LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La cultura strategica e merita investimenti
Salvatore Carrubba
Il Sole 24 ore 21-OTT-2005

La manifestazione snobistica, autoreferenziale, corporativa organizzata la settimana scorsa a Roma dagli uomini di spettacolo contro i tagli al settore della cultura sembrava fatta apposta per suscitare l'irritazione dell'opinione pubblica e l'indifferenza della classe di governo. Peccato: un'altra occasione mancata. Perch l'emergenza seria e andrebbe affrontata senza trasmettere l'impressione di difendere a tutti i costi i propri interessi di bottega (o di botteghino).
Cominciamo con il ricordare che la cultura non solo spettacolo. Per quanto siano gravi i tagli al Fondo unico per lo spettacolo, l'intervento pubblico a favore della cultura si spiega su un terreno assai pi ampio, che comprende molti altri settori, a partire da quello delicatissimo e insostituibile della tutela (che, ricordiamolo, rimasto di competenza statale). Non solo film, dunque, ma musei, aree archeologiche, biblioteche, archivi; tutti vittime dei drastici tagli della Finanziaria e del decreto "tagliaspese".
Anche il liberista pi incallito riconosce che tutte queste attivit costituiscono casi da manuale del cosiddetto "fallimento del mercato": sono cio settori e attivit che non possono reggersi sul mercato, nei quali i ricavi non possono pareggiare i costi. Non pu avvenire in Italia, non avviene nel resto del mondo.
Non solo nei casi (per esempio archivi e biblioteche) in cui i ricavi mancano del tutto, ma anche in quelli che comunque prevedono delle entrate. Se i musei dovessero reggersi solo sui ricavi, compresi quelli dai troppo mitizzati "servizi aggiuntivi", in tutto il mondo ne resterebbero aperti, forse, un paio. La cultura, insomma, va sostenuta non per quello che rende ma per quello che . E dobbiamo sperare che il ministro Buttiglione riesca a farlo comprendere ai suoi colleghi.
Se dunque l'intervento pubblico resta indispensabile (e infatti tutti i Paesi sulla cultura investono, assai pi dell'Italia) va aggiunto che c' modo e modo di gestire. E che perci sacrosanto cercare di introdurre elementi di managerialit nella gestione di tutte le attivit culturali, proprio per evitare sprechi ormai ingiustificabili, di cui alcuni leggendari contributi a pellicole mai uscite nelle sale cinematografiche sono solo l'esempio pi eclatante. D'altra parte, ben difficile educare alla managerialit offrendo il pessimo esempio di un finanziatore che, a pochi mesi dall'inizio di attivit che si organizzano spesso con anni di anticipo, taglia all'improvviso e drasticamente il proprio contributo. Non c' azienda che potrebbe reggere a un simile stile di gestione.
Quello che servirebbe, dunque, non impugnare l'accetta a settembre, ma lavorare di bisturi tutto l'anno; e immettere nel sistema quegli elementi di buona gestione che possano correggere l'impressione (non sempre fondata) che cultura e spettacolo siano solo sinonimi di scialo e prodigalit.
Va anche riconosciuto che qualche segnale di novit c' stato: i pur timidi accenni di defiscalizzazione ai contributi privati alla cultura, la cui portata stata proprio di recente ampliata, rappresentano l'accenno di una svolta che andrebbe maggiormente pubblicizzata dallo Stato e utilizzata dai privati; la legge sul cinema stata riformata; i tentativi di allargare alla collaborazione con i privati la gestione di grandi istituzioni culturali come musei e teatri d'opera vanno potenziati, riformati se necessario, ma non certo abbandonati; nuovi canali di finanziamento sono stati introdotti, quali i contributi dai grandi lavori e i proventi della giocata del Lotto: e sarebbe interessante far conoscere con maggiori dettagli quanto rendano e come siano investiti.
Sia lo Stato (con gli enti locali) che il mondo della cultura devono dunque cambiare atteggiamento. Il primo, per dimostrare di credere nella cultura. Il secondo, per acquistare quella capacit e responsabilit di gestione che l'affranchi dalla soggezione a politici e burocrati. Entrambi, per utilizzare al meglio risorse pubbliche sempre pi scarse, mobilitare quelle private, appassionare sempre di pi i consumatori.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news