulla convinzione che «la conoscenza del territorio nella sua componente culturale ha spiegato Marcolin è un elemento imprescindibile perché possa essere esercitata un'oculata azione di tutela e valorizzazione». Conoscenza che si è concretizzata nella predisposizione di una schedatura dei beni architettonici del territorio. «Questa mappatura ha aggiunto Marcolin è partita da un'analisi dei dati posseduti dagli enti che si occupano di catalogazione, dalla Soprintendenza ai Beni Ambientali, Architettonici, Archeologici e Artistici al centro regionale di Catalogazione e Restauro di Villa Manin. Informazioni spesso incomplete che ci hanno portato a svolgere un'ulteriore analisi all'Archivio di Stato di Pordenone». «Da un confronto dei dati a disposizione del centro di villa Manin con quelli recuperati dall'archivio di Stato ha commentato Marcolin è emerso che molti dei beni di valore non sono ancora oggi tutelati e sono lasciati nel più totale abbandono e degrado». Ecco che un archivio storico documentale acquista un valore fondamentale, secondo i due ricercatori, che va in direzione di un nuovo modo di elaborare politiche d'azione. «E' chiaro che la programmazione di interventi volti al restauro e alla valorizzazione condivisa tra Stato, Province, Comuni e altri enti non può che avvenire attraverso una comune conoscenza della quantità, qualità e consistenza dei beni presenti sul territorio».
Attraverso questo sistema di dati è possibile selezionare le aree su cui si vogliono acquisire informazioni dettagliate. I due studenti hanno per esempio preso in considerazione l'area pedemonte, compresa tra Caneva e Pinzano al Tagliamento, di cui hanno individuato tipologia di edifici, dal territorio del sacro all'albergo diffuso, dall'ecomuseo della montagna pordenonese al medioevo presente, individuando poi dei percorsi per la fruizione dei beni storici. A questa si è affiancata una serie di linee guida per il recupero archeologico, il disboscamento e la riqualificazione delle stesse opere storico-architettoniche.




news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news